Society
di Marcello Farno 29 Aprile 2016

Perché le persone intelligenti non sono poi così felici?

Soprattutto perché non è detto che prendano le decisioni migliori, anzi. Vediamo come mai

unhappiness-reality-check-ia0814-mi600-resize-600x338 Think Advisor

Di cosa abbiamo bisogno per essere felici? Uno dice l’amore, l’altro dice i soldi, qualcun altro la tranquillità. In realtà, stando a quello che ci insegnano libri e studi sull’argomento, una volta che abbiamo soddisfatto quelli che possiamo ritenere i nostri bisogni primari, per addormentarci ogni sera felici basta ritenersi appagati dall’attività in cui abbiamo impiegato la nostra giornata, avere coltivato delle relazioni sociali significative e sentirci liberi di prendere delle decisioni in maniera indipendente.

Sembra quindi che un maggior grado di istruzione, così come il raggiungimento di determinati traguardi professionali, contino tanto e non quanto nel momento in cui ci chiediamo se siamo soddisfatti o meno della nostra vita. O almeno questo è quello che Raj Raghunathan, professore di marketing presso l’Università del Texas, racconta nel suo ultimo libro, If You’re So Smart, Why Aren’t You Happy? (non ancora tradotto in Italia).

Quello che Raghunathan cerca di spiegare è che la correlazione tra career success e life success non esiste. Il paradosso si materializza nel momento in cui il professore si ritrova con i suoi ex colleghi di corso: quanto maggiori sono i loro successi in campo accademico e professionale, più essi si dimostrano persone infelici, distratte e tormentate dai problemi quotidiani.

C’è qualcosa che non quadra quindi: una spiccata intelligenza aiuta solitamente i processi decisionali, e di conseguenza le persone intelligenti dovrebbero con più facilità fare delle scelte di vita dalle quali trarre naturalmente vantaggio, ma Raghunathan dimostra che non è così.

Raj_Happy_01 Alcalde - Il professor Raj Raghunathan

Intervistato da The Atlantic, il professore spiega che quando vogliamo specializzarci in qualcosa, per ritenerci di conseguenza soddisfatti e felici, utilizziamo due tipi di approccio che stanno agli antipodi l’uno con l’altro. In un caso, per eccellere in qualcosa entriamo in competizione con gli altri, dando vita a quello che Raghunathan chiama “confronto sociale“. Il problema più rilevante in questo caso è che si tratta di qualcosa di difficile valutazione oggettiva. I parametri a cui facciamo ricorso (lo stipendio, il numero di riconoscimenti, una determinata posizione sociale che ci troviamo ad occupare) sono ambigui e soprattutto, dopo un tot di tempo, hanno bisogno di un improvement per essere ritenuti appaganti. “Non si tratta di fonti sostenibili di felicità“, sottolinea Raghunathan.

L’approccio che lui consiglia ci spinge invece a diventare consapevoli di quello che siamo veramente capaci e bravi a fare. Dobbiamo concentrarci verso quello in maniera istintiva, senza bisogno del confronto con altre persone. In questo modo le nostre probabilità di crescita e progresso personale diventano più alte, e con esse la nostra soglia di felicità. Fama, denaro e potere ci si presenteranno davanti come sottoprodotto del nostro lavoro, invece che come qualcosa da inseguire direttamente.

La visione del mondo e l’atteggiamento che abbiamo nei confronti della vita è fondamentale e viaggia tra due estremi” – ribadisce Raghunathan – “da una parte c’è l’idea che il mio successo può passare solo dal declino di un altro, ed è un’idea assolutamente sbagliata; e dall’altra c’è un’idea più generosa, che invece ci fa pensare che in questo mondo ognuno ha il suo spazio per crescere meglio“. Un atteggiamento che fa star meglio, no?

photo-1447706140685-aac3d804acf4 Wayne Dery

La ricetta per essere felici dunque è semplice: bisogna fare qualcosa che riteniamo significativo per la nostra vita. In questo possiamo prendere esempio dai bambini, come ci ricorda il professore: “I bambini non sono distratti da nessun parametro di valutazione e puntano direttamente alle cose che portano loro divertimento“.

In parole povere, questo si traduce nell’idea di non legare la nostra felicità al raggiungimento di determinati risultati. Se ci riflettiamo infatti i risultati di per sé non hanno necessariamente un effetto positivo o negativo sulla nostra felicità. Quello che conta è il nostro approccio nei confronti della vita. Un effetto placebo in pratica: se ci dimostriamo persone positive, saremo più pronti ad accogliere la felicità, se invece tendiamo a essere negativi, significa che stiamo sbagliando totalmente strada e faremmo bene, finché abbiamo tempo, a invertire il nostro senso di marcia.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >