Society
di Simone Stefanini 21 Settembre 2016

Fertility Day: dopo le cartoline sessiste arriva il manifesto razzista

Non ci credevamo finché non l’abbiamo visto uscire dal sito del Ministero della Salute

fertility-day salute.gov.it - Un nero, una cattiva ragazza, qualcuno coi capelli afro, uno a caso collassato

 

Non ci si crede. Domani sarà il Fertility Day, il giorno in cui s’invita gli italiani a procreareun clamoroso richiamo alle politiche del ventennio fascista, sembra ormai assodato. Prima la Ministra della Salute Beatrice Lorenzin ha generato sensi di colpa nella donna con delle cartoline poi ritirate dal sito per manifesta inferiorità intellettuale (ma noi le avevamo salvate per futura memoria), in cui invitava le femmine italiane a muoversi perché il loro corpo sta marcendo senza figliare. Va beh, uno dice avrà capito, mezza Italia le si è voltata contro, sia per il messaggio sia per la bruttezza oggettiva della grafica. Anche Renzi si è smarcato facendo notare che lui non c’entra nulla, in una giostra di scarico di responsabilità tipica della tragica commedia all’italiana.

Oggi ci segnalano questo poster e sulle prime non ci crediamo. Diciamo: dai è una trollata, qualcuno vuole gettare discredito sulla campagna, già ferita dalla prima ondata d’indignazione. E invece no, si trova proprio sul sito del Governo. Ve lo mostriamo nella sua interezza.

14369973_10154070372562987_2911028231428801219_n Ministero della Salute - Non sappiamo più cosa dire.

 

Per fare l’amore e poi creare prole, l’unico requisito sembra sia quello di essere fottutamente ariani, e verosimilmente di fare gli scambi di coppia con consanguinei, come si evince dalla foto su cui campeggia la scritta “Le buone abitudini da promuovere”

Quella sotto, poi, è un’opera d’arte del cattivo gusto, dell’offesa razziale e politica: perché il primo ragazzone che esce fuori dalla foto con un’abbondanza di filtro sepia è uno di colore? Perché la seconda è una cattiva ragazza intenta a fumare uno spinello (come direbbe la Ministra)? E il/la terzo/a perché ha i capelli afro e sta sgonfiando un bong? L’ultimo tipo che sembra Calissano che fa? È collassato? Pippa mentre gli altri fumano? Che fa? E perché questi 4 sono dei cattivi compagni? Solo perché non sono dei buoni camerati? 

È una pubblicità reazionaria, che sarebbe già risultata vecchia e offensiva ai tempi de I ragazzi del muretto (fiction Rai del 1991 con un sacco di spot antidroga e antitutto al suo interno) ma non è del tutto allucinante che venga proposta nel 2016, per fomentare l’odio?

È chiaro che poi domani qualcuno di noi in risposta al Fertility Day faccia lo sciopero dell’amore, pur di non rendersi complice di una nefandezza del genere.

 

EDIT: mezz’ora dopo si scopre che le due immagini sono state prese da siti stock a pagamento, roba tipo nemmeno 10 € a foto. Pure pezzenti.

14448925_10210479674567152_2750823671783037300_n shiterstock

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >