Society
di Simone Stefanini 2 Aprile 2020

Il ruolo dell’informazione e dell’intrattenimento durante la pandemia

A volte, chi ha potere mediatico ma non ha conoscenze specifiche per parlare di alcuni argomenti, potrebbe fare un passo indietro

L’infotainment  quella categoria del giornalismo  moderno che tratta argomenti d’attualità in modo fresco e accattivante, per attrarre lettori che di norma non leggerebbero argomenti d’attualità. Il neologismo è la crasi tra le parole information e entertainment, informazione e intrattenimento. Per spiegarlo in modo facile, i giornalisti devono spettacolarizzare l’informazione. Nasce in America con l’esplosione di siti tipo BuzzFeed ed esplode dalla seconda metà degli anni 2000 grazie ai social, che moltiplicano per infinito le condivisioni di video e articoli del genere. Liste, classifiche, epic fail, meme nascono tutte da quel tipo di nuova informazione, che negli anni a venire regolerà anche l’informazione propriamente detta. Anche il nostro Dailybest è di fatto un sito di infotainment, così come lo sono i programmi di Barbara D’Urso, giusto per fare un esempio di quanto la forchetta dell’offerta sia ampia e variegata.

L’infotainment, l’informazione e l’intrattenimento di questi tempi sono messi a dura prova, esattamente come tutte le categorie della società civile e incivile, dalla pandemia mondiale, e stanno dimostrando i loro limiti in questo stress test infinito e monotematico che è la narrazione del mondo sotto il coronavirus. Da una parte, in tv ci sono programmi di terrorismo psicologico travestiti da contenuti, che sposano l’una o l’altra teoria fallace per fare spettacolo, condividono bufale,  mettono a confronto le parole di scienziati, virologi ed esperti con quelle di opinionisti casuali che s’informano sui siti .altervista.org condivisi su Facebook. Tristemente famoso è il siparietto in cui Alessandra Mussolini litiga con l’epidemiologo Giovanni Rezza per avallare la sua tesi  secondo cui il corona sarebbe stato creato in laboratorio, nonostante evidenze scientifiche al momento dimostrino il contrario.

Salvini che condivide il servizio del Tg Leonardo di anni prima spacciandolo per la causa del corona non fa politica, diffonde fake news travestite da informazione. Sgarbi che pubblica video in cui minimizza il virus fa lo stesso, ma anche De Luca quando parla di carabinieri e lanciafiamme o Renzi che vuole riaprire tutto a caso, Bruno Vespa che chiede a sproposito dove siano i Medici Senza Frontiere o ancora i dannatissimi video su Milano e Bergamo che non si fermano, lanciati all’epoca della presa sotto gamba della tragedia. Chiunque parli a caso o poco più, spettacolarizza le notizie per colorarle come vuole e fare proseliti in vista di elezioni, audience o popolarità. Barbara D’Urso che recita l’eterno riposo con Salvini o che consiglia ai milioni di spettatori di pulire le zampe dei cani con la candeggina, fa infotainment di matrice così bassa da generare spontaneamente una petizione per la chiusura dei suoi programmi, che in pochi giorni ha raggiunto più di 350mila adesioni.

Mashable che consiglia di bere al massimo due bicchieri di vino a settimana durante la quarantena e tutti gli altri articoli che fanno la morale, possono risultare indigesti per tutti gli italiani rispettosi delle disposizioni governative, che vogliono vivere il lockdown nel modo che credono più opportuno. Da una parte certa politica e certa informazione si organizzano per rendere questa emergenza ancora più terrificante e distopica (si pensi ai 40 articoli di Open sul tema al giorno, ai commenti del suo direttore che da eroe delle maratone si sta mutando in giornalista sensazionalista qualsiasi), dall’altra i siti abituati a parlare di cose ben più leggere si mettono a dare giudizi sugli usi e costumi di un popolo durante un’ecatombe, storcendo il naso se non riusciamo a fare sport, yoga, se non riusciamo a mangiare sano o a limitarci nei vizi, se non diventiamo cuochi provetti, se siamo poco produttivi sul lavoro o se non cogliamo le profonde opportunità che questa inaspettata prova generale di Apocalisse può apportare alle nostre vite piene di vita.

Nel mezzo, l’unico sfogo degli anziani e dei non alfabetizzati digitalmente (non prendete male questa affermazione, i miei genitori sono brave persone ma sono assolutamente analfabeti digitali) è la televisione, e non c’è davvero alcun motivo per mandare in onda trasmissioni che confondano gli spettatori con informazioni false o tendenziose, sfruttando influencer nazionalpopolari che non hanno alcuna scolarizzazione in virologia, contenimento delle pandemie o economia in tempo di crisi globale. È necessario che l’informazione e l’intrattenimento ai tempi del corona tacciano su argomenti sconosciuti, si allontanino dalle fake news e dai sensazionalismi per rendere un vero servizio alla nazione: dare le notizie necessarie,  rilassare e distrarre lettori e spettatori, se non proprio rassicurarli. Altrimenti, a che servono?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >