caccia alle streghe storia
Society
di Simone Stefanini 5 Dicembre 2016

532 anni fa la Chiesa ha dato inizio alla caccia alle streghe in Europa

L’ultimo processo per stregoneria si è tenuto in Svizzera nel 1782 ma anche l’Italia ha avuto la sua parte in questa tragedia insensata

strega imbd - Fotogramma preso da “La città dei morti”, film inglese del 1960

 

Poco più di 500 anni fa, non era un bel periodo per essere donne in Europa. Nell’anno del Signore 1484, in data 5 dicembre, Papa Innocenzo VIII mise definitivamente al bando la stregoneria. Uno dei passi più significativi della bolla Summis desiderantes affectibus in realtà non faceva grande distinzione tra maschi e femmine:

“È recentemente giunto alle nostre orecchie che in alcune regioni dell’alta Germania, molte persone di entrambi i sessi, rinnegando la fede cattolica, si sono abbandonate a demoni maschi e femmine, e che, a causa dei loro incantesimi, lusinghe, sortilegi, e altre pratiche abominevoli, hanno causato la rovina propria, della loro prole, degli animali, e dei prodotti della terra, così come di uomini e donne.”

Sappiamo tuttavia che la maggior parte delle numerose vittime di questo abominio di superstizione e misoginia furono proprio le donne. L’identikit della vittima predestinata era infatti da ricercarsi tra le levatrici, le guaritrici che usavano le erbe, le prostitute e le malate di mente.

 

outlander-ep111-1

 

Il Papa nominò due inquisitori, i domenicani tedeschi Heinrich Kramer e Jacob Sprenger che redassero il Malleus Maleficarum, un manuale antistregoneria che in sostanza affrontava il fenomeno come prettamente femminile, partendo dal presupposto che la donna fosse più debole alle insidie del demonio. Ecco alcuni passi tratti da quel delirio sessuofobico:

“Non c’è da stupirsi se tra coloro che sono infetti dall’eresia delle streghe ci sono più donne che uomini […] E sia benedetto l’Altissimo che finora ha preservato il sesso maschile da un così grande flagello!”

 

image-999x749 leganerd - Un esemplare originale del Malleus Maleficarum

 

La Chiesa associava la donna alla lussuria, un peccato sicuramente derivante dal Diavolo, dunque da condannare. Le altre accuse che la riguardavano erano quella di causare impotenza, di far sparire i genitali, di procurare anticoncezionali e di provocare aborti. Molte donne, dopo atroci torture confessavano la loro stregoneria. Per loro, morire era una liberazione dalla sofferenza.

 

untitled-1-321 democracychronichles

 

Le stime della persecuzione sono impietose: circa 110.000 processi di cui 50.000 in Germania, 10.000 in Polonia e Francia, 9.000 in Svizzera, fino ai 5.000 italiani, durante i tre secoli in cui è durata l’inquisizione. Le esecuzioni capitali sono state stimate nel 55% dei casi, dunque i giustiziati per stregoneria sono stati circa 60.000, di cui l’80% furono donne.

Spesso le streghe alla fine del processo farsa, venivano giustiziate sul rogo, arse vive di fronte alla comunità. In Italia, la maggior parte dei roghi è avvenuta nella prima metà del Cinquecento, soprattutto in Italia Settentrionale e in Toscana. In Val Camonica c’è stata la più grande caccia alle streghe italiana, con una cifra che si aggira tra i 65 e gli 80 roghi.

 

sonico_federici wikipedia - Targa commemorativa del massacro, sulla torre Federici di Sonico

 

L’ultima esecuzione legale per stregoneria in Europa si tenne a Clarus, nella vicina Svizzera nel 1782, solo 234 anni fa. Nel 1998 la Chiesa Cattolica nella figura di Papa Giovanni Paolo II chiese platealmente perdono per le infami sentenze delle quali s’era macchiata durante la caccia alle streghe.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >