Society
di Gabriele Ferraresi 21 Ottobre 2015

Siamo stati all’asta dei cimeli di Mike Bongiorno ed è stato bellissimo

Tra Mike in versione Batman e giacche a vento Colmar indossate per sciare, c’eravamo anche noi

DSC_0888MOD_1280  Daniela Zuccoli in posa sulla scrivania dello studio di Mike – Foto: Gabriele Ferraresi

 

Quando arrivo alla case d’asta Il Ponte – in via Pontaccio a Milano, una via che emana lucore di almeno due decadi fa, sa di visone, Thema Ferrari 8.32 e gaudente rampantismo socialista – non so ancora quanto sarà straordinaria l’asta degli oggetti appartenuti a Mike Bongiorno. Ma lo sarà, oh se lo sarà. Nell’attesa faccio quattro parole in giro e scopro che l’asta, divisa in due tornate, non è partita benissimo al pomeriggio. C’è stato qualche lotto invenduto, ma va anche detto che si trattava dei pezzi meno pregiati, almeno dal punto di vista del collezionismo LOL-pop, categoria che ho coniato ora. La sera si mette all’incanto ben altro.

Se al pomeriggio trionfavano argenti, quadri antichi, oggettistica che non avrebbe stonato nella casa dei nostri nonni più che in quella dei nostri genitori, la sera la faccenda è ben differente. Che cosa c’è? Di tutto. Ed è tutto bellissimo, emana luce: oggetti siderali, non giacche Colmar passate di moda decenni addietro, sono memorabilia Supernova, esplosa sì, ma a patto di spargere nel cosmo una luce accecante.

 

asta mike bongiorno il ponte foto  L’ingresso della casa d’asta il Ponte e una statua a dimensioni naturali di Mike – Foto: Gabriele Ferraresi

 

Tutto quello che è appartenuto a Mike Bongiorno che potete immaginare c’era: giacche da sci, foto, foto di lui con Silvio Berlusconi, foto di lui con tutta Mediaset nei primi anni novanta, foto di lui che scia, caricature, caricature di Forattini, caricature di Franco Bruna, quadri, statue a grandezza naturale di Mike, statue un po’ più piccole di Mike, statue di Mike in versione Batman, cravatte di Finollo, cravatte di Crivelli indossate in qualunque occasione, magliette un po’ assurde, foto di lui in maglietta con bandiera della Turchia (perché?) e maglietta con bandiera turca, molti occhiali a goccia, altri occhiali a goccia, orologi anche pregiati, un quadro di Sebastiano Mauri che partiva da 6mila euro di base d’asta, e poi ancora targhe, premi, sci, tutto l’arredo dello studio casalingo di Mike in ciliegio e legno ebanizzato – base d’asta da 15mila euro. E chissà che altro mi sto dimenticando, se volete sul sito della casa d’asta c’è il catalogo completo, e ogni pagina è una meraviglia.

 

DSC_0869MOD_1280  C’è anche un pupazzetto Mike Batman. Se l’è aggiudicato Carlo Conti

 

In fondo, perché fare tutto questo? Certo, per sostenere la Fondazione Mike e un progetto di riqualificazione per la piazzetta sotto le Torri BBPR di Gratosoglio, ma anche e soprattutto per soddisfare un feticismo che se si è nati nei primi anni ottanta, o qualcuno prima, è difficile non provare. Questi oggetti hanno “fatto il giro”, e c’è un mercato per tutto questo, c’è eccome: non è fatto da signore borghesi che abitano in zona Brera, anzi, credo che quella parte di acquirente sia residuale. Sono i trenta, trentacinquenni di oggi ad avere la lucida follia e la capacità di spesa per portarsi a casa un quadretto come questo. Lo so perché se l’è portato a casa un amico. Per cui ecco l’asta condotta da Fabio Fazio, ecco Daniela Zuccoli, moglie di Mike, ecco figli di Mike che non ci sono tutti: ne manca uno, è a presentare un documentario.

 

DSC_0855MOD_1280  Una giacca da sci di Mike, corredata da foto che ne testimoniano l’uso. Foto: Gabriele Ferraresi

 

Alle 21 si comincia, si finirà a notte fonda: è un caleidoscopio di follie, tra telefonate di Walter Veltroni, che ricorda come suo padre fu uno dei primi a far lavorare Mike in Italia, poi seguono a ruota altre telefonate, c’è Carlo Conti che mette in scena siparietti con Fazio, siparietti che non avrebbero stonato in prima serata, c’è il Sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, che si mette a fare il banditore, ed è rilassato. Vorrebbe comprare una cosa, ma alla fine rinuncia. C’è una platea di dirigenti Publitalia non più giovanissimi, sulle cui retine è passata l’epopea che adesso ci facciamo raccontare da Accorsi in 1992, ecco loro a quel tempo c’erano, e hanno visto. A Natale hanno regalato un quadro a Mike, magari venticinque anni fa, e oggi se lo vedono messo all’asta. Dopo che Mike è morto da sei anni e rotti, dopo che ne hanno rapito la salma, dopo che l’hanno ritrovata nel 2011 a Vittuone, nel milanese. Oggi magari sono dei nonni, con nipotini perfetti, vestiti come immaginate vestiti i bambini di una iperborghesia le cui condizioni di vita si manifestano solo ed esclusivamente a Milano 2 o Milano 3. Avrei comprato tutto.

 

 

DSC_0848mod_1280  Il leggendario litigio con Sgarbi

 

DSC_0852mod_1280  Fatma Ruffini e il gotha spettacolare di Mediaset un giorno qualunque degli anni novanta

 

DSC_0853mod_1280  Mike e Paola Barale, non ce li mettiamo?

 

DSC_0854mod_1280  Mike e Sabina Ciuffini in vesti hippie chic

 

DSC_0862mod_1280  “Siamo la coppia più bella del mondo”, la dedica di Silvio Berlusconi alla foto con Mike

 

DSC_0867mod_1280  Le freak, c’est chic: Mike e Fiorello

 

DSC_0872MOD_1280  Mike veglia le scalinate di Palazzo Crivelli, sede della case d’aste il Ponte

 

DSC_0915MOD_1280  Daniela Zuccoli, la moglie di Mike

 

DSC_0938mod_1280  Da sinistra: Michele Pietro Filippo Bongiorno, Daniela Zuccoli, Leonardo Bongiorno, Fabio Fazio

 

DSC_0964mod_1280  Fabio Fazio con un martelletto da banditore? Sì

 

DSC_0986mod_1280  Giuliano Pisapia che fa cose

 

DSC_1005mod_1280  Giuliano Pisapia che fa altre cose

 

DSC_1035mod_1280  “Eh ma che roba”

 

DSC_1036mod_1280  “Aspetta che faccio una foto”

 

DSC_1037mod_1280  È stato tutto bellissimo. Grazie.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >