Society
di Chiara Monateri 15 Dicembre 2015

Da Jerry Calà a Kanye West: il piumino è tornato di moda

Storia di un capo di abbigliamento inossidabile

yuppies  Il film Yuppies di Carlo Vanzina (1986)

 

Ti capita ancora di aprire l’armadio con le cose vecchie, stravecchie come se uscissero da un film girato su pellicola, e vederci i piumini strausati degli anni 80 e 90, chiedendoti che ci fanno ancora lì? Nei colori basici come il giallo e il rosso, o in quelli fluo che ad un certo punto sembrava fossero i soli ad esistere. Con le loro etichette di gomma, rovinate, con loghi che qualcuno si ricorda e altri non si ricordano più.

Ti ricordi la sensazione? Di indossare una cosa gigante e gonfia, con una forma standard che stava male a tutti come una nuvola (di quelle che portan male). A quelli magri e alti stava bene però. Il soffiarsi il naso da bambini quando andavi a sciare in una giacca che non sapevi ancora se assorbiva o meno, la sensazione soffice e calda dello starci dentro, unita alla consapevolezza di sembrare qualcosa tra l’omino della Michelin e lo Stay Puft Marshmallow Man dei Ghostbusters. Che poi alla fine vedevi Jerry Calà che si faceva le vacanze in montagna e si divertiva tantissimo e ti dicevi, ci dev’essere qualcosa in questo piumino. Vado a fare a palle di neve.

Piumino, come dire l’Italia ai tempi de I ragazzi de La 3C, Vacanze di Natale, Burghy, paninari, il Drive-In.

 

drivein  Enzo Braschi che interpreta il “Paninaro” del Drive-in

 

Poi il tempo è passato, e quando ti eri già dimenticato di pensare a cosa c’era di particolare nel piumino durante l’infanzia, è tornato. Non su Jerry Calà ma sempre su altra gente che si divertiva, pare. Nel corso degli anni 90, il teenager se lo ricorda anche come soprabito street, uno dei preferiti dai rapper americani, che indossavano brand come Helly Hansen e Tommy Hilfiger in taglia oversize solo come status symbol: non era per coprirsi davvero. “I went from Helly Hansen to mini-mansions”, cantava Mase in Top of the world di Brandy. Il piumino si portava aperto, a calare. Direttamente sulla t-shirt o la canottiera. Non si metteva più solo per andare a sciare! Forse.

 

Helly Hansen  La famosa “Bubble Jacket” di Helly Hansen, amata dall’hip-hop

 

E poi pagine confuse di che ci faceva davvero il piumino nella nostra storia. Chi, colpito dal trauma del pupazzo dei Ghostbusters e chiamato bambino ciccione, non ne voleva più sentir parlare. Chi, scosso da tronisti che lo sfoggiavano a Cortina, buttava i propri o li regalava insofferente al nipote sfigato. Chi, mosso da Sturm und Drang dello stile, anche a 40 gradi sotto zero, optava stoicamente per soprabiti riconducibili a storie da romanzo, e con un heritage indiscutibile: e via di trenchcoat, parka stile My Generation, cappotti in lana color cammello, montgomery. Con tonsillite a seguire.

Dov’era il piumino? Non pervenuto. Sono poi seguiti anni di binomio tra cappotti come quelli citati sopra VS giacconi imbottiti e informi con cappuccio peloso chiamati anche “Those fucking Italian jackets” dagli stranieri che non capivano perché gli italiani si mettessero giacconi da temperature artiche da Settembre a Marzo.

Poi, ad un certo punto, l’alba di una nuova era del piumino è arrivata. Portando chiarezza sia sul fronte estetico sia su quello tecnologico.

 

Moncler-ADV Bruce weber  Un’immagine di Bruce Weber per Moncler

 

Dal lato estetico, il cambiamento è arrivato dalla comunicazione al prodotto. Il piumino è diventato l’oggetto culto nelle campagne di Bruce Weber per Moncler, che l’ha reso attraverso la sua lente un raffinato strumento di storytelling. Pure Kanye West non ha saputo resistere, scegliendolo come outfit per i suoi live. Inoltre altri marchi italiani come Add hanno iniziato a produrre piumini per venire incontro a diverse esigenze metereologiche e di stile (addio mega-piumini) creando anche capi super leggeri per la primavera. Anche il taglio è cambiato, adesso i piumini non solo possono essere più sottili, ma adottare qualsiasi forma: Italia Independent ha lanciato lo scorso inverno una capsule collection in collaborazione con Colmar dove il piumino prende anche la forma della giacca classica, rendendosi così adatto anche ad occasioni formali.

 

Kanye moncler  Kanye West con gilet Moncler durante una performance

 

Dal lato tecnologico The North Face, oltre a garantire l’innovazione con ritrovati come Fuseform e Thermoball, detiene il titolo di capo più amato da Hollywood per riscaldare attori e registi durante le riprese: da Wes Anderson (che al freddo cede facilmente al piumino, virando dal suo stile abituale), ad Angelina Jolie e Ben Affleck.

Un viaggio lungo, quello del piumino, ma che ora definisce un’identità poliedrica. Ora che il capo ha infinite possibilità, dal taglio a giacca a quelli più classici o sportivi, la scelta è vasta (issima). Si va dalle circa 40 Euro per un piumino su Asos, al migliaio per brand italiani di fascia più alta. Oppure ancora, sempre se non avete capito male quando eravate piccoletti, e volete sembrare quello che alla fine si diverte sempre, potete tirarne fuori uno dall’armadio delle cose stravecchie, che il piumino vintage 80s/90s come quello di Gerry Calà è pure tornato di moda.

 

asos Brave Soul  Un modello di piumino attuale, disponibile su Asos

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >