Society
di Marco Villa 4 Luglio 2017

Lo scandalo Donnarumma (nel senso di Antonio) è l’ennesima sconfitta del merito

Il milione annuo di Antonio Donnarumma è frutto del peggiore familismo anti-meritocratico italiano

 De André racconta la serie A

 

“Accordo totale tra Milan e Donnarumma” è questo il titolo con cui nella notte Eurosport ha annunciato la fine del primo grande caso di mercato dell’estate 2017. Chiusa la bega contratto, però, si è aperto uno scandalo ancora più grosso. E l’argomento principale non è la cifra percepita dal portiere del Milan, ma una clausola che crea imbarazzo vero.

Breve riassunto: protagonista è Gianluigi Donnarumma detto Gigio, il portiere prodigio, esploso ancora minorenne e diventato simbolo del nuovo Milan, ma pronto a trasformarsi da possibile bandiera a traditore mercenario in caso non rinnovi il proprio contratto. Il punto di svolta è l’annuncio della dirigenza del Milan del 15 giugno: Donnarumma non rinnova, non è bastata l’offerta di cinque milioni di euro netti all’anno per cinque anni, il suo agente Mino Raiola ha deciso che il giocatore non firma.

 

 Linkiesta

 

E giù di insulti sempre più pesanti, che arrivano sulle spalle di un ragazzino classe 1999 che si ritrova apostrofato come Dollarumma e si vede piovere addosso finti dollari mentre gioca l’Europeo di categoria con la Nazionale Under 21. Il cattivo della storia è ovviamente interpretato da Mino Raiola, che tutto ha per essere perfetto nel ruolo, compreso un curriculum di colpi di genio/malefatte che l’hanno reso il migliore/peggiore procuratore degli ultimi anni.

Come nella più classica delle storie, dopo un secondo atto di lotte e sofferenza, ci si avvicina al lieto fine: l’Europeo di Donnarumma non è dei migliori, mentre i giornali sportivi raccontano di triangoli comunicativi tra la famiglia, il Milan e il procuratore. Fino a ieri notte, fino all’annuncio di Eurosport: Donnarumma e il Milan rinnovano, per la cifra di sei milioni di euro netti all’anno.

 

Alla fine, quindi l’ha spuntata Raiola, portando a casa un milione in più e rendendo Donnarumma il giocatore più pagato della serie A dopo i due migliori attaccanti del campionato, ovvero Gonzalo Higuain e Paulo Dybala. Cifre esagerate? Probabile, ma non è questo il punto vero della questione.

Il punto vero della questione è che in realtà la famiglia Donnarumma incasserà un altro milione a stagione. Non si tratta dei soliti bonus, ma di un benefit molto particolare: i Donnarumma e Mino Raiola hanno infatti ottenuto un pacchetto famigliare, inserendo nel contratto di Gigio la clausola dell’acquisto del fratello Antonio, a sua volta portiere. Antonio Donnarumma rivestirà il ruolo di terzo portiere della squadra, con uno stipendio da un milione di euro annui.

 

 De André racconta la Serie A

 

E qui si arriva al vero scandalo di questa faccenda, perché se il contratto di Gigio Donnarumma è frutto della più classica dinamica di mercato (il Milan lo paga tantissimo nella speranza di avere in casa il miglior portiere della sua generazione o di venderlo a peso d’oro in futuro), il contratto di Antonio Donnarumma è frutto del peggiore familismo anti-meritocratico italiano. Perché Antonio Donnarumma è un signor nessuno, che vanta una sola presenza in serie A con il Genoa nell’ultima giornata del Campionato 2012/2013 e che lo scorso anno ha giocato in Grecia nell’Asteras, squadra che ha chiuso al tredicesimo posto. Secondo Transfermarkt, il suo valore di mercato si aggira intorno ai 700mila euro, ovvero il 30% in meno di quello che guadagnerà a partire dal giorno della firma (del fratello).

Non è la prima volta che un giocatore di peso riesce a imporre un fratello in un pacchetto famiglia, ma qui siamo veramente al paradosso. Il portiere che è riuscito a emergere grazie ai propri meriti, scavalcando ogni gerarchia e mandando in panchina giocatori più titolati di lui è ora il giocatore che si mette di traverso bloccando sogni e prospettive di altri giovani promesse come lui, tutto per il bene superiore della famiglia. Chissà come si sentirà, per dire, Alessandro Plizzari, portiere della Primavera del Milan e della Nazionale Under 20, che di colpo si ritrova completamente a caso un secondo Donnarumma sulla propria strada.

Se il ritorno di Donnarumma e Raiola verso il Milan poteva essere letto come una vittoria della società e della sua strategia di fermezza, appare evidente che questo finale, con un totale di due milioni di euro all’anno in più alla famiglia Donnarumma, segna il netto trionfo del procuratore dei procuratori. E l’ennesima sconfitta del merito, ma a quello siamo abituati.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >