Society
di Marco Villa 15 Settembre 2015

Il testo del nuovo inno del Movimento 5 Stelle è poesia pura

Finalmente abbiamo capito i riferimenti del Movimento 5 Stelle

Grillo e Casaleggio come Paperino e Paperoga Italia 5 Stelle - Grillo e Casaleggio come Paperino e Paperoga

 

Parole intense e sentite, parole da cantare in coro con le lacrime agli occhi. Tutti insieme, ovvio, magari in occasione di un grande incontro pubblico come quello previsto a Imola a metà ottobre. È questa l’idea che è venuta a due attivisti del Movimento 5 Stelle e che ha portato alla nascita di “Lo facciamo solo noi”, il nuovo inno dei grillini, che va a sostituire quello di Fedez.

L’annuncio arriva dalla fonte più autorevole: il blog di Beppe Grillo, che oggi non solo ha pubblicato il video (anticipato da un ironicissimo pre-roll pubblicitario di Expo), ma ha anche raccontato la genesi del nuovo inno del Movimento 5 Stelle. Autori del brano sono Simone Pennino e Andrea Tosatto, con la collaborazione di Max Bugani. Tutti grillini doc, ovvio.

Andrea Tosatto, ricordiamolo, è l’autore di questo pezzo da 90 della discografia nostrana: “Il marò non c’è più”

 

 

“Vorrei scrivere una canzone nuova insieme ad Andrea (Andrea Tosatto) ma vorrei che non facesse ridere come le altre che abbiamo fatto per divertirci, vorrei che fosse utile a tutto il M5S, che aiutasse le persone a far capire quanto siamo diversi dagli altri”. Queste le parole di Simone Pennino che hanno dato il via al tutto e hanno portato a “Lo facciamo solo noi”.

Dichiarazioni che lasciano presagire una canzone emozionale, densa, identitaria. Qualcosa in cui tutti gli attivisti del Movimento si possano riconoscere.

Insomma, una canzone bella e di cui andare orgogliosi.

Ecco, no.

Intendiamoci: ognuno è libero di essere orgoglioso di ciò che vuole, però partire da “vorrei scrivere una canzone, ma vorrei che non facesse ridere” e arrivare a questo è davvero molto, molto divertente.

 

 

A livello musicale, siamo a metà tra Vasco e “T’appartengo” di Ambra, con netta predominanza della seconda. Ma chissenefrega, l’importante è che le parole siano potenti, che riescano a toccare i cuori dei Cittadini 5 Stelle. E forse è così, sempre che siate fan senza ritorno dei temini dei bambini di prima elementare.

A meno che non ci siano dei significati nascosti molto più profondi. Abbiamo provato ad analizzare tutto il testo e all’improvviso, al quarantottesimo ascolto, tutto è stato chiaro. Un caso? No: il 48 è l’anno di nascita di Beppe Grillo.

 

Le prime strofe del nuovo inno del Movimento 5 Stelle  Le prime strofe del nuovo inno del Movimento 5 Stelle

 

Salire sopra il tetto può far pensare alle proteste e ai sit in sopraelevati del Movimento, ma è evidente che si tratti in realtà di una tensione verso il cielo e l’assoluto, per allontanarsi da chi abita questa Terra senza rispetto. Non è un caso che questi esseri spregevoli vengano legati a un’espressione orrenda come “non ce n’ha”. Non può essere casuale.
La seconda strofa spiega meglio il motivo per cui il grillino tende verso l’alto: non fa compromessi, non accetta di trattare con chi vive intorno a lui e nella terza strofa si perfeziona il tutto: niente rimborsi, niente discorsi (che rima!). Arrivati a questo punto non si capisce cosa sia questa ITALIÀ, con l’accento sulla A, forse la città-stato stile Paperopoli in cui il Movimento si rinchiude dopo aver deciso di non voler più avere rapporti con nessuno.

 

grillini-2  Altre due strofe

 

Saltiamo per un attimo il ritornello, ma ci arriviamo presto. Nella quarta strofa si capisce chi è l’essere superiore a cui si tendeva nell’incipit: Batman. È lui il totem venerato dal Movimento, in grado di fermare lo spargitore di liquami come il grande criminale. Batman per i grillini è la personificazione della giustizia: l’uccisione dei genitori di Bruce Wayne rappresenta la perdita dell’innocenza della loro patria, quella da cui nascerà l’Italià con l’accento cui si accennava in precedenza. L’ultima strofa è poi un sentito ricordo di tutti quelli che non ci sono più: quel “siamo ancora qua” risuonerà nei cuori come un sofferto omaggio ai valorosi che hanno sacrificato la loro vita nelle trincee della Prima Guerra Mondial… ah no, scusate, quella era un’altra storia.

grillo-3  I ritornelli del nuovo inno del Movimento 5 Stelle

 

I ritornelli sono i momenti in cui l’orgoglio movimentista straripa senza freni. Con uno sprezzo della metrica che si fa ribellione allo status quo, si procede per contrapposizione tra il noi e un “loro” generico. Non si capisce se si parla di Satana, del Pinguino o di qualcosa di ancora più grande (il gruppo Bilderberg?). Il cattivo in questione usa la politica per fermare le piccole imprese: è forse Stalin reincarnato? No, è la casta, il mostro finale di quella grande avventura arcade che è il Movimento. I grillini sono diversi, perché guadagnano poco e lo sottolineano evitando di mettere la i in “guadagniamo”. Una licenza poetica molto ardita, che fa il paio con la citazione del Natale lavorativo e dei danni delle sigarette, chiaro messaggio contro le lobby del tabacco. Dopo aver messo in fila tutti gli arcinemici, si finisce con la certezza del “governiamo noi”. Tutto chiaro, tranne una cosa: ma che fine ha fatto Batman?

Come suggerisce il sito di Grillo, non resta che impararla a memoria.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >