Society
di Claudia Mazziotta 17 Aprile 2020

Le pubblicità durante il coronavirus sono tutte uguali, e non è un bene

Le pubblicità in questo periodo sono tutte uguali perchè tutte fanno leva allo stesso modo su alcuni valori quali la famiglia o la casa, ricordandoci cose che, purtroppo, sappiamo già. Per favore, torniamo a fare pubblicità di qualità. Guardiamo la realtà e sproniamoci ad andare avanti, anche attraverso la marca.

Chi bazzica nel campo dell’advertising conosce bene il percorso evolutivo della pubblicità dagli anni dei suoi albori fino ad oggi. Non solo: chi studia la marca e il suo mondo, aveva in mente anche il suo futuro sviluppo. Con il coronavirus, questo sviluppo della marca sembra essere minato dalla necessità di attirare l’attenzione del consumatore sul prodotto facendo leva sulle debolezze e le mancanze che ognuno di noi ha in questo periodo di pandemia.

Mi spiego meglio: guardando gli spot pubblicitari nel mondo, facilmente ci si accorge di come questi, oggi, siano tutti uguali. Esattamente tutti fanno presa sugli stessi valori, come la casa e la famiglia, in linea con quelli che sono i bisogni condivisi da tutti. In un periodo storico del genere, facilmente le pubblicità si vestono, allora, di alcune parole chiave: casa, famiglia, e ci rassicurano dicendo che “we are here for you”, perché solo insieme si può superare un periodo difficile e di incertezza del genere. Il tutto condito con una musica malinconica di sottofondo che ci ricorda quanto stiamo messi male, quanto era più bello il contatto con le persone, i nostri cari, che uscire di casa e incontrare gente era meraviglioso, così come andare al parco, al cinema, al ristorante. Un approccio facile quanto patetico, che sembra indietreggiare rispetto allo sviluppo in avanti che la marca stava percorrendo verso la cosiddetta “marca ideologica”.

In principio la “marca era funzionale”. La storia della marca comincia, cioè, con il preciso scopo di risolvere un problema: il “prodotto-eroe” veniva pubblicizzato come un prodotto problem solving. Un esempio classico? Il detersivo. Dalla “marca funzionale” si era passati alla “marca aumentata”: il prodotto non era più solo e unicamente in grado di risolvere un problema, ma trasmetteva anche dei valori ben precisi e cominciava a rappresentare uno status. Esempi? Barilla uguale casa e famiglia tradizionale, o “se compri una certa auto sei un certo tipo di uomo”. Eravamo negli anni ’70/’80. Nel tempo, l’accento sugli aspetti emozionali continuava in maniera più precisa e articolata, fino ad approdare alla “marca totale”, dove il prodotto è un prodotto complesso che poggia sui quattro pilastri performance, alleanze, portfolio e reputazione.

Il futuro della marca, prima della virata coronavirus, sarebbe dovuto essere la “marca ideologica”: una marca che si mostra, attraverso la pubblicità, sempre meno come un prodotto e sempre più come un valore universale, un’ideologia, anche politica, in cui il consumatore si riconosce, riflette, con un risultato sempre diverso e variegato quante sono le identità che la marca vuole rappresentare.

Guardando agli spot pubblicitari di oggi, questo scopo “ideologico” della marca sembra essersi perso e, con lui, sembra essersi persa la complessità che la marca aveva sviluppato nel corso della sua storia. Le pubblicità sembrano essere tutte uguali, perché tutte fanno leva sugli stessi valori, desideri, sugli stessi bisogni.

Attraverso formulette semplici e patetiche, cosa vuole dirci oggi il brand? Che siamo persi, ma che insieme ci solleveremo? Su cosa vuole fare presa esattamente? È un mese che tutti siamo chiusi in casa e la consolazione patetica da parte del mondo dell’advertising non porta davvero a nulla di positivo. Piuttosto: intrattenere, divertire, incoraggiare, supportare, spronare a darsi da fare per reinventarsi. E, ancora prima, mostrare la realtà per quella che è, senza false illusioni. Vogliamo più pubblicità che dicano: “we may be standing six feet apart, but we’re still standing” e meno pubblicità che ripetano cose che già, purtroppo, sappiamo bene da noi. Per favore, torniamo a fare pubblicità di qualità, diversificata, anomala. Torniamo sulla via sella “marca ideologica”.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >