Society
di Manuel Urrazza 8 Febbraio 2018

10 modi per capire il nuovo fascismo e riuscire ad evitarlo

Elezioni politiche 2018 Fascisti italiani e dove trovarli  Facciata di Palazzo Braschi (Roma) durante la campagna per le elezioni politiche del 1934

 

Il fascismo oggi è tornato a fare parte della discussione politica, ma fra qualche anno potrebbe essere un fenomeno ormai accettato come presenza nella società italiana, e non perché dopo le elezioni del 4 Marzo 2018 un partito neofascista potrebbe sedere in Parlamento, ma perché i temi fascisti stanno entrando nell’agenda di tutti gli altri partiti.

Se oggi è ancora relativamente facile riconoscere un partito neofascista domani potrebbe essere più complicato, e capire come i movimenti di estrema destra sono riusciti a raggiungere questi traguardi potrà essere utile, sia fra qualche mese, sia nel futuro.

Ci proviamo in un viaggio in 10 punti tutti collegati tra loro, che vi porteranno dal Movimento 5 Stelle ai miliardi di euro che ruotano attorno al gas russo.

Né destra né sinistra

rossobruni né destra né sinistra  Marine Le Pen, leader del Front National – foto di Blandine Le Cain

 

Né destra né sinistra è uno dei mantra del Movimento 5 Stelle. l’M5S è un partito che raccoglie molti voti perché non sta né a destra né a sinistra, non è un partito ideologico e proprio per questo utilizza cavalli di battaglia presi da entrambe le parti. E’ la stessa tattica usata dal Front National di Marine Le Pen, che nelle passate elezioni politiche in Francia si era aperta esplicitamente all’estrema sinistra chiedendone il voto, facendo i primi passi per diventare (senza volerlo) il primo grande partito rossobruno, cioè un partito che accomuna estrema destra ed estrema sinistra in virtù dei molti nemici in comune. In Italia non esiste un movimento rossobruno proprio perché esiste il M5S che è stato il primo vero grande partito post-ideologico europeo, l’unico rossobruno degno di nota è Diego Fusaro (ma si fa notare più che altro per l’incapacità nel costruire discorsi lineari). In un certo senso è quello che ha fatto Salvini, che oltre ad allargarsi orizzontalmente da destra a sinistra si espande anche verticalmente, eliminando per la prima volta il “Nord” dal simbolo del partito, che ora si chiama solo Lega.

 

Populismo

Populismo neonazismo alt-right  Manifestazione della Alt-right a Charlottesville – foto di Anthony Crider

 

Non siamo soli, tutta l’Europa è attraversata da movimenti di estrema destra in crescita, tutti anti-europeisti, nazionalisti, xenofobi e populisti. Dall’altra parte dell’Atlantico sono andati ben oltre, perché il politico anti-establishment che si dichiarava contro i poteri forti ha in mano le chiavi della Casa Bianca. Trump e l’alt-right hanno sdoganato atteggiamenti inaccettabili fino a pochi anni fa. “I think the big problem this country has is being politically correct” dichiarava Trump nel 2016. Il populismo è comune a quasi tutte le forze politiche, ma in alcune spicca più che in altre. Un partito populista non è un partito fascista, ma i neofascisti usano il populismo per trovare posto all’interno della discussione politica, perché parlano la stessa lingua degli altri partiti.

Vent’anni di Berlusconi ma soprattutto venti anni di anti-berlusconismo in cui lo spettro del fascismo era costantemente richiamato, ci hanno un po’ anestetizzato rispetto a questo tema. Forza Italia rimane uno dei massimi campioni italiani del populismo, però rimarrà sempre un partito di governo. Governare è più difficile che stare all’opposizione. Stare all’opposizione permette sia di lamentarsi di tutto sia di promettere molto di più di quello che si potrà mantenere. Se le possibilità di andare al governo sono nulle, promettere cose impossibili permette di ritagliarsi una nicchia di voti, una piccola percentuale che assicura dei posti in parlamento, e quei posti in parlamento saranno difesi promettendo altre cose impossibili in un crescendo di assurdità e populismi. Allo stesso modo l’altro partito di governo, il PD e tutte le sigle di sinistra più piccole che gli gravitano attorno, hanno sempre avuto un atteggiamento opposto ma sempre populista, semplicemente il “popolo” elettorale di riferimento era un altro. Questo gioco di specchi lo si vede sul tema dell’immigrazione, più il populismo di destra attacca sull’immigrazione più la sinistra chiude gli occhi di fronte al problema e si arma del mantello della nobiltà d’animo.

 

L’immigrazione in Italia

immigrazione in Italia  Quando ad emigrare erano gli italiani – manifesto dello stato di San Paolo, Brasile

 

La sinistra (sia i partiti che gli elettori), si sentono moralmente superiori rispetto agli avversari politici, questo complesso di superiorità li porta a disinteressarsi o attaccare chi vive tutti i giorni il problema dell’immigrazione, magari perché abita in un posto degradato. L’immigrazione è aumentata costantemente negli ultimi anni ed è dimostrato che il suo aumento non corrisponde all’aumento dei crimini, ma il problema è la percezione del fenomeno, anche perché gli immigrati che delinquono compiono spesso reati legati a quella che tecnicamente viene chiamata criminalità predatoria (furti, rapine, scippi etc…) che sono proprio i reati che colpiscono più direttamente i cittadini dando una percezione di insicurezza che non corrisponde a quella delle statistiche, ma che non si può certo trascurare come fa la sinistra che etichetta come razzista chiunque segnali nel fenomeno dell’immigrazione un problema. La sinistra preferisce approvare la legge del deputato PD Emanuele Fiano che rende reato l’apologia e la propaganda fatta tramite i simboli del fascismo e del nazismo, piuttosto che esporsi alle critiche interne ammettendo che sì, l’immigrazione e gli stessi immigrati sono un problema, e lo sono perché la maggior parte dei migranti appartiene a quella fascia di popolazione più propensa al crimine ed alla violenza, cioè i giovani maschi tra i 18 ed i 30 anni.

 

Il fascismo cattivo su Facebook ed il fascismo buono in strada

Roma, Facciata della sede di CasaPound  Facciata della sede di CasaPound, Roma

 

I movimenti neofascisti trovano spazio nella società non solo quando possono discutere sugli stessi argomenti con altri partiti, ma anche quando danno ascolto ai problemi che lo Stato non risolve e soprattutto quando possono sostituirsi allo Stato e passare dalle parole all’azione. Di fronte a questa latitanza dei partiti tradizionali e dello Stato vincono facilmente i partiti di estrema destra.

Le pagine Facebook di CasaPound e Forza Nuova raccolgono molti più iscritti di PD e Forza Italia (si è orgogliosi nel dichiararsi appartenenti ad un’area politica estrema e piccola mentre l’appartenenza ad un’area politica moderata ed ampia non è così sentita), anche perché utilizzano Facebook con delle attente strategie di social media marketing, più che mostrare se stessi mostrano delle idee che generano reazioni forti e che vengono condivise in ogni caso, che si sia contro o a favore. Ultima trollata che ha infiammato i social è quella di Fiore, leader di Forza Nuova, che ha attivato un gruppo di avvocati per valutare i fatti di Macerata e le accuse rivolte all’attentatore Luca Traini.

L’altra faccia della stessa medaglia è quella dell’estrema destra dall’animo buono. Il welfare di CasaPound che si sostituisce allo Stato ed aiuta le persone in difficoltà economica (ovviamente “prima gli italiani”). Però a volte pesa più il motivo del gesto che il gesto in sé, anche CL va a caccia di persone in difficoltà da aiutare, anche Scientology, anche l’ISIS aveva un suo welfare. Non si può certo dire che l’aiuto che CasaPound da a chi è in difficoltà sia un male, anzi, ma non si può non vederne il ritorno di immagine e probabilmente anche di voti.

 

Noi contro l’Islam ed i foreign fighters fascisti

Repubblica Popolare di Doneck  Bandiera della Repubblica Popolare di Doneck

 

Uno dei tratti comuni e trasversali a molti partiti che saranno presenti alle prossime elezioni (Forza Italia, Lega, Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia, Destre Unite, Forza Nuova e Fiamma Tricolore che si presenteranno come Italia agli Italiani, CasaPound) è la necessità di recuperare non solo potere nazionale contro la burocrazia europea, ma anche recuperare un’identità forte, più ampia e più antica, un’identità occidentale e cristiana da contrapporre all’Islam ed al mondo musulmano. Questa necessità non è certo nuova e nel dibattito culturale occidentale ha avuto un apice dopo gli attentati dell’11 Settembre, oggi ritorna e non è solo una prerogativa della destra. Il dibattito culturale aperto, libero e democratico semina le basi ideologiche che verranno prese in prestito da altri soggetti e messe in pratica negli spazi di aggregazione, circoli, raduni, palestre.

Il fatto paradossale è che i metodi per costruire questa identità occidentale forte, sono gli stessi usati dal terrorismo islamico. In entrambi i casi c’è un glorioso passato storico (molto mitizzato) da recuperare, che poggia su una fede religiosa ignorante e confusa, poco praticata, le cui basi teologiche sono praticamente sconosciute; c’è una forte presenza online che sfrutta i social per fare propaganda incitando all’odio anche tramite fake news e teorie del complotto sui poteri forti. Inoltre esiste una galassia di piccoli movimenti indipendenti tra loro ma molto interconnessi e con una rete estesa anche all’estero, che attira giovani che si sentono esclusi dalla società, li allontana da forme di criminalità di strada per dargli un inquadramento, dei valori per i quali impegnarsi ed in alcuni casi incanala odio e rabbia in forme di violenza organizzate. Recenti indagini hanno evidenziato come attorno a questo fermento ideologico ci siano dei reclutatori in cerca di neofascisti che vogliano diventare dei foreign fighters e combattere in zone di guerra, in questo caso non in Medioriente ma nella guerra tra Russia ed Ucraina nel Donbass.

 

La rete economica dell’estrema destra

Gli affari esteri dei partiti di estrema destra  Forza Nuova ha molti legami economici con Londra – foto di Howard Lake

 

Nel novembre del 2017 l’Espresso (con la testata francese Mediapart) ha pubblicato una grossa inchiesta sulla rete imprenditoriale creata negli anni da Forza Nuova e CasaPound ed i loro collegamenti fuori dall’Italia. L’indagine giornalistica molto articolata ha messo in luce le attività economiche di Forza Nuova con Londra, e le attività economiche a Roma di alcuni francesi collegati sia a CasaPound che al Front National e soprattutto a Marine Le Pen. Le attività legate a Forza Nuova e CasaPound vanno dal cibo francese alla ristorazione ai marchi di abbigliamento, franchising di barberie e di poste private, scuole di lingua e soggiorni all’estero, startup di comunicazione, imprese immobiliari, magazine culturali e di informazione, circuiti di combattimenti di MMA, trust e società offshore. Sono tutte attività legali che servono a fare cassa, far lavorare i militanti, mettere radici nella società civile; lo fanno praticamente tutti i partiti e con volumi di affari infinitamente più grandi (basti pensare alle coop rosse).

 

I neofascisti sono innamorati di Putin (che teneri)

Putin e i neofascisti  Come i neofascisti vedono Putin – fonte foto originale Kremlin.ru

 

L’altro collegamento tra i movimenti di estrema destra e l’estero lo si trova fuori dall’Europa. Ci sono legami diretti ed indiretti che si stanno instaurando tra i movimenti neofascisti e la Russia di Putin. Quasi tutti i movimenti neofascisti europei simpatizzano per Putin, si sono anche riuniti a San Pietroburgo per il Forum Conservatore. Il supporto da parte russo non manca. Non è chiaro se la Russia stia pagando i movimenti neofascisti e neonazisti europei, ma si sa con certezza che un finanziamento ad un partito di estrema destra c’è stato, ed è stato molto importante, 11 milioni di euro versati al Front National di Marine Le Pen.

 

Putin non ama i neofascisti, li sfrutta per venderci il gas

pipeline del gas russo  Inaugurazione del primo tratto della pipeline Power of Siberia

 

Il motivo per cui la Russia sia interessata a supportare questi movimenti è più opaco. Sicuramente c’è una visione comune, quella xenofoba, omofoba ed a favore della famiglia tradizionale, e sicuramente avere degli amici in Europa non può che aiutare la Russia, soprattutto per ridurre le sanzioni internazionali. Ma allargando lo sguardo ed allargando i confini si può notare come Putin sia ormai da anni impegnato a riportare la Russia ai fasti dell’Urss, “Make Russia Great Again” direbbe Trump; e proprio guardando al supporto dato dalla Russia a Trump durante le elezioni del 2016 si possono capire meglio le intenzioni di Putin.

Trump si era presentato alle elezioni USA con un programma isolazionista e meno propenso a vigilare sul mondo, cosa che renderebbe l’espansione dell’influenza Russa più facile (esattamente quello che sta succedendo oggi in Medioriente). Allo stesso modo in Europa, aiutare i movimenti fascisti equivale ad aiutare i movimenti nazionalisti ed anti-europeisti, un’Europa divisa sarebbe un vantaggio strategico per Putin e per la vendita e la distribuzione del gas russo. Il 40% delle entrate nelle casse statali russe dipende dalla vendita di gas, ed il 75% del gas russo è esportato in Europa. Semplificando molto, un’Europa forte ed unita ha un potere contrattuale maggiore rispetto a tanti piccoli stati.

 

Riassunto brevissimo

Il sole nero, uno dei simboli dell'esoterismo nazista  Il sole nero, uno dei simboli dell’esoterismo nazista

 

Il fascismo contemporaneo si annida ovunque. Dopo essere stato sconfitto militarmente e politicamente è sopravvissuto sotto le ceneri della seconda guerra mondiale, non si è mai spento perché nelle dinamiche della guerra fredda serviva una forza militante che potesse contrastare i movimenti di sinistra. In quegli anni i movimenti neofascisti erano facilmente identificabili, oggi invece siamo di fronte ad un cambiamento. Il pensiero fascista viene accolto all’interno di movimenti meno estremisti e più moderati, ed allo stesso tempo i movimenti dichiaratamente neofascisti si rendono più accattivanti per aprirsi ad un pubblico più ampio.

 

Ok il fascismo, ma il comunismo?

Mussolini, Hitler e Vittorio Emanuele III di Savoia. 1938  Mussolini, Hitler e Vittorio Emanuele III di Savoia. 1938

 

Per chi se lo chiede, in Italia ci si preoccupa del ritorno del fascismo e non del comunismo perché, appunto, in Italia c’è stata una dittatura fascista e non comunista, e controllare gli anticorpi di una malattia avuta in passato è un buon modo per controllare lo stato di salute di una società. A chi obietta che il comunismo è stato molto più duro ed ha fatto molti più morti rispetto al fascismo italiano si può dare solo ragione, ma basterebbe confrontare i regimi fascisti sudamericani, quelli europei ed il nazismo con i regimi comunisti e socialisti sudamericani, asiatici e dell’Europa orientale per capire che i fenomeni con tutte le loro differenze sono stati catastrofici e da non ripetere. Tornando invece alla legge Fiano che rende reato l’apologia e la propaganda fatta tramite i simboli del fascismo e del nazismo, bisogna notare due cose. La prima è che non è uno strumento per fermare il neofascismo, anzi, proibire ha solitamente l’effetto di rafforzare e coalizzare gli estremisti; e secondo che l’apologia di fascismo e nazismo è reato mentre invece il comunismo continua ad essere accettato come una cosa normale.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >