Society
di Simone Stefanini 11 Dicembre 2015

10 cose da non dire MAI a un colloquio di lavoro

Se non smetti di fare domande stupide, non ti assumeranno mai

torrence youtube - Il colloquio di lavoro di Jack Torrence gli fruttò l’impiego di guardiano dell’Overlook Hotel.

 

Viviamo in un’epoca mutevole, in cui per rimanere vivi dobbiamo sempre aggiornarci. Archiviate ormai le sicurezze degli anni ’80 o i prepensionamenti dei ’90s, oggi l’obiettivo finale è trovare lavoro. Come fare bella figura a un colloquio ve lo abbiamo già detto, oggi affrontiamo il rovescio della medaglia: come evitare di rendere il vostro curriculum carta straccia.

La regola aurea è una sola: non fare cazzate. Se un vostro comportamento o atteggiamento vi sembra giudicabile come cazzata, evitatelo sulla fiducia. Qui sotto, elenchiamo il decalogo delle fesserie più frequenti che possono capitare a un colloquio di lavoro e se alcune di esse vi sembrano improbabili, vi garantiamo che capitano più spesso di quanto crediate.

 

1) “Buongiorno, scusate il ritardo”

anigif_enhanced-2373-1444766787-10 buzzfeed

E il tuo curriculum diventa coriandoli. Qualunque sia la tua scusa, non arrivare mai in ritardo a un colloquio, altrimenti fai la figura dell’inaffidabile già dal primo sguardo. Poi magari sei pure sudato e col fiatone. No, dai. Regola aurea vorrebbe evitare di arrivare un’ora in anticipo, altrimenti gli esaminatori vedranno in te uno che non ha niente da fare ed è divorato dall’ansia. Puntuale, una cosa giusta, su.

 

2) “Mi scusi, che ditta è questa? Oggi ne ho 5 di colloqui”

giphy-10 giphy

Risposta: la ditta che non ti assumerà mai, perché non sai nemmeno tenere il conto dei tuoi impegni. Catalogato come stordito e rispedito a casa. Preparati per ogni incontro che andrai a fare, perché se non fai capire di essere davvero interessato, ci sarà qualcuno risulterà molto più motivato di te. Certo, far capire di non essere disperato e senza alternative potrebbe essere una buona cosa. Ma occhio.

 

3) “Sarei molto felice di lavorare presso di voi, il mio ex capo era un stronzo”

tumblr_ndyq0sQscN1qhrkxko3_500 tumblr

Ecco, no. Perché anche se hai lavorato per il Mostro di Milwaukee, parlarne male alle spalle è sempre brutto e poi il tuo futuro datore di lavoro non sarà entusiasta di sentire pettegolezzi su un suo parigrado. In ogni caso ci passi da infame, non la figura professionale che ti interessa diventare.

 

4) “Il mio peggior difetto è che sono troppo perfezionista”

3oEduP2haD6yHEKH0A giphy

Un po’ come quelli che dicono che il loro miglior pregio e miglior difetto è la sincerità. Garanzia di risultare subito antipatici. Qui è ancora peggio, perché quelli che esaminano la tua posizione ti sgamano tempo zero. Sii te stesso, o se ci riesci, una versione professionalmente affascinante di te, senza supereroismi, tanto non ci crede nessuno.

 

5) “Le ferie ci sono? E i giorni di malattia? Quanto è la paga al netto?”

Full-Metal-Jacket-Stanely-Kubrick-Top-25-Best-Book-To-Film-Adaptations moviecricket

Ferie quante te ne pare, visto che continuerai a rimanere senza lavoro. Fatti furbo, intanto metti un piede nell’azienda, poi scoprirai anche tutto il resto. Se al contrario la prima cosa che t’interessa è lo stipendio e glielo fai sapere con troppa veemenza, ne prenderanno uno più furbo di te. Ah, questo non vuol dire non fare domande sul trattamento economico, altrimenti passate un po’ per degli idioti.

 

6) “Sono venuto con mia mamma, lei deve aspettare fuori?”

102-Psycho-quotes imoviequotes

Non stiamo scherzando. Esistono persone che, specialmente alla prima esperienza lavorativa, si fanno accompagnare dai genitori. NO. Ci fai la figura del mammone, di certo non adatto all’indipendenza. Ma poi, sul serio, con la mamma? Ma come ti è venuto in mente?

 

7) “Ah, ma si lavora in divisa per forza?”

tumblr_mo2oixcXee1qld7pmo1_500 tumblr

No, qui da McDonalds ce la mettiamo perché ci piace, ma tu puoi decidere di venire in giacca e cravatta. Oh, ma la smetti di fare domande stupide?

 

8) “Finalmente una ditta italiana che assume solo italiani”

grande allywood

Ecco, considerazioni da bar di tipo religioso, politico e sociale tienile per te, che non sai assolutamente chi ti trovi davanti, la sua storia e il suo credo. Poi vai al bar e ti sfoghi, ma al colloquio si parla solo del colloquio. Tipo Fight Club.

 

9) “Se mi prendete però faccio una premessa: il 7 ho un matrimonio in Puglia”

tumblr_n7ojsqpXvw1qhrkxko1_500 tumblr

Certo, la prima cosa è mettere le mani avanti e chiedere giorni liberi, giusto per essere sicuri di rimanere disoccupati. Dai regaz, i tempi sono quelli che sono e al matrimonio in Puglia capiranno.

 

10) “Grazie per questo meeting, mi è piaciuto il brainstorming. Ci briffiamo a breve”

tumblr_migsc5JHJ01s49x9io1_400 tumblr

Per non finire come la caricatura di Nicole Minetti, evita come la peste di incartarti in troppe definizioni e neologismi anglofoni di sui magari sai a malapena il significato, giusto per fare l’ennesima figuraccia. Parla un po’ meglio di come mangi, senza fare il fenomeno.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >