Society
di Marco Beltramelli 10 Marzo 2021

Zlatan Ibrahimovic: l’unica vera rockstar del Festival

Nella settantunesima edizione del festival di Sanremo, che verrà ricordato per la storica vittoria delle chitarre elettriche nel contesto vuoto dell’Ariston, l’attaccante svedese è stata la stella più brillante.

La più grande attrazione della settantunesima edizione del Festival di Sanremo è stata un calciatore, in fondo non giriamoci attorno, è proprio il motivo per cui la RAI ha chiamato Zlatan Ibrahimovic. Ospite fisso, presentatore sicuramente più spigliato di Gabriel Garko, parafulmine e valletta – sostituendo in un sol colpo la schiera di “belle bellissime donne” con cui Amadeus si era circondato l’anno scorso ed evitandogli ogni possibile polemica – l’attaccante svedese è stato scelto per rianimare le ceneri di una rassegna gloriosa come il club cui appartiene, salvatore di un festival in crisi, privo d’idee e di pubblico nell’annus horribilis della musica mondiale.

Sia chiaro, non è la prima volta che uno sportivo appare a Sanremo, tantomeno un calciatore. Anche in questa edizione, hanno fatto capolino sul palco dell’Ariston Federica Pellegrini e Alberto Tomba, portabandiera delle prossime Olimpiadi invernali che si svolgeranno a Milano, due atleti che, al di là dei meriti sportivi, sono stati capaci di farsi conoscere come personaggi attraverso le loro apparizioni televisive, il gossip, e tutti quegli aspetti della vita che non riguardano direttamente la disciplina che praticano.

Messi non si è mai spostato dalla sua confort zone catalana, Ronaldo ha vinto ovunque, ma ogni squadra è sempre stata un mezzo per raggiungere obiettivi meramente personali. Zlatan Ibrahimovic, a 40 anni suonati, ha voluto dimostrare la propria grandezza firmando un contratto con il Milan, uno storico club che navigava in cattive acque (dove ogni attaccante aveva fallito dai tempi di Inzaghi) dimostrando che il suo impatto va ben oltre quello di ogni calciatore normale, va ben oltre l’attributo (comunque cospicuo) in termini realizzativi, ma risiede soprattutto in quello che è il primo vero talento del calciatore svedese: il suo incredibile carisma.

In quest’ottica, la presenza di Ibrahimovic a Sanremo non è sicuramente paragonabile a quella di un altro atleta professionista. E per quanto Totò Schillaci potesse motivare la sua partecipazione all’Isola dei Famosi come un tentativo di sfidare i propri limiti, le differenze sono ben evidenti. Ibrahimovic non aveva bisogno di prender parte a Sanremo, la sua partecipazione al Festival è paradossalmente più paragonabile all’incontro di boxe tra Mc Gregor e Mayweather: come il fighter irlandese, Zlatan voleva alimentare il suo ego cimentandosi in un ambito che non gli era consono, con tutti i rischi e le figure di merda che ne potevano conseguire.

In questa intervista di qualche anno fa, Willie Peyote, concorrente dell’edizione appena svolta, mi raccontava che avrebbe partecipato a Sanremo per gli stessi motivi. Non piegarsi alle logiche del nazional popolare ma piegarle a proprio favore è impresa ardua. Uscire puliti dal Festival è una prova d’inscalfibilità che vale tanto per Ibrahimovic quanto per gli artisti in gara. Zlatan è stato al gioco presentandosi con una musica gitana e cavalcando lo stereotipo dello zingaro, alimentando la gimmick del fenomeno ego riferito parlando in terza persona come Pasquale del Grande Fratello, recitando le scontate battute buoniste dello “swing sanremese”, cantando (si fa per dire) Io vagabondo con la stessa risata naturale che ha sempre assunto quando prendeva in giro i giornalisti che non sopportava.

Quando Ibrahimovic giocava ai Los Angeles Galaxy, ha ammesso di non subire le pressioni degli stadi americani perché era abituato allo scenario di San Siro, aggiungendo inoltre che lui era troppo grande per gli Stati Uniti, che “avrebbero fatto meglio a tornare al baseball”, una frecciatina con la quale preparava il suo grande ritorno in Europa. Ibrahimovic necessità di grandi pubblici per esaltarsi, per esprimersi al meglio, e ora che cercava una location adeguata per raccontarsi, il palco dell‘Ariston era l’unico si potesse paragonare alla Scala del calcio. Suscitando reazioni di amore e odio nei tifosi delle tre principali squadre italiane, Ibrahimovic è l’unico calciatore che poteva stimolare la curiosità di almeno due terzi della popolazione, l’unico tramite intra-generazionale (molto più degli artisti in gara) capace di catalizzare l’attenzione d’intere famiglie riunendole davanti ai televisori.

Ibrahimovic non è più solo un calciatore, è una rockstar (con tutto il rispetto per i Maneskin), e Sanremo non è altro che l’ennesima tappa per alimentare il suo culto. Ed è plausibile pensare non aspettasse altro che un’occasione per mostrarsi finalmente “diverso da loro”, con un’azione avventata, ma, sicuramente, non fuori di testa. Zlatan coglie la palla al balzo in un momento di lucida follia, come in una delle sue tante prodezze sul campo, arrivando all’Ariston a bordo del T-Max di uno sconosciuto, salendo sul palco in ritardo, presentato da Amadeus come Jean-Claude Van Damme in un delirio di pura onnipotenza. Un imprevisto che avrebbe potuto distruggere la scaletta della serata si trasforma nel capolavoro mediatico del festival, mettendo a tacere ogni discussione sull’abito di Annalisa, sull’inadeguatezza dei fonici, superando per distacco l’unica notizia che, sin a quel punto, aveva suscitato un certo clamore: l’inseguimento di tre volanti a Orietta Berti. La conferenza stampa che ne segue è la ciliegina sulla torta, il primo momento di festival in cui il calciatore, fuori dal copione, si comporta con naturalezza.

Ibra non ha mai vinto un pallone d’oro, non ha mai vinto la Champions, ma sembra aver avuto l’intelletto, il carisma e (udite udite) l’umiltà per capire che non sarà mai riconosciuto come il calciatore più forte del ventennio dominato da Messi e Ronaldo. Ed è sul piano umano che attua il suo riscatto, dimostrandosi più uomo, non semplicemente dal punto della virilità, ma nel senso più ampio di persona, dotata di un cuore, di un cervello e non solo di due piedi per calciare un pallone. Nell’identificazione con Dio, sicuramente ironica ma perfettamente riuscita, con cui si è creato un personaggio talmente credibile da non aver bisogno di riconoscimenti sportivi.

Ed ha vinto, anche stavolta, con un inaspettato gol da autore.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >