Society
di Simone Stefanini 12 Aprile 2018

Buffon, che c’entra il cuore dell’arbitro?

Prima di appellarsi all’umanità del direttore di gara, Buffon dovrebbe ricordarsi di tutte le volte in cui è stato il primo a beneficiare di presunti episodi a proprio favore

 grab da YouTube

 

Champions League, quarti di finale, al Santiago Bernabéu la Juventus sta battendo 3 a 0 il Real Madrid e si sta inventando una remuntada storica, che la rimette in corsa per la semifinale, visto il 3-0 degli spagnoli all’andata. È il 90°, la Juve domina e vince meritatamente ma al 90+7°, un contatto in area tra Benatia e Lucas Vasquez è rigore per l’arbitro Oliver. Tutta la Juve è fuori di sé, i tifosi juventini si stracciano le vesti, Buffon viene espulso e Cristiano Ronaldo trasforma. 1-3, niente supplementari, Juventus a casa, ma questo lo sapete tutti.

Il dopo partita è incandescente, ai microfoni dei giornalisti volano parole forti. Benatia definisce il rigore uno stupro, Chiellini si rivolge ai giocatori dei Real dicendo “You pay, you pay”, Andrea Agnelli se la prende anche col designatore Collina, la cui vanità avrebbe indirettamente colpito le squadre italiane.

Il più furioso di tutti è Gianluigi Buffon, che ai microfoni di Premium Sport non fa sconti all’arbitro: “Era sicuramente una azione dubbia al 93′, dopo che all’andata non ci hanno dato un rigore al 95′. Un arbitro all’altezza non infrange il sogno di una squadra che ha messo tutto in campo per 90 minuti. Ha voluto fare il protagonista. Un essere umano non può fischiare un episodio stra-dubbio, dopo una gara del genere a meno che al posto del cuore non abbia un bidone dell’immondizia. Se non hai la personalità per stare a questi livelli, allora vai in tribuna con la famiglia, compra le patatine e goditi lo spettacolo.”

 

E ancora: “E poi non sei un uomo, queste cose qua le fanno gli animali, non gli uomini. Questo arbitro ha la sensibilità di un bidone dell’immondizia. Avrebbe dovuto capire il disastro che stava facendo. Poi, il Real ha meritato di passare il turno, sono stati più forti di noi, magari vinceranno la Champions e per me è stato un onore giocare contro di loro, ma questa sera meritavamo di andare ai supplementari. Non meritavamo di uscire così”.

Passi lo sfogo, ma cosa c’entra il cuore? Se avete mai visto il documentario Kill the Referee del 2009, saprete che l’universo degli arbitri è del tutto misterioso agli occhi del tifoso. Un arbitro di livello internazionale è soggetto a pressioni indicibili da parte di squadre, dirigenti, tifoserie, stampa e costantemente minacciato di morte. Deve ragionare in pochi secondi, con raziocinio e applicando le regole. Se al 97° minuto vede un rigore, deve darlo e il portiere avversario deve pararlo, ma questo Buffon lo sa bene.

La Juventus non è la squadra più antipatica d’Italia a caso, e le reazioni social di chi tifava contro la Juve ieri lo dimostrano. Per anni ha vissuto di favoreggiamenti arbitrali comprovati dalla giustizia sportiva, ha perso scudetti d’ufficio ma li ha sempre rivendicati e si è sempre trincerata dietro l’assunto “L’arbitro ha sempre ragione”. Per quale motivo il direttore di gara dovrebbe chiudere un occhio su un fallo a suo avviso da rigore, solo perché l’altra squadra ha giocato bene o ha un nome blasonato?

 

https://www.youtube.com/watch?v=XTkBiFgwY3Y

Buffon sa bene che questi non sono crimini contro l’umanità sportiva, semmai è la dura legge del gol, la sconfitta all’ultimo secondo in una partita di cui andare fieri, che non va funestata col bullismo tipico di chi è abituato a vincere.

Pensate alle squadre italiane di seconda fascia, quando arrivava la Juve nel loro stadio di provincia davano tutto per la partita della vita, perché puoi anche retrocedere con onore se sei riuscito a fermare la più forte di tutte. Pensate a quante volte episodi dubbi hanno vanificato una partita perfetta. Per anni questo è ciò che hanno subito gli avversari della Juve senza alcun potere politico nelle stanze che contano.

Non è accettabile un attacco umano di tali proporzioni a un arbitro quando sei stato per primo il beneficiario di tante possibilità che ad altre squadre non sono mai state concesse. Per chiudere la bella partita, il modo giusto era chiuderla davvero. Il resto è un teatrino del quale in futuro faremo volentieri a meno.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >