Society
di Mattia Nesto 17 Gennaio 2019

Masinga Z: cinque gol per ricordare Philip Masinga

Il centravanti sudafricano, vera e propria icona del calcio anni Novanta, ci ha lasciato ieri ma noi non lo dimenticheremo mai

Che per il Bari gli ultimi anni non siano stati certamente “i migliori anni della propria vita” è cosa nota, con i “galletti” che oggi militano, addirittura, in Serie D. Eppure il Bari, qualcosa come 25 anni fa, era una delle protagoniste della Serie A dei campioni. Anzi, da Guerrero a Zambrotta passando per la garra charrúa ante-litteram di De Ascentis o la saggezza di capitan De Rosa o di Garzya fino al “bimbo d’oro” Cassano, i pugliesi si sono fatti rispettare per molto tempo nella massima divisione. Eppure un giocatore, più di tutti, aveva incarnato quello spirito un po’ scanzonato e così lontano dagli schermi di intendere il calcio (ed anche la vita): si tratta di Philemon Raul Masinga, il centravanti del Bari di Fascetti, uno dei più forti calciatori sudafricani di tutti i tempi (secondo solo a Benni McCarthy), che proprio in questi giorni ci ha lasciato a soli 49 anni (così lo ricorda il sito della FIFA).

Negli anni  insomma in cui buona parte dei bambini e degli adolescenti italiani erano incollati, all’ora di pranzo, su Italia 1 a seguire le vicende di Dragon Ball Z, si affaccia nel nostro campionato un giocatore così particolare. E indimenticabile.

Ecco per chi era appassionato di calcio negli anni Novanta il nome di Masinga fa subito emergere dolci ricordi (anche se si tifa Lecce o Inter, per dire, squadra quest’ultima vera e propria “vittima illustre” delle segnature del sudafricano): un po’ perché nessun altro giocatore sudafricano è stato tanto famoso come lui in Italia e un po’ perché Masinga era un atleta atipico. Nonostante una corporatura abbastanza sgraziata e dal tocco di palla non certo sopraffino in un campionato di veri e propri fenomeni (da Ronaldo a Zidane, passando per Del Piero e Totti) egli si è ritagliato un posto di primo piano, con gol spettacolari che ancora oggi i padri tramandano ai figli nei loro ricordi. E allora anche noi, con loro, ci mettiamo a celebrare come merita questo campione molto particolare.

Sudafrica –Repubblica Democratica del Congo 1- 0

Questo non è un gol firmato con la maglia del Bari ma è senza dubbio quello più importante dell’intera carriera di Masinga. Infatti la rete siglata contro la Repubblica Democratica del Congo nel 1997 ha permesso al Sud Africa di qualificarsi per la prima volta alle fasi finali del Mondiale che di lì ad un anno si sarebbero giocati in Francia (e dove i “bafana bafana” usciranno al primo turno così come avverrà poi, nel 2010, nel Mondiale organizzato a casa loro. Ma questa è proprio tutta un’altra storia).

 

Inter – Bari 0-1

Anche in questo caso non siamo di fronte ad una vera e propria prodezza tecnica ma quando il 16 gennaio del 1998 l’allora capolista Inter di Ronaldo cadde in casa per opera dello sconosciuto centravanti sudafricano in molti gridarono al “miracolo”. Eppure quegli erano gli anni sì del contestato “rigore-non rigore” di Torricelli sullo stesso Fenomeno (ovviamente era rigore, sì) ma anche anni in cui una matricola come il Bari poteva andare in casa della prima in classifica e imporre il proprio gioco. In quella Serie A non si regalava niente a nessuno, specie all’Inter.

 

Bari – Inter 2-1 

Niente da fare. Non ce ne vogliano i supporter interisti ma vedere segnare Masinga all’89 a quella che era la squadra più forte d’Italia insieme alla Juventus di Del Piero, Inzaghi e Zidane fa un certo effetto. E lo fa se si pensa che per firmare questa rete Masinga fa quello che sapeva fare meglio: ovvero essere al posto giusto al momento giusto. Un gol importantissimo, anche e soprattutto in chiave scudetto (che, anche complice quella sconfitta ma non solo, sfuggirà poi dalle mani dell’Inter allenata da Gigi Simoni). Ah, sempre in quell’anno Masinga aveva castigato a dovere i cugini rossoneri, giusto per non farsi mancare nulla.

 

Inter – Bari 2-3

Passa praticamente un anno da quella vittoria corsara del Bari a San Siro (e poco meno di sei mesi dall’altro successo tra le mura amiche) ed ecco che i galletti bissano la vittoria a Milano. E questa volta Masinga è, ancora di più, grande protagonista visto che infila per ben due volte Pagliuca. La stagione ’98-’99 non è certo una stagione da incorniciare per l’Inter mentre invece lo sarà per il Bari che si toglierà più di una soddisfazione quell’anno (con risultati mai conseguiti in tutta la sua storia, se si eccettua la prima annata targata Giampiero Ventura, pensa te!). Di quella squadra incredibile Masinga era la bocca di fuoco.

 

Vicenza – Bari 1-2

Chiudiamo questa carrellata con un altro gol proveniente dalla stagione ’97-’98 e più in particolare da quello che potrebbe essere considerato come “il derby” per eccellenza del calcio italiano anni Novanta. Vicenza – Bari è infatti a tutti gli effetti la partita tra due tra le formazioni più iconiche di quegli anni: e vedere il “Toro di Sora” Pasquale Luiso, vero e proprio uber-bomber di provincia che risponde all’acuto del centravanti sudafricano Masinga è poesia pura no?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >