caccia alle streghe storia
Society
di Simone Stefanini 5 Dicembre 2016

532 anni fa la Chiesa ha dato inizio alla caccia alle streghe in Europa

L’ultimo processo per stregoneria si è tenuto in Svizzera nel 1782 ma anche l’Italia ha avuto la sua parte in questa tragedia insensata

strega imbd - Fotogramma preso da “La città dei morti”, film inglese del 1960

 

Poco più di 500 anni fa, non era un bel periodo per essere donne in Europa. Nell’anno del Signore 1484, in data 5 dicembre, Papa Innocenzo VIII mise definitivamente al bando la stregoneria. Uno dei passi più significativi della bolla Summis desiderantes affectibus in realtà non faceva grande distinzione tra maschi e femmine:

“È recentemente giunto alle nostre orecchie che in alcune regioni dell’alta Germania, molte persone di entrambi i sessi, rinnegando la fede cattolica, si sono abbandonate a demoni maschi e femmine, e che, a causa dei loro incantesimi, lusinghe, sortilegi, e altre pratiche abominevoli, hanno causato la rovina propria, della loro prole, degli animali, e dei prodotti della terra, così come di uomini e donne.”

Sappiamo tuttavia che la maggior parte delle numerose vittime di questo abominio di superstizione e misoginia furono proprio le donne. L’identikit della vittima predestinata era infatti da ricercarsi tra le levatrici, le guaritrici che usavano le erbe, le prostitute e le malate di mente.

 

outlander-ep111-1

 

Il Papa nominò due inquisitori, i domenicani tedeschi Heinrich Kramer e Jacob Sprenger che redassero il Malleus Maleficarum, un manuale antistregoneria che in sostanza affrontava il fenomeno come prettamente femminile, partendo dal presupposto che la donna fosse più debole alle insidie del demonio. Ecco alcuni passi tratti da quel delirio sessuofobico:

“Non c’è da stupirsi se tra coloro che sono infetti dall’eresia delle streghe ci sono più donne che uomini […] E sia benedetto l’Altissimo che finora ha preservato il sesso maschile da un così grande flagello!”

 

image-999x749 leganerd - Un esemplare originale del Malleus Maleficarum

 

La Chiesa associava la donna alla lussuria, un peccato sicuramente derivante dal Diavolo, dunque da condannare. Le altre accuse che la riguardavano erano quella di causare impotenza, di far sparire i genitali, di procurare anticoncezionali e di provocare aborti. Molte donne, dopo atroci torture confessavano la loro stregoneria. Per loro, morire era una liberazione dalla sofferenza.

 

untitled-1-321 democracychronichles

 

Le stime della persecuzione sono impietose: circa 110.000 processi di cui 50.000 in Germania, 10.000 in Polonia e Francia, 9.000 in Svizzera, fino ai 5.000 italiani, durante i tre secoli in cui è durata l’inquisizione. Le esecuzioni capitali sono state stimate nel 55% dei casi, dunque i giustiziati per stregoneria sono stati circa 60.000, di cui l’80% furono donne.

Spesso le streghe alla fine del processo farsa, venivano giustiziate sul rogo, arse vive di fronte alla comunità. In Italia, la maggior parte dei roghi è avvenuta nella prima metà del Cinquecento, soprattutto in Italia Settentrionale e in Toscana. In Val Camonica c’è stata la più grande caccia alle streghe italiana, con una cifra che si aggira tra i 65 e gli 80 roghi.

 

sonico_federici wikipedia - Targa commemorativa del massacro, sulla torre Federici di Sonico

 

L’ultima esecuzione legale per stregoneria in Europa si tenne a Clarus, nella vicina Svizzera nel 1782, solo 234 anni fa. Nel 1998 la Chiesa Cattolica nella figura di Papa Giovanni Paolo II chiese platealmente perdono per le infami sentenze delle quali s’era macchiata durante la caccia alle streghe.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >