Society
di Elisabetta Limone 26 Giugno 2020

7 cose senza senso a cui credono solo gli italiani

Perché, voi non avete paura del colpo di freddo?

Credere, credere, credere. Fidarsi del primo link che passa o della tradizione tramandata da generazioni: l’importante è credere ciecamente, senza prendersi la briga di controllare o verificare. Lo facciamo tutti, ogni tanto. E lo fanno persone in tutto il mondo. Il risultato? Una serie di credenze insensate a cui crede un’intera popolazione. A seconda della storia e della posizione geografica, il contenuto cambia, ma il succo rimane sempre lo stesso. Abbiamo provato a mettere in fila le sette più grandi panzane a cui gli italiani continuano a credere o a voler credere. E sì: ci siamo passati tutti.

 

1. Le dichiarazioni solenni per tutelare la privacy su Facebook

facebook-privacy Facebook

Girano dal 2012, tornano fuori circa una volta l’anno, e ancora c’è chi non solo ci casca, ma forse addirittura ci crede. C’è differenza: perché cascarci implica l’accorgersi di essere stati ingannati, crederci implica proprio abdicare al proprio intelletto. È peggio la seconda. Massì, li avrete visti anche voi i post su Facebook in cui si “reclamano la proprietà dei propri contenuti intellettuali” nei confronti di Facebook. Tutto surreale, come vi avevamo già spiegato tempo fa.

 

2. I famigerati colpi di freddo

 

Come mai cammini così storto?
Eh, mi sono beccato un colpo di freddo…
Una conversazione che può svolgersi solo in Italia, perché solo noi siamo convinti che l’aria possa essere responsabile di acciacchi e dolori a caso. Per questo ci copriamo con sciarpe e maglioni a collo alto, ci infiliamo la maglietta della salute ben dentro i pantaloni e guardiamo con estremo sospetto gli stranieri che girano per le nostre città con giacche e maglioni molto più leggeri dei nostri. Se loro sopravvivono a ben altre latitudini, perché noi dobbiamo essere convinti che l’aria sia nostra nemica? Misteri della fede.

 

3. Il bagno dopo tre ore

Intere infanzie hanno perduto ore e ore di tempo a seccarsi sotto il sole in attesa della digestione totale, definitiva, completa. Ma davvero serve aspettare tre ore prima di fare il bagno? Ovviamente no: la International Life Savings Federation dice che si può – andate a vedere sul link il capitolo “Eating Before Swimming”, è uno degli ultimi – noi scegliamo una via di mezzo, ovvero quello che si legge su Altroconsumo, che a sua volta cita il Ministero della Salute: “Non ti diremo di aspettare mezz’ora, due o tre ore dopo un pasto per entrare in acqua: non ci sono prove che questo eviti malesseri, o peggio, ti metta a rischio di crampi e annegamento. È vero però che il pasto impegna gli organi deputati alla digestione, che chiedono quindi un maggior apporto di sangue, a discapito della periferia del corpo e dell’apparato muscolare. Nonostante il nostro fisico sia in grado di far fronte a tutte queste necessità, meglio non impegnarlo in una lunga nuotata o in tuffi dagli scogli, specie se l’acqua è fredda. Per evitare problemi di digestione e di affaticamento, evita i pasti pesanti in spiaggia, in modo da poter entrare in acqua senza remore e senza aspettare ore al sole.“. Fatelo leggere alla mamma se non vi fa fare il bagno.

 

4. La svendita dei Ray-Ban su Facebook (o gli iPhone regalati, o le Volkswagen)

truffa-rayban-701x294 Facebook

Ray-Ban svenduti, iPhone regalati, automobili Volkswagen, tutto gratis, certamente! A cadenza di qualche mese ricapitano sulle nostre bacheche e ci cascano anche insospettabili. Va detto che le tre bufale sono un tantino diverse: se quella di Ray-Ban è a tutti gli effetti un virus, quella degli iPhone e delle Volkswagen impone una call to action al pesciolone che abbocca: condividere il post originale dichiarando il colore di cui desidera lo smartphone Apple o l’auto.

 

5. I cd in macchina che sconfiggono gli autovelox

 

Una credenza ai limiti del pensiero magico che ha attecchito in molti italiani, che ancora viaggiano tranquilli oltre i limiti, convinti che quel vecchio Greatest Hits dei Matia Bazar possa ingannare la Stradale. L’idea che un cd appeso in macchina – allo specchietto retrovisore, o direttamente sul lunotto – possa impedire a un autovelox di multarci, in sostanza, accecandolo, è grottesca. Quattoruote ci ha fatto pure un test. No, non funziona. E soprattutto andate piano.

 

6. Le bottiglie d’acqua antipipì fuori dalla porta o dal negozio

Schermata 2016-04-19 alle 12.18.54 YouTube

Chissà: forse milioni di anni fa, quando felini e canidi si affacciavano sul pianeta Terra le loro esistenze erano perennemente minacciate da dispettose bottiglie d’acqua, che li interrompevano di quando in quando scappava loro un bisognino. Ma più probabilmente non è accaduto nulla del genere, e mettere una bottiglia d’acqua sulla porta per tenere lontani cani e gatti – soprattutto allontanare le loro deiezioni – non serve a nulla.

 

7. Guardare nella bottiglia d’olio per far passare l’orzaiolo

 

Già che ci siete prendete anche delle verdure per il pinzimonio e pucciatele nel bulbo oculare, magari sono buone. Ovviamente è una credenza popolare priva di qualunque rigore scientifico: tanti rimedi della nonna sono stati sostituiti da farmaci, altri, invece, andrebbero sostituiti dal buon senso.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >