Society
di Valerio Millefoglie 6 Ottobre 2017

Il Festival della Tenera Età: dove si è vecchi solo fuori

Il 7 e l’8 ottobre si terrà al Castello di Belgioioso di Pavia il Festival della Tenera Età. La parola “tenera” è sinonimo di “terza età”. Ci siamo stati l’anno scorso, ecco a voi un reportage d’epoca.

 

Nel salone da ballo del Castello di Belgiosioso, in provincia di Pavia, sta per avere inizio il convegno, “Un sorriso senza tempo”, condotto dal medico odontoiatra Marco Vigoni. È uno degli incontri previsti per il neonato Festival della Tenera Età, come spiegato nel programma: “Due giorni per svelare e approfondire una novità per il genere umano: la conquista della longevità”. Il pubblico in attesa è composto dalla madre del medico Marco Vigoni e da una coppia che ha da poco festeggiato i quarantacinque anni di matrimonio. “Quando ho visto la foto di quel giorno mi sono impressionato”, racconta lui, “mi sono detto Ma questo non sono io”. La moglie avverte la vecchiaia quando sente gli acciacchi, “Però ho mia madre di novantatré anni ancora in vita e allora penso di non essere io quella in prima fila”. Intanto inizia il convegno con una slide intitolata “Non ne puoi più della tua protesi? Stai perdendo i denti?”.

 

 

Sulle scale che portano al piano terra un altro visitatore racconta del rapporto che ha con sua madre, anche lei di novantatré anni: “Oggi mi ha chiesto Come sta tua mamma? Le ho risposto Ma mamma, sei tu mia mamma”. Si passeggia tra stand dove poter fare gratuitamente il test dell’udito e banchetti in cui assaggiare salumi del basso pavese, si possono seguire dibattiti sull’alimentazione e imparare a progettare un videogioco sotto la direzione di un insegnante di dodici anni. Nella sala accanto Angelo, un bambino di sette anni, disegna su un tavolino mentre è in corso il laboratorio di esercizi taoisti per la salute e il benessere. “Ho sette anni”, dice, “ma ne vorrei avere venti, per avere qualche fidanzata”. Non vorrebbe però avere molti più anni perché, spiega, “I vecchi non si innamorano, i vecchi stanno in casa e guardano la tv”. I soldati che sta disegnando sono giovani, “Se sono vecchi si ammazzano perché non ci vedono bene”.

 

Si parla anche di morte al festival della Tenera Età ma in termini di successione. Nella sala in cui un grande candelabro sembra dar vita a un albero genealogico di quadri con ritratti di soldati napoleonici, un assicuratore mostra una slide con i volti di Pino Daniele, Lucio Dalla e Mennea. Tutti e tre non sono stati lungimiranti nello scrivere il loro testamento. Una donna fotografa la slide e commenta “Bisogna essere preparati su tutto nella vita”, dice.

 

 

I titoli di alcuni libri nello stand di una libreria parlano ai visitatori “La tua vita cambia ogni sette anni”, “Guida alla sopravvivenza”, “L’arte della giovinezza, da adolescente a giovane per sempre”. Lo psicologo Patrizio Sisto aveva in programma un laboratorio di Haiku incentrato sul “qui e ora”. La scarsa affluenza di pubblico l’ha lasciato solo, tutto il pomeriggio, circondato da sedie vuote. Cita un libro dell’analista Junghiano James Hillman, “La forza del carattere”, e racconta che al di là del decadimento fisico, nell’età anziana viene a galla la parte più autentica di noi. I suoi pazienti più anziani hanno tra i sessantacinque e i settant’anni, “E la maggior parte sono donne”. Erano invece tutti uomini i venti spettatori del convegno, “La sessualità nella terza età”.

 

 

Uno degli zii della cassiera del bar, Antonio Todde, è entrato nel Guinnes dei Primati per essere stato l’uomo più vecchio del mondo, nato nel 1889, è morto nel 2002 all’età di 113 anni. La nipote lo ricorda come un uomo piccolino con gli occhi blu. Michele Maria Bolzoni è l’uomo del castello, proprietario e ideatore del festival della Tenera Età. Ha cinquantanove anni e definisce tenera la terza età perché “La tenerezza è quell’approccio alla vita che ti permette di essere aperto verso gli altri e verso le cose, le esperienze. Io so che, grazie a una sana alimentazione, all’esercizio fisico e alla medicina morirò a novant’anni. Ho quindi trent’anni da passare bene”. La notte gli capita di passeggiare al buio per le sale del castello, per fortuna dice di non avvertire presenze, “Mi lasciano in pace”. Anche le presenze di pubblico non si sono fatte vedere molto in questi due giorni e non ha problemi a dirlo, in fondo è un festival giovane, appena nato. O forse quelli della terza età, la domenica pomeriggio, con il sole, sono all’aperto, nei parchi giochi e nelle foto delle banche immagini, come quella della locandina del festival: un giovane uomo brizzolato, una giovane donna con i capelli tinti, entrambi vestiti di bianco, sorridono alla vita, e della morte.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >