Society
di Marco Villa 12 Giugno 2015

È finita l’era degli hipster: tutto quello che c’è da sapere sugli YUCCIE

Via le barbe, arrivano i nuovi yuppie

78b2bc36-6462-4746-828f-c303e4828d43_560_420

Illustrazione di Bob Al-Greene per MASHABLE

C’è una parola che ha fatto la sua comparsa in grande stile solo due giorni fa, ma che ha tutta l’intenzione di diventare uno degli assilli della seconda metà del 2015.

La parola in questione è YUCCIE e si riferisce alla subcultura che, secondo alcuni, prenderà il posto degli hipster. Che l’hipsteria fosse ormai alle ultime fasi di vita era abbastanza evidente, ma per essere definitivamente archiviata si attendeva una degna sostituta, dopo aver capito che quella dei normcore era una bufala passeggera.

Largo quindi agli yuccie: su Mashable ne sono convintissimi, al punto da aver pubblicato in due giorni una serie di pezzi che hanno fatto il giro di internet e sono stati ripresi da siti di tutto il mondo.

Ok, ma chi sono gli yuccie? Vengono definiti come un incrocio tra hipster e yuppie, ovvero persone che lavorano nell’ambito della creatività, ma che hanno l’ambizione di fare tanti soldi con la propria occupazione. Da qui la parola yuccie, che unisce le iniziali delle parole Young, Urban e Creative e la desinenza di Yuppie, ovvero la parola che negli anni ‘80 definiva i giovani rampanti che lavoravano soprattutto nella finanza a New York.

“Diventare ricchi in poco tempo sarebbe fantastico. Ma diventare ricchi e conservare la propria autonomia creativa? Quello è il sogno dello yuccie”. Parole di David Infante, che con il suo pezzo su Mashable ha messo in moto tutto il discorso intorno a questa nuova definizione.

Finora abbiamo parlato delle caratteristiche dello stile di vita e lavoro dello yuccie, ma ovviamente non possono mancare le peculiarità nel vestire o nel modo di apparire. E qui il distacco dagli hipster passa per la rinuncia a uno dei punti fermi dell’hipsteria, ovvero la barba, che negli anni era andata a sua volta sostituire il baffo a manubrio dei pionieri.

Viso ben rasato, ma anche rinuncia a tatuaggi in bella vista, perché non sarebbero una gran scelta in un’ottica di carriera yuppie-style. E ancora, sempre secondo Infante, Instagram preferito a Twitter.

Il pezzo di Mashable pone l’accento sul fatto che una delle caratteristiche dell’essere hipster è sempre stata il negare di essere tali: una contraddizione che è implosa nel momento in cui l’hipsteria è diventata una moda decisamente mainstream. Lo yuccie, invece, rivendicherebbe con orgoglio il proprio essere yuccie e questo sarebbe un cambiamento non da poco.

State sicuri che nei prossimi giorni fioccheranno articoli e foto e ora di agosto non li sopporterete già più. Come dite? Come gli hipster? L’avete detto voi eh.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >