Society
di Simone Stefanini 12 Aprile 2018

Buffon, che c’entra il cuore dell’arbitro?

Prima di appellarsi all’umanità del direttore di gara, Buffon dovrebbe ricordarsi di tutte le volte in cui è stato il primo a beneficiare di presunti episodi a proprio favore

 grab da YouTube

 

Champions League, quarti di finale, al Santiago Bernabéu la Juventus sta battendo 3 a 0 il Real Madrid e si sta inventando una remuntada storica, che la rimette in corsa per la semifinale, visto il 3-0 degli spagnoli all’andata. È il 90°, la Juve domina e vince meritatamente ma al 90+7°, un contatto in area tra Benatia e Lucas Vasquez è rigore per l’arbitro Oliver. Tutta la Juve è fuori di sé, i tifosi juventini si stracciano le vesti, Buffon viene espulso e Cristiano Ronaldo trasforma. 1-3, niente supplementari, Juventus a casa, ma questo lo sapete tutti.

Il dopo partita è incandescente, ai microfoni dei giornalisti volano parole forti. Benatia definisce il rigore uno stupro, Chiellini si rivolge ai giocatori dei Real dicendo “You pay, you pay”, Andrea Agnelli se la prende anche col designatore Collina, la cui vanità avrebbe indirettamente colpito le squadre italiane.

Il più furioso di tutti è Gianluigi Buffon, che ai microfoni di Premium Sport non fa sconti all’arbitro: “Era sicuramente una azione dubbia al 93′, dopo che all’andata non ci hanno dato un rigore al 95′. Un arbitro all’altezza non infrange il sogno di una squadra che ha messo tutto in campo per 90 minuti. Ha voluto fare il protagonista. Un essere umano non può fischiare un episodio stra-dubbio, dopo una gara del genere a meno che al posto del cuore non abbia un bidone dell’immondizia. Se non hai la personalità per stare a questi livelli, allora vai in tribuna con la famiglia, compra le patatine e goditi lo spettacolo.”

 

E ancora: “E poi non sei un uomo, queste cose qua le fanno gli animali, non gli uomini. Questo arbitro ha la sensibilità di un bidone dell’immondizia. Avrebbe dovuto capire il disastro che stava facendo. Poi, il Real ha meritato di passare il turno, sono stati più forti di noi, magari vinceranno la Champions e per me è stato un onore giocare contro di loro, ma questa sera meritavamo di andare ai supplementari. Non meritavamo di uscire così”.

Passi lo sfogo, ma cosa c’entra il cuore? Se avete mai visto il documentario Kill the Referee del 2009, saprete che l’universo degli arbitri è del tutto misterioso agli occhi del tifoso. Un arbitro di livello internazionale è soggetto a pressioni indicibili da parte di squadre, dirigenti, tifoserie, stampa e costantemente minacciato di morte. Deve ragionare in pochi secondi, con raziocinio e applicando le regole. Se al 97° minuto vede un rigore, deve darlo e il portiere avversario deve pararlo, ma questo Buffon lo sa bene.

La Juventus non è la squadra più antipatica d’Italia a caso, e le reazioni social di chi tifava contro la Juve ieri lo dimostrano. Per anni ha vissuto di favoreggiamenti arbitrali comprovati dalla giustizia sportiva, ha perso scudetti d’ufficio ma li ha sempre rivendicati e si è sempre trincerata dietro l’assunto “L’arbitro ha sempre ragione”. Per quale motivo il direttore di gara dovrebbe chiudere un occhio su un fallo a suo avviso da rigore, solo perché l’altra squadra ha giocato bene o ha un nome blasonato?

 

https://www.youtube.com/watch?v=XTkBiFgwY3Y

Buffon sa bene che questi non sono crimini contro l’umanità sportiva, semmai è la dura legge del gol, la sconfitta all’ultimo secondo in una partita di cui andare fieri, che non va funestata col bullismo tipico di chi è abituato a vincere.

Pensate alle squadre italiane di seconda fascia, quando arrivava la Juve nel loro stadio di provincia davano tutto per la partita della vita, perché puoi anche retrocedere con onore se sei riuscito a fermare la più forte di tutte. Pensate a quante volte episodi dubbi hanno vanificato una partita perfetta. Per anni questo è ciò che hanno subito gli avversari della Juve senza alcun potere politico nelle stanze che contano.

Non è accettabile un attacco umano di tali proporzioni a un arbitro quando sei stato per primo il beneficiario di tante possibilità che ad altre squadre non sono mai state concesse. Per chiudere la bella partita, il modo giusto era chiuderla davvero. Il resto è un teatrino del quale in futuro faremo volentieri a meno.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >