Society
di Gabriele Ferraresi 5 Gennaio 2016

La FFZERO1 Concept è l’auto elettrica più pazzesca di sempre

La costruisce la Faraday Future, l’hanno pensata ex di Tesla Motors, ed è effettivamente incredibile.

FFZERO1 concept - Faraday Future  Un design che ricorda i prototipi che corrono nella Le Mans Series.

 

Le auto elettriche possono essere fighissime, basti pensare alle Tesla. Ma la Faraday Future FFZERO1 Concept svelata al CES 2016 di Las Vegas è effettivamente un passo avanti: è un po’ una Pagani, un po’ una Lamborghini dell’elettrico, più pazzesca ancora di Tesla, e dà un’altra scalpellata a quell’idea platonica ben radicata secondo cui l’auto senza motore termico è una roba come la Panda Elettra (ve la ricordate?) oppure un’auto impeccabile ma poco sexy come la Toyota Prius – che però è ibrida, non elettrica.

 

 

Saltato fuori dal nulla, il progetto della Faraday Future è composto da un team che arriva in parte da Tesla e in parte da BMW. E le premesse sono buone, come spesso accade quando i soldi e le teste ci sono.

 

FFZERO1 concept - Faraday Future  Visione dall’alto del prototipo FFZERO1 concept.

 

Delle teste abbiamo parlato, dei soldi non ancora: ma arrivano in gran parte dall’imprenditore cinese Jia Yueting, “l’Elon Musk cinese” fondatore di LeTV, il Netflix del Celeste Impero.

 

FFZERO1 concept - Faraday Future  Va che cattiva

 

Ok, ma questa FFZERO1 Concept com’è? Le prestazioni sono folli, da hypercar a benzina. Monoposto, circa 1000cv, un motore per ruota, da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi, velocità massima di oltre 320 km/h. Promettono che volendo l’auto si guida da sola e si autoconsegna davanti alla porta di casa.

 

FFZERO1 concept - Faraday Future  Laterale di FFZERO1 concept – Faraday Future

 

Ma sarà difficile che entri in produzione e finisca sul listino: al massimo resterà un bellissimo loss leader per Faraday Future, che però è riuscita nell’intento di attirare l’attenzione del mondo su di sé. E sul progetto ben più ampio che ha per il futuro.

 

fabbrica faraday future  Un render del futuro stabilimento Faraday Future.

 

Il progetto di Faraday Future – oltre a quello di investire circa 1 miliardo di dollari per uno stabilmento negli Stati Uniti, e finire sul mercato nei prossimi 18 mesi con un modello completo – è di ripensare il modo in cui si costruiscono e si pensano le automobili oggi, pensandole customizzabili su misura per il cliente grazie a una Variable Platform Architecture ancora non completamente chiarita, ma che permetterebbe di costruirsi a piacimento la propria Faraday Future con molta più liberà rispetto a quella concessa oggi dagli altri costruttori.

Vedremo: quel che conta al momento è che questa FFZERO1 Concept è davvero spettacolare.

 

interni FFZERO1  Futuro e sportività negli interni della FFZERO1. Poi però se si guida da sola che noia…

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >