Society
di Simone Stefanini 9 Dicembre 2015

Ecco come sono oggi i bimbominkia emo dei primi anni 2000

Dove sono finiti i ciuffi piastrati, i piercing e i tagli sulle braccia?

emokids Distractify

 

Nella prima metà degli anno ’10 ci siamo divertiti, chi più chi meno, a tributare omaggi agli anni ’80 e ’90 del Novecento, a vestirci da damerini coi baffi in stile o al limite come il forzuto del circo. A portare occhiali da vista anche quando non servivano per fingerci nerd, a indossare i pantaloni con i risvoltini al ginocchio e barbe lunghe come quella di Padre Pio.

Come in tutte le mode passeggere e piuttosto marcate, quando andremo a riguardare le foto della nostra gioventù sembreremo ridicoli, specialmente se siamo uomini. Le ragazze la sfangano sempre. O quasi.

C’è stato infatti un periodo storico che sembra lontano ere e invece è al massimo distante 15 anni fa, in cui una moda ha fatto breccia trasversalmente nel cuore di migliaia di ragazzi in tutto il mondo: l’emo.

Prendeva il peggio da tutte le mode precedenti, dal metal,  dal dark e dal grunge, dallo steampunk e dal raver, aggiungendo una capigliatura tipica: il ciuffo piastrato.

Quello, per intendersi, che ha reso famoso Justin Bieber da teenager. Ma gli emo Justin lo odiavano, loro ascoltavano la musica più deprimente possibile, dai Dashboard Confessional ai My Chemical Romance, passando per i Get Up Kids, gli AFI e i Jimmy Eat World. Ma non è certo questo il problema. Casomai i tagli che si facevano sulle braccia per mostrare al mondo quanto soffrivano, oppure i mille piercing in faccia, le dilatazioni ai lobi delle orecchie che oggi li fanno sembrare dei piccoli Buddha, l’atteggiamento “voglio morire – tu non puoi capire“, le pagine MySpace piene di tenebra e il crab core, quel misto di metal estremo, jeans emostatici e sciocco ciuffo che è stato il punto più basso della musica nei 2000s.

Ma ora che son passati gli anni, i tipi emo cosa fanno?

Lo user cheezblock777 l’ha chiesto su Reddit e un bel po’ di ex emo hanno postato le loro foto del prima e dopo, insieme alla loro storia. Fortunatamente, la maggior parte di loro è riuscita a diventare adulta senza conseguenze. Non vi spaventate, i nomi che vedete sono i nickname di Reddit.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokid2-1024x460 imgur

L’utente BaS3r da bassista è diventato un militare dell’US Special Force. Un cambiamento piuttosto drastico. Continua ad ascoltare la musica emo quando si allena. È il suo guilty pleasure.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-3xjRbGy-1024x1024 imgur

Pancreative è passata dall’emo al goth, avanti e indietro finché non è diventata una consulente marketing, con la sua bella giacca da ufficio e il suo sorriso procaccia clienti.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokid3-1024x460 imgur

Snazzychica2821 sembra più piccola ora di prima, ma a parte questo è diventata una professoressa che tenta di insegnare ai ragazzi del liceo come evitare di fare le cazzate che ha fatto lei alla loro età.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokid4-1024x460 imgur

Okkido invece è tranquillo. Dice che quando era giovane era un designer e ascoltava Brand New, Death Cab for Cutie e Blink 182. Oggi ci fa sapere che è un designer e che ascolta le stesse band di 15 anni fa, però sta per diventare padre.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokids5-1024x460 imgur

Moosemaster21 si è sposato e non porta più i capelli emo. Grazie al nuovo taglio, ha anche avuto la possibilità di guardare il mondo con occhi nuovi. O semplicemente di guardarlo.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokids6-1024x460 imgur

Docshultz è invecchiato forte. Quel tipo grassoccio e sorridente alla destra non sembra neanche quello che dieci anni prima faceva le smorfie alla macchina fotografica, pieno di piercing, col ciuffo assassino e gli occhi truccati.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokids7-1024x460 imgur

Validate_me_plz oggi lavora nell’industria funeraria, quindi è sempre un po’ emo, ma solo per professione. Infatti dalle foto si evince che ora è innamorato e felice, a differenza di quando si cominciava in modo strano.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokids8-1024x460 imgur

RealTerse ha abbandonato i capelli lunghi ed è diventato pompiere. Una cosa che solo pochi anni fa non avrebbe mai creduto. Ma come si dice? A  20 anni incendiari…

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokids9-1024x460 imgur

Gudgrim era un emo kid, poi ha cambiato scuola e ha provato a essere diverso. Ha smesso di tingersi i capelli di nero, lui che è rosso naturale e ha smesso di portare le magliette col pentagramma in fiamme. Si è sposato e ora è felice.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokids10-1024x460 imgur

Cwowtittybang, internamente si sente sempre emo e dice che ha ancora le cicatrici sui polsi. Solo che si è laureata e ora è una graphic designer. Contenta lei.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-1s24bOD imgur

Yumyumhelen è cresciuta e le foto non mentono. Un esempio di come anche le ragazze potessero risultare molto ridicole in versione emo. Oggi, invece di mostrare la maglietta deprimente, nei selfie ha deciso di uscirle.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokids12-1024x460 imgur

Psykopatik già dal nome un po’ c’è rimasto sotto. Dice che ha avuto problemi con le droghe e che ora è un programmatore di videogame.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokids13-1024x460 imgur

Hysterria da emo è diventata una blogger metal. Un’evoluzione che non avremmo mai ipotizzato.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokids14-1024x460 imgur

AhhaNewb dopo 10 anni, dice che odiava la musica emo, era lì solo per il look fantastico. Ehm. Oggi ha svoltato e gioca a golf di professione.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokid14-1024x460 imgur

PotatoKT è sempre carina e da studente d’arte è diventata assistente agli anziani.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-emokids15-1024x460 imgur

JustTheT1p_0 invece era proprio bruttarello, povero lui e quei capelli non gli rendeva il merito dovuto. Poi ha fatto il militare e è diventato un uomo. È andato in Afghanistan, è tornato, l’ha fatto per 6 anni di seguito e ora lavora in un deposito di notte.

 

http---wp-prod-02.distractify.com-wp-content-uploads-2015-12-qdjRUEv-1024x701 imgur

KrisDEMON ci tiene a farci sapere che no, non era una fase. Lei ascolta ancora le band emo e si tinge i capelli di verde, nonostante sia l’amministratrice e coordinatrice di una ditta. La morale è che si può anche diventare adulti restando emo. Fate voi.

 

FONTE |  Distractify

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >