Society
di Simone Stefanini 12 Settembre 2017

Nella testa di chi spara agli uragani

Ci pensate che negli Stati Uniti la polizia ha dovuto dire ai propri cittadini che non si spara agli uragani?

Pronto per sparare all’uragano Irma boredpanda - Pronto per sparare all’uragano Irma

 

Dopo l’elezione di Trump a Presidente americano, quel Trump che faceva le comparsate negli incontri di wrestling, sui redneck pensavamo di aver capito tutto, ma quelli sono sempre pronti a stupirti con una nuova mossa che non ti aspetti, che sulle prime può sembrare priva di logica e raziocinio, ma ad un’attenta analisi, si rivela sempre peggio di così.

Pensate un po’ a quello che ha creato l’evento Facebook “Spariamo all’uragano Irma”,  al quale partecipano a vari livelli 80mila persone. Siamo del tutto sicuri si tratti di ironia, eppure lo sceriffo della contea di Pasco, in Florida, dove l’uragano Irma sta facendo un bel bordello, ha postato questa bella infografica sul suo Twitter, per informare i suoi cittadini che sparare agli uragani è male e che le pallottole potrebbero tornare pure indietro. OK.

 

Come tutte le goliardate nate per sdrammatizzare, qualcuno che ci crede davvero lo si trova sempre e allora sotto tale evento, tra i commenti dei troll, ci sono anche quelli che si sono barricati in casa, hanno sigillato le finestre e hanno atteso l’uragano armati fino ai denti. Che poi l’uragano dalle loro parti non sia arrivato davvero, la dice lunga sull’ironia del Creato.

 

 facebook

 

Immaginate però, come fanno i profiler che devono arrestare i serial killer, di entrare nella mente devastata di questa gente. Alla fine, la loro semplicità è talmente disarmante da essere il contrario dell’assurdità. Non vogliamo stranieri? Costruiamo un muro. Come sappiamo dalla storia recente, se poi i messicani riescono a uccidere un drago texano e lo fanno resuscitare, addio muro e benvenuta invasione.

 

 geekology

 

C’è una nuova minaccia alla mia porta? Qualcuno che vuole entrare nel mio giardino? Io gli sparo. Torna, no? Che sia un invasore saraceno, un latino a cavallo di un drago dagli occhi blu, Pennywise il clown ballerino o l’uragano Irma, che differenza vuoi che faccia? Se questa Irma è una persona ragionevole, dopo aver preso un bel po’ di pallottole, sai come se ne torna a casa sua?

Ora, la cosa difficile è convincere qualcuno che sparare a una nuvola non è del tutto sensato, ma con tutti i problemi che abbiamo in Italia, personalmente non me la sento. È in qualche modo consolatorio pensare che da qualche parte esistano individui più stupidi di noi.

 

 wide open spaces

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >