Society
di Federica Calvo 5 Giugno 2018

Cose proibite: dove nascondevi le sigarette da adolescente?

Adolescenza e proibito vanno sempre a braccetto. Il sondaggio di oggi è: dove nascondevate sigarette e altre cose poco legali quando eravate teenager?

Cose proibite e dove trovarle. Abbiamo già parlato dell’adolescenza come potenziale periodo più brutto nella vita di qualcuno, ma anche di quanto ci manca ogni singolo istante di quel periodo che sembrava infinito. Una cosa è certa: non era esattamente semplice ripararsi dal giudizio universale dei genitori, specie se si parla di prendere brutti voti a scuola, tornare tardi la sera o nascondere illeciti vari. Le sigarette ad esempio.

Abbiamo chiesto ad alcune persone di svelarci il proprio nascondiglio segreto, il luogo dove riponevano con cura tutte le cose proibite da non far scoprire ai genitori quando erano adolescenti ribelli, poi abbiamo provato ad analizzare le loro personalità, in puro stile profiler dell’FBI. Ecco cosa è venuto fuori.

 

 

 

Chiara, 25 anni di Grosseto
Avevo due luoghi segreti quando andavo al liceo dove potevo nascondere i mie beni inconfessabili, principalmente le sigarette le mettevo nel doppio fondo della trousse ma non è stato efficace al 100% perché mia mamma mi ha scoperto a causa dell’odore di fumo che si era impregnato tra i tessuti dell’astuccio e ogni volta naturalmente dicevo che non erano mie ma di un’amica . L’altro punto su cui potevo contare era il mio albero di olive, vivendo in campagna usavo i rami delle piante. Non mi hanno mai tradito.”
Profilo: Infame contro gli amici immaginari

Maria, 23 anni di Schio
Nascondevo le sigarette nella cucitura della tasca di un giubbotto che avevo. Mi hanno beccata tante volte.”
Profilo: Mai una gioia.

Peppe, 37 anni di Ragusa
Io ero un bravo ragazzo  non fumavo le sigarette e non possedevo altri oggetti illegali. Però mi piacevano le videocassette porno, caspita se mi piacevano. Le mettevo tra i libri per mischiarle un po’. “
Profilo: Potenziale serial killer.

 

 

Chiara, 30 anni di Castellana Grotte
Lasciavo le sigarette tranquillamente nella tasca dello zaino. Non ho mai avuto paranoie o paure tipiche su dove insabbiare gli averi illegali, mia madre era una fumatrice incallita e quando le trovava se le fumava lei.”
Profilo: Il Grande Lebowski

Vittorio, 20 anni di Pesaro
“Ero un adolescente ingenuo e poco importava se qualcuno scopriva la mia roba illecita. Molte volte i miei genitori hanno trovato cose nell’astuccio e nello zaino, alla fine ci hanno fatto l’abitudine”.
Profilo: Cazzomene

Giorgio, 20 anni di Pavia – Alessandra, 20 anni di Pavia
“Abbiamo trovato il posto migliore per rintanare i contenuti illeciti nel comodino della biancheria intima, tanto mutande e calzini puzzavano così tanto che nessuno voleva metterci le mani.”
Profilo: Redneck

 

 

 

Giulio, 44 anni di Sesto San Giovanni
“Le sigarette le nascondevo dietro la cultura, davo un valore aggiunto ai libri, ovviamente sono stato beccato”.
Profilo: Intellettuale

Roberto, 23 anni di Pavia – Diego, 22 anni di Pavia
“Nascondevamo erba o sigarette nei ripiani della libreria, dentro scatole di latta in cui nessuno andava mai a guardare. Anche la tasca del giubbotto alla fine era scialla.”
Profilo: Delitto perfetto

Simone, 43 anni di Cecina
“Non le nascondevo, compravo il pacchetto da 10 e le finivo tutte prima di tornare a casa. Una volta ho vomitato e da quel momento ho cambiato marca, dando la colpa alle Marlboro Light.”
Profilo: Jackass

 

 

Stefano, 44 anni di Vaprio d’Adda
Imboscavo le sigarette Kim alla menta nella custodia delle videocassette. Anche prima degli allenamenti di calcio non potevano mancare una o due Kim. Per dissimulare l’odore di fumo mettevamo le mani nella terra”.
Profilo: Bucolico

Antonio, 22 anni di Milano
Avevo una vecchia cassaforte a muro nascosta dietro un quadro della cucina. Di questa cassaforte le chiavi erano andate perdute e quindi non la utilizzava nessuno. Nessuno tranne me, perché io avevo trovato e tenuto l’unica chiave… lì ci mettevo le mie cose.”
Profilo: Lupin

Federica, 20 anni di Pavia
“Nascondevo i miei contenuti immorali in una matrioska o nella camera in generale, avevo l’appuntamento fisso con mia madre che a distanza di mesi mi beccava sempre, tutto.”
Profilo: KGB

 

 

Elena, 21 anni di Verona
Il sottosella del motorino e il materasso erano infallibili”
Profilo: Valentino Rossi

Beatrice, 25 anni di Scandicci – Mariallegra, 20 anni di Genova
“Non ci siamo mai preoccupate di nasconderle, tanto vale tutto.”
Profilo: Libertino

Carlotta, 42 anni di Milano
“Mi avevano regalato un peluche a forma di pecora che aveva una specie di tasca sulla pancia dove nascondevo tutta l’erba, la pecora ce l’ho ancora e ti dico, funziona benissimo.”
Profilo: Evergreen

Isaia, 24 anni di Pavia
“Non si fuma da adolescenti, è illegale.”
Profilo: Sbirro in borghese

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >