Society
di Gabriele Ferraresi 5 Aprile 2016

Abbiamo chiesto a un fiscalista di Panama perché conviene portare i soldi in un paradiso fiscale

Quando ha senso spostare i capitali all’estero, e perché farlo. Ne abbiamo parlato con chi ci lavora

paradisi fiscali panama  Fusion - Dove mettiamo i soldi?

 

I Panama Papers, la grande inchiesta giornalistica nata da un leak di documenti riservati dello studio legale panamense Mossack Fonseca – specializzato nella creazione di società in paradisi fiscali – ha acceso i riflettori su uno dei più noti centri offshore del mondo, Panama, e su come ricchi e potenti quando possono, sfuggano al fisco nazionale.

Del resto, una protagonista di Sex & The City diceva che “Gli uomini tradiscono per lo stesso motivo per cui i cani si leccano le palle; perché ci riescono“. Vale anche per l’elusione fiscale: se puoi farlo, lo fai. Tanto più che nella stragrande maggioranza dei casi le operazioni di finanza offshore sono perfettamente legali, e i paradisi fiscali malgrado i proclami delle organizzazioni internazionali continuano a esistere per un motivo molto semplice. Perché a qualcuno servono.

 

 

Giusto ieri Donato Masciandaro, professore e direttore del Dipartimento di Economia dell’Università Luigi Bocconi di Milano commentava riguardo ai Panama Papers che “Panama è un centro offshore conclamato, e da tempo, le organizzazioni internazionali l’ultima volta che hanno ufficialmente acceso i riflettori su Panama è stato nel 2014. Il governo di Panama ha risposto modificando la sua normativa sulla trasparenza finanziaria nell’aprile 2015, ma questo non significa che il Paese tutto ad un tratto sia divenuto trasparente rispetto alla necessità di conoscere la fisionomia dei capitali, anzi” spiegava in un video, sottolineando come lo strumento adottato per sanzionare i paradisi fiscali, le “liste nere” della comunità internazionale, sia quantomeno da ripensare.

 

 

Perché non funzionano: e i Panama Papers ne sono solo l’ultima delle prove.

La comunità internazionale usa nei confronti dei centri offshore uno strumento spuntato, le cosiddette liste nere. La lista nera dovrebbe funzionare con un sistema di bastone e carota. Il bastone per un Paese dovrebbe essere l’inserimento nella lista nera, la carota esserne messo fuori modificando il suo atteggiamento nei confronti della trasparenza. In realtà è un’arma che non funziona. Spesso i dati mostrano come in realtà la lista nera disegna una carota e una carota, nel senso che il Paese opaco vede aumentare il flusso di capitali proprio per la sua scarsa trasparenza“.

 

 

Ma il problema è anche un altro. Ammettendo anche che da parte della comunità internazionale ci sia un interesse a sanzionare questi paradisi fiscali, quali soluzioni ci potrebbero essere per limitare l’afflusso di capitali offshore? L’embargo finanziario e una chiusura degli scambi commerciali per i Paesi opachi, conclude il Prof. Masciandaro, del resto “Dagli anni ottanta abbiamo visto tanti embarghi messi in atto, alcuni anche odiosi, come quello sui medicinali, non abbiamo mai visto un embargo finanziario. La ragione è molto semplice: i paradisi fiscali, i centri offshore esistono perché esistono tanti Paesi onshore che hanno interesse a tenere ancora alcune enclave grigie, magari vicino ai propri confini. Scoprire di tanto in tanto che esiste un paradiso fiscale è la classica scoperta dell’acqua calda“.  Insomma, i paradisi fiscali esistono perché l’economia mondiale ne ha bisogno.

Per farci raccontare di Panama – da tempo buco nero dei capitali offshore – abbiamo contattato l’avvocato Giovanni Caporaso Gottlieb, vulcanico personaggio che tempo fa tentò anche la fondazione di uno Stato senza tasse, AntarcticLand, e spesso interpellato su questioni di fisco internazionale. Di lui si leggeva sul Fatto: “Giovanni Caporaso, ideatore del sito paradisifiscali.org e definito “il guru italiano delle offshore (…) Spiega di vivere a Panama da 20 anni e di aver scritto tre libri guida “per mettere a fuoco e proteggere i propri beni offshore”: “Come pagare Zero Tasse, i paradisi fiscali”, “Come usare una società offshore”, “I segreti della banca offshore”. “.

Il suo studio di Panama e i suoi uffici associati in Sud America e Caraibi offrono “servizi offshore, che comprendono: costituzione di società e fondazioni anonime; società di gestione di gioco d’azzardo e società di banca (per finanziarie); amministrazione di attività commerciali” e molto altro, insomma, tutto quello di cui avremmo bisogno per portare i nostri capitali lontano dal fisco. Gli abbiamo fatto qualche domanda.

Poniamo di voler portare a Panama un nostro ipotetico capitale, diciamo 10 milioni di euro. Quanto potrebbe costare una consulenza fiscale completa sul genere quelle offerte dallo studio Mossack Fonseca?
In genere la consulenza ha un costo fisso e non dipende dal capitale che poi verrà spostato, differente nel caso di consulenza su come spostare i propri capitali, che può costare dal 1 al 10% (del capitale, ndr). Mossack e Fonseca non sono carissimi, in genere i loro prezzi sono un 30% superiori ai miei.

Perché a molti conviene ancora occultare il denaro tramite società offshore?
Per proteggerli da un fisco assurdo che si accanisce contro le imprese, e per mancanza di fiducia sul sistema economico, politico e fiscale di un paese.

Come mai esistono ancora i paradisi fiscali?
Semplice, perché esistono paesi ad alta tassazione che impediscono agli imprenditori di sviluppare una attività remunerativa e li obbligano a cercare stratagemmi per sopravvivere in un mercato globale.

Chi ha convenienza al fatto che continuino a esistere?
Tutti, il sistema economico è globale e il costo delle tasse deve essere competitivo per poter restare a galla.

Quali ritiene che saranno le conseguenze dell’inchiesta Panama Papers per i leader politici coinvolti?
Come sempre cadranno i piccoli e finirà in una bolla di sapone per i grandi, è il gioco delle parti e dei poteri.

Come cambierebbe la finanza mondiale se non esistessero più paradisi fiscali?
Recessione generale.

Esiste una soglia quantitativa di denaro oltre la quale diventa “conveniente” affidarsi alla finanza offshore?
Dai 20mila euro annuali in su, praticamente sempre.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >