Society
di Marcello Farno 29 Aprile 2016

Perché le persone intelligenti non sono poi così felici?

Soprattutto perché non è detto che prendano le decisioni migliori, anzi. Vediamo come mai

unhappiness-reality-check-ia0814-mi600-resize-600x338 Think Advisor

Di cosa abbiamo bisogno per essere felici? Uno dice l’amore, l’altro dice i soldi, qualcun altro la tranquillità. In realtà, stando a quello che ci insegnano libri e studi sull’argomento, una volta che abbiamo soddisfatto quelli che possiamo ritenere i nostri bisogni primari, per addormentarci ogni sera felici basta ritenersi appagati dall’attività in cui abbiamo impiegato la nostra giornata, avere coltivato delle relazioni sociali significative e sentirci liberi di prendere delle decisioni in maniera indipendente.

Sembra quindi che un maggior grado di istruzione, così come il raggiungimento di determinati traguardi professionali, contino tanto e non quanto nel momento in cui ci chiediamo se siamo soddisfatti o meno della nostra vita. O almeno questo è quello che Raj Raghunathan, professore di marketing presso l’Università del Texas, racconta nel suo ultimo libro, If You’re So Smart, Why Aren’t You Happy? (non ancora tradotto in Italia).

Quello che Raghunathan cerca di spiegare è che la correlazione tra career success e life success non esiste. Il paradosso si materializza nel momento in cui il professore si ritrova con i suoi ex colleghi di corso: quanto maggiori sono i loro successi in campo accademico e professionale, più essi si dimostrano persone infelici, distratte e tormentate dai problemi quotidiani.

C’è qualcosa che non quadra quindi: una spiccata intelligenza aiuta solitamente i processi decisionali, e di conseguenza le persone intelligenti dovrebbero con più facilità fare delle scelte di vita dalle quali trarre naturalmente vantaggio, ma Raghunathan dimostra che non è così.

Raj_Happy_01 Alcalde - Il professor Raj Raghunathan

Intervistato da The Atlantic, il professore spiega che quando vogliamo specializzarci in qualcosa, per ritenerci di conseguenza soddisfatti e felici, utilizziamo due tipi di approccio che stanno agli antipodi l’uno con l’altro. In un caso, per eccellere in qualcosa entriamo in competizione con gli altri, dando vita a quello che Raghunathan chiama “confronto sociale“. Il problema più rilevante in questo caso è che si tratta di qualcosa di difficile valutazione oggettiva. I parametri a cui facciamo ricorso (lo stipendio, il numero di riconoscimenti, una determinata posizione sociale che ci troviamo ad occupare) sono ambigui e soprattutto, dopo un tot di tempo, hanno bisogno di un improvement per essere ritenuti appaganti. “Non si tratta di fonti sostenibili di felicità“, sottolinea Raghunathan.

L’approccio che lui consiglia ci spinge invece a diventare consapevoli di quello che siamo veramente capaci e bravi a fare. Dobbiamo concentrarci verso quello in maniera istintiva, senza bisogno del confronto con altre persone. In questo modo le nostre probabilità di crescita e progresso personale diventano più alte, e con esse la nostra soglia di felicità. Fama, denaro e potere ci si presenteranno davanti come sottoprodotto del nostro lavoro, invece che come qualcosa da inseguire direttamente.

La visione del mondo e l’atteggiamento che abbiamo nei confronti della vita è fondamentale e viaggia tra due estremi” – ribadisce Raghunathan – “da una parte c’è l’idea che il mio successo può passare solo dal declino di un altro, ed è un’idea assolutamente sbagliata; e dall’altra c’è un’idea più generosa, che invece ci fa pensare che in questo mondo ognuno ha il suo spazio per crescere meglio“. Un atteggiamento che fa star meglio, no?

photo-1447706140685-aac3d804acf4 Wayne Dery

La ricetta per essere felici dunque è semplice: bisogna fare qualcosa che riteniamo significativo per la nostra vita. In questo possiamo prendere esempio dai bambini, come ci ricorda il professore: “I bambini non sono distratti da nessun parametro di valutazione e puntano direttamente alle cose che portano loro divertimento“.

In parole povere, questo si traduce nell’idea di non legare la nostra felicità al raggiungimento di determinati risultati. Se ci riflettiamo infatti i risultati di per sé non hanno necessariamente un effetto positivo o negativo sulla nostra felicità. Quello che conta è il nostro approccio nei confronti della vita. Un effetto placebo in pratica: se ci dimostriamo persone positive, saremo più pronti ad accogliere la felicità, se invece tendiamo a essere negativi, significa che stiamo sbagliando totalmente strada e faremmo bene, finché abbiamo tempo, a invertire il nostro senso di marcia.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >