Society
di Simone Stefanini 23 Febbraio 2015

Abbiamo dato gli Oscar alle fiction italiane: non è proprio la stessa cosa

Il nostro sogno che diventa realtà: dare gli Oscar alle fiction italiane. Braccialetti Rossi, Don Matteo, l’Oriana… tutte qui.

Ieri sera, tutti imbambolati a guardare gli Oscar, che andavano per la prima volta in chiaro in TV. In molti, teneri, credevano che le premiazioni iniziassero alle 23 e hanno fatto nottata, impazziti, aspettando i vincitori. Ma a noi non interessa fare un recap della serata di gala, né parlare dei vestiti, dei discorsi toccanti, delle esibizioni musicali. A noi ci interessa l’ignoto, l’immaginazione, l’isola che non c’è.

Cosa accadrebbe se la notte degli Oscar premiasse le fiction italiane, famose per la loro bassa qualità  e per l’approssimazione in fase di fotografia, recitazione, sceneggiatura ed infine regia? Ci siamo divertiti ad immaginare chi avrebbe potuto vincere l’ambita statuetta.

Indiscutibilmente, questi sarebbero stati i premi:

 

Sei ragazzini  fanno amicizia nel reparto SFIGA dell’ospedale. Qualcuno è malatissimo, altri soffrono di roba tipo “amputazione di mani e piedi” oppure “calvizie”. Tra l’unica ragazza e un paio di loro ci scappano anche i limoni, mentre il ricciolino, nella serie è un fantasma. Poteva non vincere l’Oscar come miglior film?

braccialetti-rossi

 

Il supereroe cattolico, l’unico che riesce ad andare con una bicicletta di quelle da strada in salita sopra case, esondazioni, picchi montuosi, sull’acqua, all’interno degli incendi. Grazie al Signore. Terence Hill vince miglior attore protagonista perché altrimenti te lo ritrovi in casa:

don-matteo

 

Per dare un segnale forte di laicità, l’Academy premia l’interpretazione del travestito tossicodipendente interpretato da Elena Rofia Ricci in “Che Dio ci aiuti 3”:

elenasofiaricci

 

Di nuovo Terence Hill, l’italiano che non parla bene l’italiano, nel ruolo del killer cannibale di anoressiche in “Un passo dal cielo 3”:

hill

 

Dal discorso di premiazione di Meryl Streep: “Un’attrice non protagonista deve farsi notare soprattutto per la varietà delle espressioni facciali, come capita con la bravissima Giorgia Surina ne “Il commissario Nardone”:

surina

 

Una tipa in un bosco di notte. Oh, non ci crederete ma è un thriller-horror. Oscar, subito, dopo la prima puntata:

bosco

 

La sceneggiatura è l’ossatura del film. Nonostante sia finito ormai da 5 anni,”Capri, l’isola dell’amore” vince ogni anno lo stesso premio perché è imbattibile. “Capri, l’isola dell’amore”, non so se mi spiego. 

CAPRI   

 

Un Oscar meritato anche ai tecnici per gli effetti speciali di “Furore – il vento della speranza” per il lavoro svolto sul viso di Giuliana De Sio, che nel film interpreta una Visitors di ritorno da una seduta di psicoterapia:

giuliana-de-sio

 

Delusione per “L’Oriana” che si aggiudica una statuetta solo per l’immenso e affatto osceno lavoro di trucco e parrucco su di una fallacissima Vittoria Puccini:

oriana   

 

Uno dei premi più ambiti, il riconoscimento ad una carriera folgorante. Quest’anno se l’aggiudica Satomi per il suo contributo in stile “Whiplash” alla divulgazione della tastiera (strumento), surclassando di poco Sharon de “I Ragazzi della Terza C” e la Gegia per “Professione Vacanze”:

satomi

 

Il presidente onorario dell’Academy di quest’anno, David Lynch, ha voluto assegnare al cast di “Un posto al sole” il premio speciale a suo nome, per l’indefessa abnegazione con la quale, da 65 anni, gli attori continuano a svolgere lo stesso ruolo:

postoalsole

 

Il premio del pubblico “Dove l’ho già visto?” detto anche “Manca Pacciani poi li ha fatti tutti”, non poteva non andare a Beppe Fiorello per le sue interpretazioni della gente morta famosa italiana: 

beppefiorello 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >