Society
di Marco Villa 15 Settembre 2015

Il testo del nuovo inno del Movimento 5 Stelle è poesia pura

Finalmente abbiamo capito i riferimenti del Movimento 5 Stelle

Grillo e Casaleggio come Paperino e Paperoga Italia 5 Stelle - Grillo e Casaleggio come Paperino e Paperoga

 

Parole intense e sentite, parole da cantare in coro con le lacrime agli occhi. Tutti insieme, ovvio, magari in occasione di un grande incontro pubblico come quello previsto a Imola a metà ottobre. È questa l’idea che è venuta a due attivisti del Movimento 5 Stelle e che ha portato alla nascita di “Lo facciamo solo noi”, il nuovo inno dei grillini, che va a sostituire quello di Fedez.

L’annuncio arriva dalla fonte più autorevole: il blog di Beppe Grillo, che oggi non solo ha pubblicato il video (anticipato da un ironicissimo pre-roll pubblicitario di Expo), ma ha anche raccontato la genesi del nuovo inno del Movimento 5 Stelle. Autori del brano sono Simone Pennino e Andrea Tosatto, con la collaborazione di Max Bugani. Tutti grillini doc, ovvio.

Andrea Tosatto, ricordiamolo, è l’autore di questo pezzo da 90 della discografia nostrana: “Il marò non c’è più”

 

 

“Vorrei scrivere una canzone nuova insieme ad Andrea (Andrea Tosatto) ma vorrei che non facesse ridere come le altre che abbiamo fatto per divertirci, vorrei che fosse utile a tutto il M5S, che aiutasse le persone a far capire quanto siamo diversi dagli altri”. Queste le parole di Simone Pennino che hanno dato il via al tutto e hanno portato a “Lo facciamo solo noi”.

Dichiarazioni che lasciano presagire una canzone emozionale, densa, identitaria. Qualcosa in cui tutti gli attivisti del Movimento si possano riconoscere.

Insomma, una canzone bella e di cui andare orgogliosi.

Ecco, no.

Intendiamoci: ognuno è libero di essere orgoglioso di ciò che vuole, però partire da “vorrei scrivere una canzone, ma vorrei che non facesse ridere” e arrivare a questo è davvero molto, molto divertente.

 

 

A livello musicale, siamo a metà tra Vasco e “T’appartengo” di Ambra, con netta predominanza della seconda. Ma chissenefrega, l’importante è che le parole siano potenti, che riescano a toccare i cuori dei Cittadini 5 Stelle. E forse è così, sempre che siate fan senza ritorno dei temini dei bambini di prima elementare.

A meno che non ci siano dei significati nascosti molto più profondi. Abbiamo provato ad analizzare tutto il testo e all’improvviso, al quarantottesimo ascolto, tutto è stato chiaro. Un caso? No: il 48 è l’anno di nascita di Beppe Grillo.

 

Le prime strofe del nuovo inno del Movimento 5 Stelle  Le prime strofe del nuovo inno del Movimento 5 Stelle

 

Salire sopra il tetto può far pensare alle proteste e ai sit in sopraelevati del Movimento, ma è evidente che si tratti in realtà di una tensione verso il cielo e l’assoluto, per allontanarsi da chi abita questa Terra senza rispetto. Non è un caso che questi esseri spregevoli vengano legati a un’espressione orrenda come “non ce n’ha”. Non può essere casuale.
La seconda strofa spiega meglio il motivo per cui il grillino tende verso l’alto: non fa compromessi, non accetta di trattare con chi vive intorno a lui e nella terza strofa si perfeziona il tutto: niente rimborsi, niente discorsi (che rima!). Arrivati a questo punto non si capisce cosa sia questa ITALIÀ, con l’accento sulla A, forse la città-stato stile Paperopoli in cui il Movimento si rinchiude dopo aver deciso di non voler più avere rapporti con nessuno.

 

grillini-2  Altre due strofe

 

Saltiamo per un attimo il ritornello, ma ci arriviamo presto. Nella quarta strofa si capisce chi è l’essere superiore a cui si tendeva nell’incipit: Batman. È lui il totem venerato dal Movimento, in grado di fermare lo spargitore di liquami come il grande criminale. Batman per i grillini è la personificazione della giustizia: l’uccisione dei genitori di Bruce Wayne rappresenta la perdita dell’innocenza della loro patria, quella da cui nascerà l’Italià con l’accento cui si accennava in precedenza. L’ultima strofa è poi un sentito ricordo di tutti quelli che non ci sono più: quel “siamo ancora qua” risuonerà nei cuori come un sofferto omaggio ai valorosi che hanno sacrificato la loro vita nelle trincee della Prima Guerra Mondial… ah no, scusate, quella era un’altra storia.

grillo-3  I ritornelli del nuovo inno del Movimento 5 Stelle

 

I ritornelli sono i momenti in cui l’orgoglio movimentista straripa senza freni. Con uno sprezzo della metrica che si fa ribellione allo status quo, si procede per contrapposizione tra il noi e un “loro” generico. Non si capisce se si parla di Satana, del Pinguino o di qualcosa di ancora più grande (il gruppo Bilderberg?). Il cattivo in questione usa la politica per fermare le piccole imprese: è forse Stalin reincarnato? No, è la casta, il mostro finale di quella grande avventura arcade che è il Movimento. I grillini sono diversi, perché guadagnano poco e lo sottolineano evitando di mettere la i in “guadagniamo”. Una licenza poetica molto ardita, che fa il paio con la citazione del Natale lavorativo e dei danni delle sigarette, chiaro messaggio contro le lobby del tabacco. Dopo aver messo in fila tutti gli arcinemici, si finisce con la certezza del “governiamo noi”. Tutto chiaro, tranne una cosa: ma che fine ha fatto Batman?

Come suggerisce il sito di Grillo, non resta che impararla a memoria.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >