Society
di Simone Stefanini 23 Gennaio 2018

La crisi esistenziale di chi vota a sinistra nel 2018

sinistra elezioni 2018 dagospia

 

Mettiamo che sia un italiano medio, acculturato il giusto per saper usare il congiuntivo e capire un testo dopo averlo letto. Mettiamo quindi che sia una grande percentuale del paese, quella nata sotto una cattiva stella, senza la sicurezza di chi alle elezioni politiche del 4 marzo ci andrà in pompa magna, con la fierezza di chi ha già deciso 5 anni fa chi votare per togliere l’Italia dall’impiccio dei politici, della casta, degli immigrati, delle lobby gay, delle banche, dei vescovi, dell’Euro (ah no, quello ora va bene). Mettiamo quindi che io sia un elettore di centro sinistra e che sia rimasto un po’ alla old school: valori di un certo tipo: lavoro, diritti, uguaglianza, accoglienza, solidarietà, futuro, partita iva, bestemmie. Esisto, vivo, respiro e ho il diritto di voto, che intendo esercitare.

Eh, la fate facile. Quest’anno sono arenato. Non mi va neanche di stare a commentare chi c’è dall’altra parte, quella che vincerà, perché di parti in realtà ce ne sono due, una più pericolosa dell’altra. L’avrete capito, non sono un drago in politica, sono uno dei tanti. I dibattiti spesso mi annoiano ma li guardo lo stesso, tento di informarmi al meglio che posso, poi capita una qualunque cosa che mi fa cadere le braccia e per una settimana-quindici giorni preferisco guardare Netflix piuttosto che imbattermi nella campagna elettorale. Non è che non ci credo più, per me i politici sono sempre importanti, anche perché se dovessi ricoprire io un incarico di potere non saprei da che parte rifarmi. Ho qualche problema a capire com’è che dopo la morte di Berlinguer, quelli che votano a sinistra lo fanno un po’ come a turarsi il naso, a scegliere il male minore mentre gli altri sembrano noleggiare le auto truccate di Pimp My Ride per recarsi in cabina elettorale, tronfi delle proprie convinzioni.

Stiamo sul pezzo: chi voto alle elezioni politiche del 2018? Sono arrivato al punto di amare Gentiloni, che zitto zitto ha governato l’Italia meglio di tanti suoi predecessori illustri, e adesso che deve sgombrare ho dei seri problemi. Col Rosatellum, che è il sistema di voto di quest’anno, di partiti ne sono spuntati come funghi sui piedi dopo aver fatto la doccia in palestra senza ciabatte, e ciò contribuisce ad alimentare la mia confusione.

So che nell’area di centro sinistra ci sono il PD di Matteo Renzi, inossidabile come le pentole di Mastrota, quello che se avesse perso il referendum avrebbe lasciato la politica, quello con meno di 16mila euro sul conto in banca, quello che se ci avesse messo meno la faccia ci avrebbe fatto un favore enorme. Ho già votato molte volte PD col fazzoletto sul naso, come posso cambiare?

crisi sinistra 2018 vita da papa

 

Beh, ci sarebbe Civica Popolare di Beatrice Lorenzin, col simbolo petaloso. Quella del Fertility Day. No a prescindere. Ci sarebbe Insieme, una unione di socialisti, verdi e prodiani. Potrei informarmi, ma mi sembra un trio tipo quello formato da Max Pezzali, Renga e Nek creato a tavolino perché da soli non riempiono più i palasport, ma insieme fanno oggettivamente cacare.

 

crisi sinistra 2018 sole 24 ore

 

La Lista +Europa di Emma Bonino e Bruno Tabacci poteva essere interessante, sai, i Radicali, le loro istanze sociali e civili. Certo, sono sempre stati un po’ destrorsi ma non è che si può avere tutto quest’anno. Poi la Bonino esce con la cazzata che non bisogna essere razzisti altrimenti poi chi lavora nei pomodorifici e niente, passiamo oltre.

 

crisi sinistra 2018 radicali

 

Potrei scordarmi del centro e puntare diretto di lato per abbracciare la coalizione Liberi e Uguali di Pietro Grasso, in cui convergono Pierluigi Bersani, Massimo D’Alema, Pippo Civati & co., che dovrebbe rappresentare il ritorno della grande Sinistra, se non fosse che in molti si sono lamentati dell’esigua componente femminile al suo interno e quando si è unita Laura Boldrini, Grasso l’ha zittita alla prima occasione ufficiale, al motto di “E qui comando io, e questa è casa mia”. Poi, amici: D’Alema che parla di rinnovata passione per i diritti civili mi fa strano, non so a voi.

 

crisi sinistra 2018 fanpage

 

Si candida anche il Partito Comunista dei Lavoratori, che sul simbolo reca ancora la falce e il martello e che vuole attuare il programma della Rivoluzione d’Ottobre. Ci sono il Partito Comunista di Marco Rizzo e il PCI di Mauro Alboresi, c’è Potere al Popolo che vuole abolire il 41-bis e punta anch’esso a una sinistra rivoluzionaria, tramite l’alleanza con Rifondazione Comunista. Boh, a me i remake hanno spesso deluso e ho bisogno di una sinistra che vada oltre  Bella Ciao.

 

crisi sinistra 2018 il foglio

 

Ecco dove sono arrivato, a un sostanziale nulla di fatto. Ci sono io e ci sono tanti come me, che riconoscerò dalla faccia mesta di chi arriva in cabina elettorale con l’espressione di chi ha barattato la sua chitarra e il suo elmo per una scatola di legno che dicesse “perderemo”.  

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >