Society
di Claudia Mazziotta 17 Aprile 2020

Le pubblicità durante il coronavirus sono tutte uguali, e non è un bene

Le pubblicità in questo periodo sono tutte uguali perchè tutte fanno leva allo stesso modo su alcuni valori quali la famiglia o la casa, ricordandoci cose che, purtroppo, sappiamo già. Per favore, torniamo a fare pubblicità di qualità. Guardiamo la realtà e sproniamoci ad andare avanti, anche attraverso la marca.

Chi bazzica nel campo dell’advertising conosce bene il percorso evolutivo della pubblicità dagli anni dei suoi albori fino ad oggi. Non solo: chi studia la marca e il suo mondo, aveva in mente anche il suo futuro sviluppo. Con il coronavirus, questo sviluppo della marca sembra essere minato dalla necessità di attirare l’attenzione del consumatore sul prodotto facendo leva sulle debolezze e le mancanze che ognuno di noi ha in questo periodo di pandemia.

Mi spiego meglio: guardando gli spot pubblicitari nel mondo, facilmente ci si accorge di come questi, oggi, siano tutti uguali. Esattamente tutti fanno presa sugli stessi valori, come la casa e la famiglia, in linea con quelli che sono i bisogni condivisi da tutti. In un periodo storico del genere, facilmente le pubblicità si vestono, allora, di alcune parole chiave: casa, famiglia, e ci rassicurano dicendo che “we are here for you”, perché solo insieme si può superare un periodo difficile e di incertezza del genere. Il tutto condito con una musica malinconica di sottofondo che ci ricorda quanto stiamo messi male, quanto era più bello il contatto con le persone, i nostri cari, che uscire di casa e incontrare gente era meraviglioso, così come andare al parco, al cinema, al ristorante. Un approccio facile quanto patetico, che sembra indietreggiare rispetto allo sviluppo in avanti che la marca stava percorrendo verso la cosiddetta “marca ideologica”.

In principio la “marca era funzionale”. La storia della marca comincia, cioè, con il preciso scopo di risolvere un problema: il “prodotto-eroe” veniva pubblicizzato come un prodotto problem solving. Un esempio classico? Il detersivo. Dalla “marca funzionale” si era passati alla “marca aumentata”: il prodotto non era più solo e unicamente in grado di risolvere un problema, ma trasmetteva anche dei valori ben precisi e cominciava a rappresentare uno status. Esempi? Barilla uguale casa e famiglia tradizionale, o “se compri una certa auto sei un certo tipo di uomo”. Eravamo negli anni ’70/’80. Nel tempo, l’accento sugli aspetti emozionali continuava in maniera più precisa e articolata, fino ad approdare alla “marca totale”, dove il prodotto è un prodotto complesso che poggia sui quattro pilastri performance, alleanze, portfolio e reputazione.

Il futuro della marca, prima della virata coronavirus, sarebbe dovuto essere la “marca ideologica”: una marca che si mostra, attraverso la pubblicità, sempre meno come un prodotto e sempre più come un valore universale, un’ideologia, anche politica, in cui il consumatore si riconosce, riflette, con un risultato sempre diverso e variegato quante sono le identità che la marca vuole rappresentare.

Guardando agli spot pubblicitari di oggi, questo scopo “ideologico” della marca sembra essersi perso e, con lui, sembra essersi persa la complessità che la marca aveva sviluppato nel corso della sua storia. Le pubblicità sembrano essere tutte uguali, perché tutte fanno leva sugli stessi valori, desideri, sugli stessi bisogni.

Attraverso formulette semplici e patetiche, cosa vuole dirci oggi il brand? Che siamo persi, ma che insieme ci solleveremo? Su cosa vuole fare presa esattamente? È un mese che tutti siamo chiusi in casa e la consolazione patetica da parte del mondo dell’advertising non porta davvero a nulla di positivo. Piuttosto: intrattenere, divertire, incoraggiare, supportare, spronare a darsi da fare per reinventarsi. E, ancora prima, mostrare la realtà per quella che è, senza false illusioni. Vogliamo più pubblicità che dicano: “we may be standing six feet apart, but we’re still standing” e meno pubblicità che ripetano cose che già, purtroppo, sappiamo bene da noi. Per favore, torniamo a fare pubblicità di qualità, diversificata, anomala. Torniamo sulla via sella “marca ideologica”.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >