Society
di Simone Stefanini 20 Giugno 2018

Un’estate italiana, i gelati vintage che ci mancano di più

Il Blob, il Winner, il Piedone, i ghiaccioli dei Puffi, il gelato della Pantera Rosa, i disegni di Jacovitti e tanta nostalgia da 300 lire

Di che anno sei? Cosa ti ricordi di quando eri piccolo? Le partite di pallone, i primi amori, sì ok. Ma ancora prima? Riesci a ritornare a quando tua mamma ti sembrava un grattacielo e tu eri Spider Man, appeso a lei e attento a non perderla nemmeno per un secondo, in mezzo a quell’oceano che era la strada? Di quando ti portava a prendere il gelato e tu rimanevi incantato per ore davanti ai cartelloni pubblicitari della Sammontana, della Eldorado, dell’Algida, della Toseroni e di tutte le altre marche di cui ancora non sapevi nemmeno leggere il nome?

Quei colori sgargianti dai quali eri rapito come le farfalle delle lampadine, senza darti pensiero dei coloranti o dei chili di troppo perché eri piccolo e dovevi solo crescere, giocare, sentirti coccolato e stare bene? Ti ricordi delle estati passate coi pantaloncini corti, coi sandalini di gomma e con un gelato sempre in mano? Io sì, ed è strano quanto certi ricordi subaffittino parti della mente e restino come cellule dormienti per decenni, finché ti trovi perso in una ricerca Google a guardare un’immagine che senti tua come una foto di famiglia e in un momento tutto il dimenticato riaffiora. Questa qua sotto:

 

6-gelati-findus-topolino-1280-anno-1980

 

Riesco a ricordarne anche il sapore un po’ farinoso, mezzo sciolto e dolcissimo. Mia nonna lo faceva uscire dal congelatore come fosse una sorpresa e io, che sapevo, rimanevo sorpreso lo stesso. Guardavo quella pianola, la maglietta della Pantera Rosa e impazzivo di bramosia. Amavo da morire anche i disegni di Jacovitti per i gelati della Eldorado, di cui trovavo la pubblicità su Topolino. Erano strani, non li capivo nemmeno ma ne rimanevo affascinato.

 

7-eldorado jacovitti

Cocco_Gelati_1jeb_28_8_C

 

Insomma, quanti anni hai? Io qualcosa degli anni ’70 mi ricordo, ma molto mi sfugge. Certo, mi sarebbe tanto piaciuto dire che mangiavo il gelato di Patty Pravo, la ragazza del Piper. Farebbe molto radical chic, ma io non ho avuto questa fortuna:

 

7342513230_2ec5d39521_b

gelati-Paiper-Algida

 

Questi qui sotto invece me li ricordo benissimo. I ghiaccioli fatti a forma di Puffi, da comprare con trecento lire, oppure il Piedone, o ancora il Calippo Fizz, che creava le bollicine in bocca, o ancora il Gommolo con la chewing gum in mezzo al cono, per perdere del tutto la testa col Winner, il gelato dei miei primi baci, o il Winner Taco che sembra essere tornato per non farti crescere mai.

 

B8g1-3bIYAABWBm

original_golo-puffoghiaccioli

cartelloni-gelati

original_gommolo-gelati-nostalgia-anni-80

10413273_1437457996504131_265437928_n

l_2197_gelati-nostalgia

gelati

golo-conoatomic

original_gommolo-gelati-nostalgia-anni-80 Piedone-Eldorado

 

I cartelloni dei gelati vintage sono ormai diventati capolavori di pop art e su Ebay si trovano ad un bel po’ di soldi, perché hanno quel potere taumaturgico di farti tornare indietro nel tempo, più e meglio di una DeLorean arrugginita. Li guardi e senti la sabbia sulle mani, senti i brividi del primo bagno di stagione, della nuotata e poi la felicità.  Senti anche l’odore delle noiose estati passate in città, alle quali ora guardi con nostalgia, perché il ricordo è fatto apposta per eliminarla, la noia.

Dunque prenditi un po’ di tempo per guardare queste foto, queste pubblicità, alle quali non dovresti cedere con così tanto affetto ma dentro le quali finisci per perderti, in cui rivedi i tuoi amici, la tua famiglia e tutto quello che eri.

Un maledetto figlio del consumismo romantico.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >