Society
di Simone Stefanini 19 Luglio 2016

Io Donna e quel commento che insulta la forma fisica di una teenager

Perché dire che una teenager dovrebbe vergognarsi del proprio corpo è un messaggio pericoloso

body-shaming Facebook

 

Io Donna è il femminile del Corriere della Sera, un inserto settimanale che non ha certo bisogno di presentazioni, visto che arriva in edicola da vent’anni esatti. Per la precisione: un inserto settimanale femminile, che in teoria dovrebbe cercare di interpretare e rappresentare la figura femminile nel mondo contemporaneo.

Ecco perché fa davvero un brutto effetto assistere a scivoloni clamorosi come quello che è stato registrato in occasione del pezzo Estate, orrori di stile in città (ma le star vestono peggio) e firmato da Michela K. Bellisario. Anzi: nella prima stesura del pezzo, visto che è stato poi modificato e in seguito a una vera e propria shitstorm sulla pagina Facebook di Io Donna.

Trovate qui la stesura originale, dallo screenshot dell’utente Facebook Alisea NotElisea.

 

 

La giornalista infatti, all’interno di un pezzo leggero su come si vestono male i v.i.p. d’estate, infila un commento all’indirizzo della 19enne attrice Chloe Moretz, che mentre se ne va in giro col fidanzato Brooklyn Beckham (figlio di David e Victoria) viene segnalata come troppo grassa per portare gli shorts con disinvoltura. Ovvero quello che tecnicamente viene definito body shaming.

 

Ci sono due errori madornali in questa definizione, che non possiamo sopportare, perché molto pericolosi:

1) Si insinua che l’attrice sia grassa, cosa che con tutta evidenza non è vera. Come sempre, in questi casi, la ricaduta peggiore che ci possa essere è che altre teenager, leggendo il commento, arrivino a pensare che una ragazza in perfetta forma come Chloe Moretz sia invece da considerare come esempio di persona fuori forma, sottintendendo così che la perfezione sia da cercare in ragazze con diversi kg in meno.

2) Al di là del peso e della forma di Chloe Moretz, ognuno deve essere libero di indossare quello che vuole. Si può giudicare il gusto estetico nella scelta di un abbinamento o di un capo di abbigliamento, ma l’unico vero metro di giudizio su lunghezza degli abiti e percentuale di pelle nuda è solo ed esclusivamente il sentirsi a proprio agio.

Questa doppietta di passi falsi porta a una conclusione disarmante: Io Donna dice a una teenager che dovrebbe vergognarsi del proprio corpo ed evitare di mostrarlo.

Non male per un settimanale femminile.

 

 

io-donna-shitstorm Facebook - Alcuni commenti degli utenti

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >