Society
di Marco Beltramelli 18 Giugno 2021

I 5 momenti più assurdi dell’Europeo

Euro 2020, che in realtà si gioca nel 2021, sino ad ora è stato contraddistinto da un sacco di episodi curiosi.

Certo, sarebbe stato molto più facile stilare una classifica delle maglie più iconiche, degli allenatori più eleganti, dei gol più spettacolari (avrebbe vinto Patrik Shick) così come delle migliori reti annullate (vedasi Mbappè contro la Germania), esaltare il gioco spumeggiante della nostra nazionale, insomma, selezionare le “cose” (nel senso più generale che questo termine può assumere) più belle dell’Europeo.

Del resto, questi Europei sono nati come una manifestazione sui generis. Per la prima volta nella sua storia, il torneo continentale si svolgerà in maniera itinerante e non con una nazione come base di riferimento, aggiungiamoci che questa edizione è già stata rimandata di un anno (pur giocandosi nel 2021 continua a chimarsi Euro 2020) e, per la prima volta dall’inizio della pandemia, il pubblico, pur in formato ridotto, è tornato a riempire gli impianti facendo sentire tutto il proprio calore. Le nazionali di solito estrapolano la parte più passionale di ogni tifoseria, dopo un periodo duro come il biennio passato, l’entusiasmo che sta coinvolgendo supporters, addetti ai lavori e calciatori sembra essere l’unica spiegazione plausibile ai tanti episodi sopra le righe che hanno segnato la competizione nella fase a gironi non ancora conclusa.

Gli Europei non sono solamente una manifestazione sportiva ma un vero e proprio momento simbolico, ed ecco perché, nel bene e nel male, abbiamo voluto evitare situazioni strettamente legate al campo di gioco per selezionare i 5 momenti più divertenti, particolari ed emblematici che hanno caratterizzato fino ad ora Euro 2021.

5- Cristiano Ronaldo fa crollare in borsa la Coca-Cola

Nella conferenza stampa prima della partita contro l’Ungheria (nella quale ha segnato due gol raggiungendo quota 11 reti in 5 edizioni diventando il miglior marcatore della storia dell’Europeo), l’asso portoghese ha spostato la bottiglia di Coca-cola, sponsor dell’evento, insinuando si dovesse bere solo acqua. Tutti conoscono la filosofia ultra-salutista di Ronaldo, eppure l’ammissione dell’attaccante lusitano è suonata quantomeno controversa (Ronaldo, ad esempio, ha prestato il proprio volto per le pubblicità di KFC). Ma non siamo qui per fare polemica bensì cronaca: il titolo in borsa della nota bevanda di Atlanta è crollato dell’1,6 %. Forse il numero 7 juventino non sarà più il calciatore più forte al mondo, ma ancora una volta si dimostra il più grande influencer mai esistito. Il giorno dopo Pogba lo imiterà nascondendo una bottiglia di birra per motivi religiosi (ai mussulmani non è consentito bere alcol), ma l’Heineken non ha subito nessuna conseguenza economica.

4- Le magnifiche telecronache della Rai

Su Instagram, Twitter e Facebook, nei gruppi di meme sportivi, davanti a una birra al bar. Subito dopo il modulo e i giocatori da schierare, il trend topic che ha seguito ogni partita della nazionale era (e continua ad essere) l’inadeguatezza manifesta delle telecronache Rai che, con molte più squadre e partite a disposizione, sta toccando apici di pura poesia. Bernardeschi descritto come Neymar, ruoli e team dei calciatori sbagliati, opinioni controverse del calibro di “la Germania avrebbe bisogno di un Belotti”, ma è con i nomi degli atleti che i telecronisti RAI raggiungono il proprio apice: da Mikel Oyarbal, calciatore spagnolo, pronunciato per tutta la partita “Azerbaijan” (sì, proprio come la nazione), a Hummels, roccioso difensore teutonico, diventato un senzatetto a seguito di un autogol contro la Francia. Siamo un popolo di allenatori, e anche di commentatori.

 

3- U2 vs Pinguini Tattici Nucleari

Ah, che bello, dopo le puntuali accuse di plagio che accompagnano ogni edizione di Sanremo, questa volta è una canzone di Sanremo a fungere da ispirazione per un altro brano, in particolare per Martinx Garrix autore dell’inno ufficiale degli Europei 2021 insieme a Bono e The Edge degli U2. Lo stacchetto, riproposto all’infinito, negli stadi, prima delle partite, nella pubblicità in televisione e nelle piazze con i maxischermi, non poteva passare inosservato, in particolare per i fan della formazione bergamasca che hanno fin da subito notato le palesi somiglianze tra il ritornello suonato di We are the People e il successo sanremese dei PTN, Ringo Starr. In un mondo di John e di Paul io sono Bono Vox.

2- L’attivista di Green Peace

Le grandi partite, ancora più dei grandi eventi internazionali, sono da sempre il campo d’azione preferito dagli attivisti che cercano di sfruttarne la visibilità mediatica. Per quanto d’accordo col messaggio di Green Peace (che ha preso le distanze dall’accaduto),non sempre il fine può giustificare i mezzi. Un fervente sostenitore dell’associazione ambientalista è planato sullo stadio di Monaco con un paracadute che riportava la scritta “Kick Out Oil” probabilmente indirizzata alla Volkswagen, ennesimo sponsor dell’europeo. L’attivista ha avuto la brillante idea di trasformarsi in un deltaplano umano indossando una specie di zaino a elica sulle spalle che (ovviamente) ha perso il controllo con il risultato di renderlo un eco-kamikaze che si è schiantato nei pressi della sala stampa e della panchina della Francia, ferendo due persone e costringendo l’allenatore dei Galletti a un’acrobatica schivata. Come affermerà lo stesso Deschamps nella conferenza post match, ora che abbiamo constato che non ci sono state conseguenze gravi “questo episodio verrà catalogato come mera letteratura”. Il bernoccolo sulla sua testa, però, era ben evidente.

1- I cori a Eriksen di Danimarca – Finlandia

I minuti che hanno seguito lo svenimento del trequartista danese sono stati tra i momenti più spaventosi dell’intera storia dello sport, le immagini oscurate dalle televisioni e dai compagni di squadra non hanno diminuito l’apprensione che stavano provando milioni di tifosi allo stadio e da casa. Il malessere di Eriksen è stato così inaspettato da shockare tutti, ma, a differenza che in molti altri casi, non si è trasformato in una tragedia, e speriamo possa servire da lezione in futuro per salvare tante altre vite. Il calcio, e più in generale lo sport, spesso è uno sfogo pacifico con cui le nazioni esprimono la propria rivalità verso i Paesi vicini, un campanilismo deleterio figlio di tradizioni secolari, rivalità storiche, distinzione politiche e religiose che si manifestano tra le tribune degli stadi come sul campo. Insomma, saremmo falsi ad ammettere che nel 2006 non abbiamo goduto doppiamente avendo battuto Germania e Francia. Quello tra Danimarca e Finlandia è uno dei più sentiti derby scandinavi, in un girone in cui, tra l’altro, entrambe le compagini giocavano ad armi pari per passare il girone. A partita sospesa, i tifosi di entrambe le nazioni non hanno abbandonato lo stadio ed hanno iniziato ad intonare insieme nome e cognome del fantasista danese, mettendo da parte ogni reticenza geografica o sportiva per regalarci, nella tragedia, quella che è sicuramente stata l’immagine più forte di tutta la competizione. Sarà anche, retorico ma quella di Christian è la vittoria più bella della storia degli Europei.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >