Society
di Simone Stefanini 12 Dicembre 2018

Prima l’italiano. Salvini ha scritto “Xché questo non accada mai più” al memoriale dell’Olocausto a Gerusalemme

Si è mai visto un Ministro, nell’esercizio delle sue funzioni, scrivere “Xchè”?

Matteo Salvini è un politico, penso a questo punto lo sappiano anche i sassi. Non solo: è il capo politico del suo partito, la Lega. Non solo: è Ministro, di quelli che contano, cioè dell’Interno. In pratica, ogni affare italiano passa dalla sua scrivania, ma a ben vedere, sui social, nelle ospitate in tv e nelle interviste, spesso commenta anche gli affari esteri, il costume, la religione, la cucina e persino i gattini.

Di certo Matteo Salvini è divisivo. Da un lato a molti italiani piace per la sua schiettezza, per il suo essere persona comune che come loro usa i social anche per le cazzate e, ovviamente, per il suo programma politico di destra. Di contro, una buona fetta di italiani non lo ama per gli stessi, identici motivi riportati sopra. Molti si chiedono se abbia senso usare così tanto Twitter e Facebook per far sapere agli italiani i fatti propri, pure intimi e sentimentali. Le Forze dell’Ordine, ad esempio, si chiedono se abbia senso usarli per spoilerare azioni segrete che una volta fuori non son più segrete. Quasi tutto il mondo si chiede se esista un altro ministro di destra che pubblica gattini e pastasciutta poco appetitosa sul suo Facebook.

Come vedete, non ci addentriamo nelle decisioni politiche perché non è il nostro campo. La comunicazione, invece, inizia ad essere una cosa che ci riguarda da vicino e non sono pochi, tra ammiratori e detrattori, che riconoscono a Matteo Salvini di essere un eccellente comunicatore per il suo target. La cosa non ci sorprende, basta vedere il suo indice di gradimento, da nord a sud. Il suo popolo lo chiama Capitano e lui non si risparmia, tra un dj set a petto nudo e l’ennesima provocazione.

Il suo motto è Prima gli italiani e la sua politica non si discosta dal copy. Matteo Salvini è un sovranista, d’altro canto. Ama l’Italia come paese, le sue bellezze artistiche, culturali e geografiche, ama gli italiani come popolo, ama le industrie italiane (ce ne sono ancora?), ama la bandiera italiana, il crocefisso, il presepe, il militare, i grandi condottieri  etc. etc.

La domanda che ci poniamo non è politica, piuttosto grammaticale: Matteo Salvini, perché non ami anche la lingua italiana? È un bell’idioma, piace in tutto il mondo, ha mille sfaccettature e non è neanche facilissimo da padroneggiare, ma tu sei italiano, un italiano vero come direbbe Toto Cutugno, di quelli che si spezza ma non si piega. Tu, che non sei straniero, l’italiano lo sai. Dunque Matteo Salvini, che ami l’Italia unita più di ogni altra cosa: perché recarti in Israele e visitare il Memoriale dell’Olocausto, per scrivere questa dedica sul libro dei visitatori?

“Da papà, da uomo, solo dopo da ministro, il mio impegno, il mio cuore, la mia vita xché questo non accada mai più e xché i bimbi, tutti i bimbi, sorridano”

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >