Society
di Simone Stefanini 5 Aprile 2016

I 10 spot pubblicitari della nostra adolescenza, che ancora non ci togliamo dalla testa

Ricordate Olio Cuore, Ferrero Rocher e il pennello Cinghiale? Allora siete dei nostri

shgdfjkhags via

 

Ogni adolescenza coincide con la pubblicità. Di quelle che si sono appiccicate al nostro cervello come la gomma del ponte o come il Big Babol e che non si staccano più. Nel corso della nostra vita ne abbiamo viste a migliaia, perché siamo nati in concomitanza con l’ascesa della televisione commerciale, che nel nostro paese ha un solo nome che inizia per Silvio.

Ancora oggi ci ricordiamo slogan, volti, sigle di quelle che sono state le pubblicità della nostra vita, che nonostante servissero a scopi puramente economici, fanno subito aprire il cassetto della nostalgia, che di questi tempi sta più aperto che chiuso.

Ognuno ha le proprie, io per esempio ero ossessionato con le finestre che si aprivano e si chiudevano e dalle modelle impazzite della pubblicità del profumo Egoiste di Chanel, oggi invece sono tra quelli che si aspettano il seguito soft porno della 3some tra moglie, marito e Giovanna nella pubblicità di Saratoga, quella con la sadomazurka (definizione trovata sotto un video di YouTube che mi ha fatto impazzire)

Qui sotto, 10 pubblicità degli anni ’80 -’90, che non mancheranno di farvi pensare a quando eravate più giovani. Tranquilli, capita a tutti.

 

1) Il coro di Natale della Coca Cola

https://www.youtube.com/watch?v=4KLCF3d_JL0

“Vorrei cantare insieme a voi, in magica armonia (maaagicarmoonia)…” ed è subito natale, anche 30 anni dopo, anche ad agosto. Impossibile dimenticare il coro della Coca Cola di hippie con la candela in mano che formano l’albero. Lacrime.

 

2) Il pennello grande o il grande pennello?

https://www.youtube.com/watch?v=2kjjQiRo5oA

Il re di tutti i doppi sensi degli anni ’80. Una pubblicità mitica, fatta con quattro lire e ancora divertente, che mostra un paese naïf e simpatico. Occorre comunque ricordare ai maschietti con l’invidia del pene che non ci vuole un pennello grande, ma un grande pennello.

 

3) Ciribiribì Kodak

Blade Runner all’italiana: un tot di personaggi strani entrano nel futuribile negozio del fotografo (esistevano ancora ai tempi) e chiedono di farsi stampare il rullino su carta Kodak. Poi è la volta del tipetto alieno coi superpoteri e del suo ciribiribì KodakUna frase diventata culto.

 

4) La musichetta della Barilla e il gattino da salvare

La musica della Barilla la imparava ogni bambino alle prese con la pianola: era la successione dei tasti bianchi. Se accompagnata dal video del micio abbandonato e salvato dalla bambina con l’impermeabile giallo, è il massimo del diabete e comunque in ditta già sapevano che i gattini avrebbero conquistato il mondo.

 

5) La pubblicità della birra, che ai tempi non beveva nessuno

Un anziano non anzianissimo Renzo Arbore si immola per la birra. Non per quella di una marca specifica, per la birra in generale. Fa bene, non fa ingrassare (see, certo) ed è leggera. Poi lo slogan: meditate gente, meditate. Mitico.

 

6) Maxibòn, ciu gust is megl che uan

L’esordio sul piccolo schermo di Stefano Accorsi e della sua parlata bolognese tanto simpatica, mentre tenta di limonare due presunte straniere grazie a uno spaghetti english. Poi scopre che le due sono compaesane e via col limone (che non viene mostrato ma che sicuramente accade). Un grande classico.

 

7) Ambrogio e quel languorino da soddisfare

L’ennesimo classico del doppio senso. La signora vestita in giallo ha un leggero appetito e Ambrogio, il suo autista-domestico-maggiordomo-tuttofare-presunto amante ci pensa lui, tirando fuori i Ferrero Rocher. Non vi dico quante parodie c’hanno fatto, in cui il fedele Ambrogio tira fuori ben altro.

 

8) Dan Peterson e il Lipton Ice Tea

Dan Peterson era la storica voce del basket, del wrestling e di tutti gli altri sport americani che ha contribuito a importare in Italia. Il suo accento, in 40 anni, non è mai stato scalfito e ha portato a casa una serie di spot bellissimi, in cui finge di essere a Chattanooga, Tennessee e invece verosimilmente era a Milano 2.

 

9) Il salto della staccionata dell’Olio Cuore

Dino Zoff, 40 anni e non sentirli. E poi via di salto della staccionata. Tutto grazie a Olio Cuore, che non intasava le vene e quindi preveniva il coccolone. Che poi Zoff sembrasse 60enne, quello è un altro discorso.

 

10) Scienza, non fantascienza. Telefunken

I tedeschi e la loro tecnologia, che ti vogliono sempre far pesare. “Potevamo stupirvi con effetti speciali e colori ultravivaci” dice Hans (o un altro nome sassone a caso). Lo slogan Qualità costante nel tempo sembra una minaccia e forse lo è veramente.

 

BONUS – L’inossidabile cedrata Tassoni

Il miglior esempio di ammortamento dei costi di una pubblicità. Realizzata nel 1908, è ancora trasmessa, uguale identica a com’era, con il jingle di Mina “Quante cose al mondo puoi fare, costruire, inventare, ma trova un minuto per me.” Scherzavo, è in onda dal 1982, but still.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >