Society
di Federica Calvo 7 Giugno 2018

La prima volta fa sempre male?

Il nostro sondaggione oggi tocca un argomento ritenuto spesso tabù: la prima volta che avete fatto sesso nella vostra vita. Dove, com’è stato e soprattutto: siete ancora in contatto con la persona con cui avete condiviso l’esperienza?

La vita funziona un po’ come la mappatura di una grande città, ci sono zone in cui non si può andare, dove la sosta è vietata, dove i passi carrabili fanno allontanare sgommando irritati gli automobilisti illusi di aver trovato parcheggio e poi c’è l’area C, inaccessibile. Le zone vietate corrispondono ad argomenti tabù e il tema “prima volta” è uno di questi: l’aerea C dei topics. Lo sappiamo tutti che prima o poi si passa da questa esperienza ed è difficile parlarne in pubblico, specie a persone come noi che di farci gli affari nostri non ci pensiamo minimamente.

Eccoci di nuovo: dopo il sondaggio sul nascondiglio di sigarette e altre cose proibite, abbiamo deciso di andare subito al dunque: com’è stata la vostra prima volta? Ha fatto bene, ha fatto male, è stato un trauma e soprattutto, siete sempre in contatto con la persona con cui avete condiviso l’esperienza? Nomi e luoghi sono tutti falsi perché vuoi non vuoi  più di metà degli intervistati continua a vergognarsi e allora abbiamo reso anonimi tutti per punizione.

 

 

Ilaria, 25 anni di Firenze
“Non credo nella possibilità di mantenere buoni rapporti con i propri ex, se non civili. Quando stavo con lui mi sono cresciute qualche corna sulla testa, ma detto questo, il posto dove si è consumato l’atto sacro era stupendo.”
Voto: 8, in spiaggia sotto le stelle ad agosto

 

Giuditta Lilly, 35 anni di Scandicci
“La mia prima volta è stata con un tipo che era un coglione. Madonna che coglione, era un figo fuori dal comune, il più bello della scuola, ma solo quello aveva.”
Voto: 6-, ricordi confusi

 

Piera, 40 di Domodossola
“La mia prima volta è stata con il ragazzo da cui sto ancora da quando avevo 16 anni, che bello.”
Voto: 7, casa del suo amico

 

Luca, 20 anni di Pavia
“Ci siamo mollati bene, meglio di quanto mi aspettassi comunque. È stata la mossa migliore della mia vita lasciarla, rapido e indolore, una liberazione, piangeva molto, per ogni cosa. Non ci vediamo più praticamente anche se non c’è un cattivo rapporto di fondo.”
Voto: 4, in un albergo a Venezia

 

 

Enrico, 27 anni di Imola
“Ci ignoriamo totalmente, anche perché è due anni che non la vedo. Penso di esser stato segnato da una maledizione di un mio amico che mi disse di non andare a Parigi altrimenti mi sarei lasciato sicuro come tutte le coppie. Gli risposi di stare polleggiato tanto stavo andando a un concerto con lei. Ci lasciammo dopo pochi mesi. Inoltre mi sento di dare un consiglio: mai mettersi con la stessa persona distanza di anni, potrà andrà solo peggio.”
Voto: 6 scarsino, a casa di lei

 

Federica, 20 anni di Pessano con Bornago
“Non ci parliamo più e non so che fine abbia fatto.”
Voto: 5, su un divano scomodissimo

 

Marco, 26 anni di Ceriano
“L’unico contatto che ho ancora con lei sono le sue risposte alle mie storie di Instagram, una volta dopo qualche anno si è anche presentata sotto casa mia portandomi una lettera che forse possiedo ancora. Mi ha anche scritto chiedendomi dell’erba. Comunque dopo la mia prima volta ero felice, credo.”
Voto: 7, a casa di lei

 

Elisa, 21 anni di Gorgonzola
“Lui era un mio amico del mare e dopo un po’ che abbiamo tirato avanti la cosa è successo che siamo finiti in un letto, nell’altra stanza c’erano la mia migliore amica con un ragazzo. Non mi ha fatto male e non ci parliamo più.”
Voto: 6/7, nella casa del mare

 

 

Edoardo, 21 anni di Genova
“La mia prima volta è durata tre minuti per colpa di sua mamma che ci scoprì subito. Non ho più contatti con lei in nessun modo. Io l’ho tradita tante volte e quando l’ha scoperto ha finto di essere incinta per cercare di tornare da me. Per un mese ho avuto la strizza.”
Voto: 2, in una casa in affitto

 

Adele, 23 anni di Siracusa
“La mia prima volta è stata con un finanziere e intanto io gli parlavo di un altro finanziere che era nella stanza accanto che poi è diventato il mio ragazzo. A distanza di un anno lui è andato dalla mia migliore amica per vendicarsi. Adesso mi ha bloccata su tutti i fronti.”
Voto: 7.5, in una casa dell’accademia di finanza per quattro “sotto ufficiali” con stanze da due

 

Simeone, 43 anni di Potenza (sessuale)
“Una tipa gelossissima che emetteva dei rumori mai sentiti prima, mi sono spaventato, poi sono sopraggiunti i miei genitori quindi salto alla bersagliera e trauma.”
Voto: 4 per la prestazione ma 5 alto per la perdita della verginità

 

Carola, 22 anni di Reggio Calabria
“Ricordo di esser stata molto agitata perchè non sapevo se dall’altra parte i miei sentimenti erano ricambiati e quindi ho avuto uno stato di ansia per tutta la durata del rapporto quindi non ho un bel ricordo. Mi sentivo inesperta e spaesata.”
Voto: 6, a casa di lui

 

 

Chiara, 23 anni di Roma
“All’inizio te la immagini come nei film e ti fai mille aspettative e invece non è così perché fa male e di romantico non c’è nulla.”
Voto: 6, ad una festa

 

Mirko, 18 anni di Milano
“L’atmosfera si è creata con la sbronza e la ragazza non la conoscevo bene, ero abbastanza confuso perché stavo provando tante emozioni ma soprattutto ero in ansia perché stavamo in spiaggia e c’era un sacco di gente che passava.”
Voto: 8, in spiaggia

 

Vlad, 25 da Budapest
“La prima volta è andata male male. Ero offuscato dell’alcool e avevo le chiappe piene di sabbia. La ragazza era dolce ma ora non la sento più.”
Voto: 3 e mezzo, in spiaggia

 

Palmira, 28 anni da Brindisi
“La prima volta fu così così, eravamo a casa di amici durante una festa e ci eravamo imbucati nella stanza della nonna. Non ci siamo lasciati male ma oggi gli unici contatti che abbiamo sono gli insulti via social perché è diventato fervente grillino.”
Voto: 6, nella stanza della nonna

 

Giacomo, 23 anni di Torino
“Meno male che la tipa era bella rodata perché i porno non insegnano nulla.”
Voto: 5, in camera

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >