scarpe brutte estate
Society
di Simone Stefanini 13 Giugno 2016

Le 5 calzature estive più orribili e nauseabonde che esistano

Se le conosci, le eviti, se le conosci, non ti uccidono

crocs-calcini jeracgallero - Mi sento male

 

È arrivata l’estate. Sapete cosa significa, vero? Bagni al mare, però siamo a lavoro quindi niente. Sudore, quello sì, anche col condizionatore, così poi ci buschiamo una bella polmonite ad agosto. Umidità ai livelli della giungla vietnamita e un botto di zanzare assassine.

Come se non bastasse, arrivano le calzature dell’orrore, quelle che di solito uno dovrebbe mettersi solo durante un decorso post operatorio oppure nell’intimità della propria abitazione e invece spuntano come funghi sotto i piedi nella piscina comunale.

Che fare? Innanzitutto riconoscerle, per evitarle e non calzarle mai. Perché vi squalificano agli occhi dei vostri colleghi e del consesso civile, e vi rendono una sorta di elephant man eunuco agli occhi delle ragazze. Prendete nota, ché l’estate è buia e piena di terrori.

 

1) Le Crocs, perché sono le Crocs

Mmmhhh… quando sono vecchie, poi angiennering - Mmmhhh… quando sono vecchie, poi

Cosa c’è di più bello che svegliarsi la mattina, quando il sole è sempre sopportabile e vedere in giro file di persone col pantalone corto che indossano un bel paio di Crocs marce? Ah, gli zoccoli in gomma, come non amarli, specialmente quando le unghie mal tagliate sfondano la parte davanti, facendole diventare i calzari di Fred Flintstone, ma più brutti. Facendola breve: NO. Che io ricordi, non ho mai visto una coppia felice in cui uno dei due reca tali brutture.

 

2) Le infradito, perché dopo aver percorso 50 metri hai i piedi delle Tartarughe Ninja

Un’autentica tortura diregiovani.it - Un’autentica tortura

I sandali infradito possono essere anche belli o trendy, ma non esiste che siano comodi. Non puoi correrci, quindi se qualcuno ti segue con intenzioni losche, sei potenzialmente fottuto. Devi stare mooolto attento ai ricordini lasciati dai cani, perché se ne pesti uno con questi sandalini è tutto tuo. Ma la cosa più schifosa è che, essendo bassi e scomodi, dopo una mezz’ora che sei uscito hai già i piedi neri e gonfi, molto simili a quelli delle Tartarughe Ninja che però, non esistono nel mondo reale: i tuoi piedi invece sì.

 

3) Il sandalo Dr. Scholl’s, perché non sei un chirurgo in pensione

“Allora dottore, chi e che operiamo oggi?” tinypic.it - “Allora dottore, chi e che operiamo oggi?”

Ah che bello essere scambiato per dottore anche quando si ha appena la terza media. Tutto merito dei begli zoccoloni in legno del Dr. Scholl’s, uno che di calzature e di horror se ne intende. In effetti, niente da dire quando vengono calzati all’interno dei vari reparti di medicina o chirurgia, sono comodi e molto professionali. Una volta portati via dal loro habitat naturale e ricondotti nella cattività urbana, invece, possono provocare cecità selettiva che indurrà i vostri contatti a chiedervi perché girate a piedi nudi, pur di non vederli.

 

4) Il sandalo da tedescone, modello Giuda Iscariota, col calzino

Ed è subito Seminario crisalidepress.it - Ed è subito Seminario

Amici, vi risulta per caso che tra le leggende estive del tipo chi ha limonato più tedesche al mare, si sia mai insinuata quella in cui l’esemplare di tedesco maschio viene a fare il figo con le nostre donne? No vero? Questo dipende dal difetto congenito sintetizzato in questa foto: il sandalo in stile Nazareth con il bel calzino bianco a fare da contrasto. Un’immagine che spesso gli psicologi mostrano alle loro pazienti ninfomani per far passare ogni voglia. Mai, non ci avranno mai. Meglio non uscire affatto.

 

5) Una qualunque sneaker, perché quando te la togli, è subito Fukushima 

Vi sembra abbia la faccia di chi odora profumo? lovelace - Vi sembra abbia la faccia di chi odora profumo?

Maronn. Cioè, finché fate i dinamici e moderni tutto a posto, ma quando vi fermate a casa, vi mettete sul divano e vi togliete le scarpe, in cinque minuti la stanza si riempie di quell’olezzo tipico del disastro nucleare. Non c’è soletta profumata che tenga. Quando arriva il momento di togliersele, i vostri piedi profumano di medioevo e a volte,m tanto è aggressivo l’odore, fuoriesce anche dalle calzature mentre le indossate. Di solito, dopo una stagione vissuta pericolosamente, devono venire bruciate in un luogo sacro per farne sparire l’odore.

 

BONUS: Il sandalo in gomma stile asilo, che dopo un quarto d’ora fa il fango tra le dita dei piedi

Vintage, dagli anni 80 con orrore  Vintage, dagli anni 80 con orrore

Il must di ogni ragazzino degli anni 80 a scuola elementare. Li indossavi e non erano nemmeno comodi, con la fibbietta che ti faceva male alla caviglia. Dopo qualche minuto però capivi davvero la problematica di tale scelta: il piede, a contatto con la plastica, iniziava a sudare copiosamente, formando fanghi d’alga tra le dita e facendo ribrezzo a tutte le persone in un arco di 10-20 km. Fortunatamente oggi sono tornati di moda nella loro variante fashion, addirittura col tacco. Nessuna paura, il fango è sempre lì ad attenderti, quando meno te lo aspetti.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >