Society
di Simone Stefanini 12 dicembre 2017

Le dominatrici del BDSM, una galleria vintage

Una galleria vintage e un po’ naif delle Mistress del BDSM

 

Di relazioni particolari tra adulti consenzienti, ce ne sono quante ne volete e finché vivono nella legalità, non possiamo che amare tutte le strane pazze pratiche che uniscono le persone nel mondo. Tra queste, il sadomaso è una delle più famose, praticate dall’alba dei tempi, che in ambiente protetto, garantisce ai contraenti soddisfazione e piacere mediante lo squilibrio tra potere e umiliazione.

La sigla BDSM significa Bondage e Disciplina – Dominazione e Sottomissione – Sadismo e Masochismo. A seconda dei gusti dei partner si va infatti dall’immobilizzazione mediante corsetti, cappucci e corde al gioco di ruolo tra la dominante e il sottomesso, fino all’imposizione (o autoimposizione) di sofferenze fisiche e mentali.

Si parla sempre di contrattazioni che avvengono da entrambe le parti e che portano i partner a goderne, nonostante l’occhio esterno, rigido e bigotto potrebbe trovare aberranti certi comportamenti.

La sottocultura BDSM è entrata a pieno diritto nella cultura pop, specialmente quando si tratta della Mistress, la dominatrice vestita di latex con il frustino e una mise vedo non vedo che ha proprio nel celato il suo climax erotico.

Qui sotto potete vedere alcune Mistress (vere o modelle per riviste BDSM) nella storia

Pensate ai vari costumi di Catwoman, nemica-amica di Batman,  sempre più somiglianti a quelli delle Mistress del BDSM degli anni passati. Oggi infatti le pratiche sono ben più estreme di quelle di 40 o 50 anni fa e in questo contesto, riguardare le vecchie foto delle dominatrici, restituisce un senso di poesia naif che porta anche un sorriso sulla nostra faccia stupita.

 

FONTE | dangerous minds

CORRELATI >