Society
di Simone Stefanini 18 Dicembre 2015

Studio Ghibli: i nuovi adattamenti italiani dei film sono peggio dei meme

Avete notato che il linguaggio delle nuove versioni è a dir poco imbarazzante?

dio-bestia Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli - Come, prego?

 

Se siete veri fan dei capolavori d’animazione dello Studio Ghibli, allora vi sarete certo accorti di qualcosa di strano. Per veri fan intendiamo quelli che conoscevano Totoro o Only Yesterday ben prima del loro adattamento per le sale italiane. Anni spesi a conservare VHS o a cercare sub ita – e quando non c’erano, sub eng, anche amatoriali – pur di guardare i film di Miyazaki e di Takahata.

Oggi è tutto più semplice: i film, grazie alla Lucky Red, sono disponibili in lingua italiana ed escono addirittura al cinema. L’unica nota stonata di questa operazione  casomai è proprio l’adattamento nella nostra lingua.

Chiunque abbia visto o acquistato la nuova versione di La Principessa Mononoke, sarà sicuramente saltato sulla sedia quando i personaggi inneggiano al Dio Bestia. Ok, può essere una traduzione letterale, ma si tratta pur sempre di una bestemmia, una di quelle da peggiori bar dell’entroterra toscano durante una partita a carte.

Ma a parte questa nota di colore, il linguaggio usato spesso è davvero obsoleto e la costruzione della frase fallace, tanto da provocare difficoltà di comprensione.

 

11202058_135914543437379_2552607862179122526_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli - Eccoci. Il Dio Bestia della nuova edizione di La Principessa Mononoke, nel vecchio doppiaggio era lo Spirito della Foresta

 

Ad alimentare la nostra tesi contribuisce soprattutto la pagina Gli sconcertanti adattamenti italiani dei film Ghibli. Pur creando meme satirici, in realtà ha una funzione ben più filologica: comparare la versione giapponese e le eventuali vecchie versioni italiane con la nuova e capire se c’è qualcosa che non funziona. Abbiamo parlato con Nicoletta, che della pagina è admin.

La traduzione delle edizioni Lucky Red è più fedele rispetto alle precedenti edizioni?
Innanzitutto è bene specificare che tutte le traduzioni e gli adattamenti dei film dello Studio Ghibli pubblicati ultimamente da Lucky Red sono da imputare alla stessa persona, tale Gualtiero Cannarsi. Non c’è dubbio che nelle vecchie edizioni di alcuni di quei film (per esempio Mononoke Hime) ci fossero delle frasi inventate dal nulla e che quindi la nuova versione sia più fedele; il problema è che più che di fedeltà, in molti casi si parla proprio di traduzione letterale, senza alcun rispetto delle regole sintattiche e grammaticali, dell’uso corrente o del contesto culturale della lingua di destinazione: ne sono un esempio la costruzione della frase che appare spesso, con il verbo alla fine della stessa, l’uso insistente dei vari appellativi fratellone, sorellona, papino o il terribile dio bestia.

 

11217818_121161184912715_6230773755282681171_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli - Nell’originale, utilizzano la parola ‘kechi’, che significa avari o tirchi. Ecco, magari micragnosi poteva essere un filino semplificata

 

Perché a volte la lingua appare così antiquata? Capita in generale agli adattamenti dal giapponese?
La lingua risulta antiquata per una precisa scelta stilistica dell’adattatore, come è facile riscontrare leggendo in rete i suoi vari interventi; e per quanto mi riguarda, non ho avuto modo di notarlo in nessun’altra produzione giapponese se non in quelle curate dal suddetto Cannarsi.

 

11230039_121161024912731_8316970195269084507_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli - Andare a dormire a dovere. Nemmeno Edmondo De Amicis nel libro Cuore usava un’espressione così antiquata. Ma poi, di preciso, dove sta Dovere?

 

Come ti è venuto in mente di fare questa pagina satirica?
L’idea della pagina mi è stata suggerita da un gruppo di persone deluse dal trattamento riservato a queste opere nel nostro Paese. Opere principalmente destinate a un pubblico di più giovani, che proprio a causa della difficoltà oggettiva di comprensione dei dialoghi viene tagliato fuori. 

 

12191482_121161151579385_8588133578079456208_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli - Decidiamoci: è completato o no? Sono due cose diverse

 

Siamo aperti in ogni caso al diritto di replica e saremo ben lieti di pubblicare la versione di Gualtiero Cannarsi.

 

12193740_121160888246078_6175731126642278388_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli

Una costruzione sintattica da infarto. Nemmeno il Maestro Yoda cambia così l’ordine delle parole in una frase.

 

12227583_125497881145712_6089321600078912683_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli

Tranquilla. Magari potrebbe recare seco anche un dolciume. Ma poi, perché così tanti diminutivi?

 

12234923_133911380304362_1441563150086381441_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli

Altra costruzione della frase un po’ così. Adattamento originale: “Quella donna è malvagia e nessuno potrà impedirmi di ucciderla”.

 

12241481_131703723858461_156376791095736250_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli

Cosa? Qui siamo nel regno della supercazzola. Lasciare com’era prima, cioè “Dovevo controllare la spedizione di domani” pareva brutto.

 

12243187_131703743858459_864738070780581710_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli

È che difatti. Vuole venire. OK.

 

12250116_142757966086370_1019698250758267279_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli

Quando si guasta la stoffa da chi si ripara? Dallo stofficista? O dallo stoffiere?

 

12274718_138192939876206_459752794119727829_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli

Dio, i diminutivi. Due nella stessa frase creano un imbarazzo mortale.

 

12279045_149524252076408_227579899260931653_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli

A parte il doppio senso evidente, ma poi mi raccomando “E di converso”, altrimenti non vale.

 

12311261_149524078743092_7998329756917628358_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli

Financo. Nonnina. Qui c’è la chiara intenzione di farci uscire di senno.

 

12341313_152680375094129_6467277042777373026_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli - .

Per benino è la formula più gettonata per tradurre a modo, a dovere, con attenzione ecc. E tutti i personaggi di colpo diventano una nonnina.

 

12341442_152680435094123_8176479275465984982_n Gli Sconcertanti Adattamenti Italiani dei Film Ghibli

Ora, non è che ci aspettiamo che i film di Miyazaki siano tradotti come Pulp Fiction, ma sul serio buggerato?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >