Society
di Marco Villa 12 Giugno 2015

È finita l’era degli hipster: tutto quello che c’è da sapere sugli YUCCIE

Via le barbe, arrivano i nuovi yuppie

78b2bc36-6462-4746-828f-c303e4828d43_560_420

Illustrazione di Bob Al-Greene per MASHABLE

C’è una parola che ha fatto la sua comparsa in grande stile solo due giorni fa, ma che ha tutta l’intenzione di diventare uno degli assilli della seconda metà del 2015.

La parola in questione è YUCCIE e si riferisce alla subcultura che, secondo alcuni, prenderà il posto degli hipster. Che l’hipsteria fosse ormai alle ultime fasi di vita era abbastanza evidente, ma per essere definitivamente archiviata si attendeva una degna sostituta, dopo aver capito che quella dei normcore era una bufala passeggera.

Largo quindi agli yuccie: su Mashable ne sono convintissimi, al punto da aver pubblicato in due giorni una serie di pezzi che hanno fatto il giro di internet e sono stati ripresi da siti di tutto il mondo.

Ok, ma chi sono gli yuccie? Vengono definiti come un incrocio tra hipster e yuppie, ovvero persone che lavorano nell’ambito della creatività, ma che hanno l’ambizione di fare tanti soldi con la propria occupazione. Da qui la parola yuccie, che unisce le iniziali delle parole Young, Urban e Creative e la desinenza di Yuppie, ovvero la parola che negli anni ‘80 definiva i giovani rampanti che lavoravano soprattutto nella finanza a New York.

“Diventare ricchi in poco tempo sarebbe fantastico. Ma diventare ricchi e conservare la propria autonomia creativa? Quello è il sogno dello yuccie”. Parole di David Infante, che con il suo pezzo su Mashable ha messo in moto tutto il discorso intorno a questa nuova definizione.

Finora abbiamo parlato delle caratteristiche dello stile di vita e lavoro dello yuccie, ma ovviamente non possono mancare le peculiarità nel vestire o nel modo di apparire. E qui il distacco dagli hipster passa per la rinuncia a uno dei punti fermi dell’hipsteria, ovvero la barba, che negli anni era andata a sua volta sostituire il baffo a manubrio dei pionieri.

Viso ben rasato, ma anche rinuncia a tatuaggi in bella vista, perché non sarebbero una gran scelta in un’ottica di carriera yuppie-style. E ancora, sempre secondo Infante, Instagram preferito a Twitter.

Il pezzo di Mashable pone l’accento sul fatto che una delle caratteristiche dell’essere hipster è sempre stata il negare di essere tali: una contraddizione che è implosa nel momento in cui l’hipsteria è diventata una moda decisamente mainstream. Lo yuccie, invece, rivendicherebbe con orgoglio il proprio essere yuccie e questo sarebbe un cambiamento non da poco.

State sicuri che nei prossimi giorni fioccheranno articoli e foto e ora di agosto non li sopporterete già più. Come dite? Come gli hipster? L’avete detto voi eh.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >