Society
di Elisabetta Limone 26 Giugno 2020

7 cose senza senso a cui credono solo gli italiani

Perché, voi non avete paura del colpo di freddo?

Credere, credere, credere. Fidarsi del primo link che passa o della tradizione tramandata da generazioni: l’importante è credere ciecamente, senza prendersi la briga di controllare o verificare. Lo facciamo tutti, ogni tanto. E lo fanno persone in tutto il mondo. Il risultato? Una serie di credenze insensate a cui crede un’intera popolazione. A seconda della storia e della posizione geografica, il contenuto cambia, ma il succo rimane sempre lo stesso. Abbiamo provato a mettere in fila le sette più grandi panzane a cui gli italiani continuano a credere o a voler credere. E sì: ci siamo passati tutti.

 

1. Le dichiarazioni solenni per tutelare la privacy su Facebook

facebook-privacy Facebook

Girano dal 2012, tornano fuori circa una volta l’anno, e ancora c’è chi non solo ci casca, ma forse addirittura ci crede. C’è differenza: perché cascarci implica l’accorgersi di essere stati ingannati, crederci implica proprio abdicare al proprio intelletto. È peggio la seconda. Massì, li avrete visti anche voi i post su Facebook in cui si “reclamano la proprietà dei propri contenuti intellettuali” nei confronti di Facebook. Tutto surreale, come vi avevamo già spiegato tempo fa.

 

2. I famigerati colpi di freddo

 

Come mai cammini così storto?
Eh, mi sono beccato un colpo di freddo…
Una conversazione che può svolgersi solo in Italia, perché solo noi siamo convinti che l’aria possa essere responsabile di acciacchi e dolori a caso. Per questo ci copriamo con sciarpe e maglioni a collo alto, ci infiliamo la maglietta della salute ben dentro i pantaloni e guardiamo con estremo sospetto gli stranieri che girano per le nostre città con giacche e maglioni molto più leggeri dei nostri. Se loro sopravvivono a ben altre latitudini, perché noi dobbiamo essere convinti che l’aria sia nostra nemica? Misteri della fede.

 

3. Il bagno dopo tre ore

Intere infanzie hanno perduto ore e ore di tempo a seccarsi sotto il sole in attesa della digestione totale, definitiva, completa. Ma davvero serve aspettare tre ore prima di fare il bagno? Ovviamente no: la International Life Savings Federation dice che si può – andate a vedere sul link il capitolo “Eating Before Swimming”, è uno degli ultimi – noi scegliamo una via di mezzo, ovvero quello che si legge su Altroconsumo, che a sua volta cita il Ministero della Salute: “Non ti diremo di aspettare mezz’ora, due o tre ore dopo un pasto per entrare in acqua: non ci sono prove che questo eviti malesseri, o peggio, ti metta a rischio di crampi e annegamento. È vero però che il pasto impegna gli organi deputati alla digestione, che chiedono quindi un maggior apporto di sangue, a discapito della periferia del corpo e dell’apparato muscolare. Nonostante il nostro fisico sia in grado di far fronte a tutte queste necessità, meglio non impegnarlo in una lunga nuotata o in tuffi dagli scogli, specie se l’acqua è fredda. Per evitare problemi di digestione e di affaticamento, evita i pasti pesanti in spiaggia, in modo da poter entrare in acqua senza remore e senza aspettare ore al sole.“. Fatelo leggere alla mamma se non vi fa fare il bagno.

 

4. La svendita dei Ray-Ban su Facebook (o gli iPhone regalati, o le Volkswagen)

truffa-rayban-701x294 Facebook

Ray-Ban svenduti, iPhone regalati, automobili Volkswagen, tutto gratis, certamente! A cadenza di qualche mese ricapitano sulle nostre bacheche e ci cascano anche insospettabili. Va detto che le tre bufale sono un tantino diverse: se quella di Ray-Ban è a tutti gli effetti un virus, quella degli iPhone e delle Volkswagen impone una call to action al pesciolone che abbocca: condividere il post originale dichiarando il colore di cui desidera lo smartphone Apple o l’auto.

 

5. I cd in macchina che sconfiggono gli autovelox

 

Una credenza ai limiti del pensiero magico che ha attecchito in molti italiani, che ancora viaggiano tranquilli oltre i limiti, convinti che quel vecchio Greatest Hits dei Matia Bazar possa ingannare la Stradale. L’idea che un cd appeso in macchina – allo specchietto retrovisore, o direttamente sul lunotto – possa impedire a un autovelox di multarci, in sostanza, accecandolo, è grottesca. Quattoruote ci ha fatto pure un test. No, non funziona. E soprattutto andate piano.

 

6. Le bottiglie d’acqua antipipì fuori dalla porta o dal negozio

Schermata 2016-04-19 alle 12.18.54 YouTube

Chissà: forse milioni di anni fa, quando felini e canidi si affacciavano sul pianeta Terra le loro esistenze erano perennemente minacciate da dispettose bottiglie d’acqua, che li interrompevano di quando in quando scappava loro un bisognino. Ma più probabilmente non è accaduto nulla del genere, e mettere una bottiglia d’acqua sulla porta per tenere lontani cani e gatti – soprattutto allontanare le loro deiezioni – non serve a nulla.

 

7. Guardare nella bottiglia d’olio per far passare l’orzaiolo

 

Già che ci siete prendete anche delle verdure per il pinzimonio e pucciatele nel bulbo oculare, magari sono buone. Ovviamente è una credenza popolare priva di qualunque rigore scientifico: tanti rimedi della nonna sono stati sostituiti da farmaci, altri, invece, andrebbero sostituiti dal buon senso.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >