Society
di Federica Calvo 7 Giugno 2018

La prima volta fa sempre male?

Il nostro sondaggione oggi tocca un argomento ritenuto spesso tabù: la prima volta che avete fatto sesso nella vostra vita. Dove, com’è stato e soprattutto: siete ancora in contatto con la persona con cui avete condiviso l’esperienza?

La vita funziona un po’ come la mappatura di una grande città, ci sono zone in cui non si può andare, dove la sosta è vietata, dove i passi carrabili fanno allontanare sgommando irritati gli automobilisti illusi di aver trovato parcheggio e poi c’è l’area C, inaccessibile. Le zone vietate corrispondono ad argomenti tabù e il tema “prima volta” è uno di questi: l’aerea C dei topics. Lo sappiamo tutti che prima o poi si passa da questa esperienza ed è difficile parlarne in pubblico, specie a persone come noi che di farci gli affari nostri non ci pensiamo minimamente.

Eccoci di nuovo: dopo il sondaggio sul nascondiglio di sigarette e altre cose proibite, abbiamo deciso di andare subito al dunque: com’è stata la vostra prima volta? Ha fatto bene, ha fatto male, è stato un trauma e soprattutto, siete sempre in contatto con la persona con cui avete condiviso l’esperienza? Nomi e luoghi sono tutti falsi perché vuoi non vuoi  più di metà degli intervistati continua a vergognarsi e allora abbiamo reso anonimi tutti per punizione.

 

 

Ilaria, 25 anni di Firenze
“Non credo nella possibilità di mantenere buoni rapporti con i propri ex, se non civili. Quando stavo con lui mi sono cresciute qualche corna sulla testa, ma detto questo, il posto dove si è consumato l’atto sacro era stupendo.”
Voto: 8, in spiaggia sotto le stelle ad agosto

 

Giuditta Lilly, 35 anni di Scandicci
“La mia prima volta è stata con un tipo che era un coglione. Madonna che coglione, era un figo fuori dal comune, il più bello della scuola, ma solo quello aveva.”
Voto: 6-, ricordi confusi

 

Piera, 40 di Domodossola
“La mia prima volta è stata con il ragazzo da cui sto ancora da quando avevo 16 anni, che bello.”
Voto: 7, casa del suo amico

 

Luca, 20 anni di Pavia
“Ci siamo mollati bene, meglio di quanto mi aspettassi comunque. È stata la mossa migliore della mia vita lasciarla, rapido e indolore, una liberazione, piangeva molto, per ogni cosa. Non ci vediamo più praticamente anche se non c’è un cattivo rapporto di fondo.”
Voto: 4, in un albergo a Venezia

 

 

Enrico, 27 anni di Imola
“Ci ignoriamo totalmente, anche perché è due anni che non la vedo. Penso di esser stato segnato da una maledizione di un mio amico che mi disse di non andare a Parigi altrimenti mi sarei lasciato sicuro come tutte le coppie. Gli risposi di stare polleggiato tanto stavo andando a un concerto con lei. Ci lasciammo dopo pochi mesi. Inoltre mi sento di dare un consiglio: mai mettersi con la stessa persona distanza di anni, potrà andrà solo peggio.”
Voto: 6 scarsino, a casa di lei

 

Federica, 20 anni di Pessano con Bornago
“Non ci parliamo più e non so che fine abbia fatto.”
Voto: 5, su un divano scomodissimo

 

Marco, 26 anni di Ceriano
“L’unico contatto che ho ancora con lei sono le sue risposte alle mie storie di Instagram, una volta dopo qualche anno si è anche presentata sotto casa mia portandomi una lettera che forse possiedo ancora. Mi ha anche scritto chiedendomi dell’erba. Comunque dopo la mia prima volta ero felice, credo.”
Voto: 7, a casa di lei

 

Elisa, 21 anni di Gorgonzola
“Lui era un mio amico del mare e dopo un po’ che abbiamo tirato avanti la cosa è successo che siamo finiti in un letto, nell’altra stanza c’erano la mia migliore amica con un ragazzo. Non mi ha fatto male e non ci parliamo più.”
Voto: 6/7, nella casa del mare

 

 

Edoardo, 21 anni di Genova
“La mia prima volta è durata tre minuti per colpa di sua mamma che ci scoprì subito. Non ho più contatti con lei in nessun modo. Io l’ho tradita tante volte e quando l’ha scoperto ha finto di essere incinta per cercare di tornare da me. Per un mese ho avuto la strizza.”
Voto: 2, in una casa in affitto

 

Adele, 23 anni di Siracusa
“La mia prima volta è stata con un finanziere e intanto io gli parlavo di un altro finanziere che era nella stanza accanto che poi è diventato il mio ragazzo. A distanza di un anno lui è andato dalla mia migliore amica per vendicarsi. Adesso mi ha bloccata su tutti i fronti.”
Voto: 7.5, in una casa dell’accademia di finanza per quattro “sotto ufficiali” con stanze da due

 

Simeone, 43 anni di Potenza (sessuale)
“Una tipa gelossissima che emetteva dei rumori mai sentiti prima, mi sono spaventato, poi sono sopraggiunti i miei genitori quindi salto alla bersagliera e trauma.”
Voto: 4 per la prestazione ma 5 alto per la perdita della verginità

 

Carola, 22 anni di Reggio Calabria
“Ricordo di esser stata molto agitata perchè non sapevo se dall’altra parte i miei sentimenti erano ricambiati e quindi ho avuto uno stato di ansia per tutta la durata del rapporto quindi non ho un bel ricordo. Mi sentivo inesperta e spaesata.”
Voto: 6, a casa di lui

 

 

Chiara, 23 anni di Roma
“All’inizio te la immagini come nei film e ti fai mille aspettative e invece non è così perché fa male e di romantico non c’è nulla.”
Voto: 6, ad una festa

 

Mirko, 18 anni di Milano
“L’atmosfera si è creata con la sbronza e la ragazza non la conoscevo bene, ero abbastanza confuso perché stavo provando tante emozioni ma soprattutto ero in ansia perché stavamo in spiaggia e c’era un sacco di gente che passava.”
Voto: 8, in spiaggia

 

Vlad, 25 da Budapest
“La prima volta è andata male male. Ero offuscato dell’alcool e avevo le chiappe piene di sabbia. La ragazza era dolce ma ora non la sento più.”
Voto: 3 e mezzo, in spiaggia

 

Palmira, 28 anni da Brindisi
“La prima volta fu così così, eravamo a casa di amici durante una festa e ci eravamo imbucati nella stanza della nonna. Non ci siamo lasciati male ma oggi gli unici contatti che abbiamo sono gli insulti via social perché è diventato fervente grillino.”
Voto: 6, nella stanza della nonna

 

Giacomo, 23 anni di Torino
“Meno male che la tipa era bella rodata perché i porno non insegnano nulla.”
Voto: 5, in camera

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >