Society
di Simone Stefanini 20 Settembre 2017

È giusto gioire se un nazi viene picchiato?

Un neonazista con tanto di svastica viene segnalato e steso con un pugno a Seattle. Alcuni gioiscono, altri polemizzano.

Un momento prima dell’impatto still da BuzzFeed - Un momento prima dell’impatto

 

Prima i fatti: un giovane neonazi con la fascia rossa raffigurante la svastica, gira per Seattle. Sembra molesti un afroamericano, qualcuno presume sia armato. Molti lo notano e la cosa fa il giro dei social. Grazie a Twitter viene rintracciato e una volta sceso, la lite coi suoi detrattori degenera. Lui va un po’ sulla difensiva, ma viene steso con un unico pugno da un ragazzo. Su Twitter, molti account gioiscono.

Non è la prima volta che accade una cosa del genere e come tutti gli avvenimenti che si prestano a un’interpretazione politica, la storia cambia a seconda di chi la scrive. Il Giornale, ad esempio, la riporta in modo sensibilmente diverso: il neonazi sarebbe stato seduto tranquillamente sull’autobus, quando è stato raggiunto da una spedizione punitiva partita da Twitter, che l’ha individuato e steso come misura necessaria per rendere, citiamo, “Seattle antifascista”. Calca la mano sul fatto che la sinistra tanto buona, si comporta proprio come la destra che odia.

Se una persona antifascista gioisce nel vedere un neonazista atterrato con un pugno, diventa anche lui un fascista? Questo sembra emergere dai molti commenti online di simpatizzanti di destra ma anche di progressisti che ci tengono a non far mai passare un atto sopra le righe.

 

Il nazi sull’autobus buzzfeed - Il nazi sull’autobus

 

Però amici, se un neonazista vestito da nazista, entra su un autobus e tira una banana a un nero o proclama la superiorità della sua razza, è nell’ordine delle cose che si prenda il rischio di prenderle, seguendo la logica apolitica del cowboy ne Il Grande Lebowski che dice: A volte sei tu che mangi l’orso e altre volte è l’orso che mangia te.

Il secondo fondamento di quell’arte marziale nobile che è il karate, recita: Karate ni sente nashi (traduzione libera: non attaccare mai per primo). Se però qualcuno ti attacca, lo stendi. Quale differenza passa tra una colluttazione fisica e un’offesa morale palese, alla propria storia, ai propri diritti, alla propria vita?

Non che dobbiamo per forza fare i caroselli o mettere tra i favoriti il Tumblr che mostra solo immagini di nazisti presi a pugni, ma trattare un mezzo sorriso alla stessa stregua di un tale che esalta i criminali di guerra, non è corretto.

 

Il nazi steso a terra dopo il pugno buzzfeed - Il nazi steso a terra dopo il pugno

 

D’altro canto, la violenza spesso fa il gioco di chi la subisce, anche se a prenderle è Satana in persona, quindi non andrebbe mai usata come tesi. I nazisti non vanno picchiati, vanno annientati politicamente e moralmente, nelle sedi adatte. Va sostenuta la cultura, come unico antidoto all’ignoranza di chi in testa ha radicato i concetti di razza, supremazia, violenza e sterminio.

La spedizione punitiva è una pratica che non dovrebbe mai essere utilizzata, un’assurdità criminale che viene messa in atto dalle gang o dagli esaltati, non dalle persone ragionevoli. Dal video però non sembra uno scontro impari, non c’è un due contro uno o un’azione di violenza di gruppo, essenzialmente si tratta di uno che prende un pugno da un altro.

Sarebbe stato meglio chiamare la polizia invece di avvertire i residenti via Twitter? Certo. Sarebbe stato meglio parlare con il nazi e ricondurlo a ragione mediante un confronto verbale? Sì. Sarebbe stato meglio che il ragazzo non fosse andato in giro vestito come Himmler? Regolare. Quindi le cose stanno così: se il nazista avesse commesso reato, dovrà pagare ai sensi della legge, se quello che l’ha atterrato avesse commesso reato, dovrà anche lui pagare ai sensi della legge. Se a noi ci fosse scappato un mezzo sorriso d’approvazione, che segna il nostro unico atto politicamente scorretto della settimana, beh, pazienza. Per una volta non ci chiameranno buonisti.

 

L’impatto buzzfeed - L’impatto

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >