Society
di Camilla Campart 11 Ottobre 2018

Stanze Sospese: design sostenibile per il ridisegno degli arredi delle celle

Un team di architetti e designer ha sviluppato un piano di riprogettazione degli arredi delle celle del carcere di San Vittore e di quello di Opera chiamato Stanze Sospese.

Stanze Sospese è un progetto realizzato da un team composto da architetti e designer a cui è stato commissionato dai direttori del Carcere di Opera e del Carcere di San Vittore il ridisegno degli arredi delle celle.

Una cella, due persone, 9 mq in totale di cui 6, secondo quanto sancisce la legge europea, dovrebbero rimanere liberi, cosa che in realtà non sussiste.

La mancanza di spazi costringe i detenuti a trascorrere la maggior parte del loro tempo sdraiati, a non avere modo di sistemare i propri oggetti personali, a studiare seduti sul water mentre si cucina, a spezzare manici di scopa che, legati con pacchetti di sigarette, scotch e carta d’alluminio, vadano a creare delle mensole. Ed è proprio a partire dalla modalità con cui i carcerati si ingegnano al fine di creare mensole che nasce l’idea del progetto Stanze Sospese, sostenuto da Fondazione Allianz UMANA MENTE e portato avanti da un paio d’anni da un team composto da architetti e designer a cui il carcere di Opera ha affidato il ridisegno degli arredi delle celle.

Per arginare il problema degli spazi solitamente si valuta la possibilità di montare un letto sopra l’altro, ma in tal caso la distanza sarebbe di soli 30 cm. Il carcere di Opera ha chiesto al team di ridisegnare gli arredi delle celle in maniera tale da coprire i 6 mq che per legge dovrebbero rimanere liberi e di spingere le persone ad uscire dalla stanza per incentivare la socialità.

Il team ha valutato la realizzazione di una sedia in legno riciclato e revet, anche se l’idea sarebbe quella di utilizzare solo il secondo, ispirandosi alle modalità di gioco degli anziani al bar che, per aver più foga, ruotano la sedia al contrario. Si tratta di una sedia con tavolino integrato, con dama e scacchi scavati dentro, adibita allo studio individuale, al gioco collettivo e al consumo di pasti.

Il fulcro del progetto è una barra, su cui è possibile appoggiare e appendere indumenti, che vada a sostituire le mensole create a partire da manici di scopa. Non a caso la bucatura data è la dimensione standard della scopa di legno. Tutti gli arredi funzionano grazie alla barra: il tavolo da pranzo, sempre in legno riciclato, è scomponibile a seconda delle esigenze.

View this post on Instagram

Placing | Riporre #stanzesospese

A post shared by stanze sospese (@stanzesospese) on

Il mobile posto in verticale presenta delle fresature in modo tale da avere dei ganci su cui appendere i vestiti; appeso invece in orizzontale si trasforma in un piano cucina e le frese diventano spazio apposito per mestoli e piatti. La stessa barra si ritrova anche sul letto, la cui altezza aumentata di 10 cm per ottenerne 40, permette a tutti di avere i propri spazi e ottenere un’ulteriore armadiatura.

View this post on Instagram

Cooking | cucinare #stanzesospese

A post shared by stanze sospese (@stanzesospese) on

Per la prima volta nella storia del design e dell’architettura d’interni viene utilizzato un nuovo materiale ed è anche grazie a questo che sono stati raccolti i finanziamenti necessari per la realizzazione del progetto stesso. Il revet, prodotto in Toscana, è un tipo di plastica completamente riciclata, diversa però dalle altre. Solitamente per plastica riciclata si intende il residuo della lavorazione di altre plastiche, ma in questo caso si tratta di tappi riciclati e spazzatura da cui viene ricavato un materiale totalmente igienico, pulito, che non subisce deformazioni per il calore ed è stabile strutturalmente.

Il team è stato contattato anche dal carcere di detenzione femminile (Icam), istituto in cui al momento risiedono 15 detenute giovani che hanno bambini al di sotto dell’anno d’età. I bambini nascono e crescono fino ai sei anni in carcere con la mamma e vanno in casa famiglia o vengono adottati, ma non possono più rimanere nella struttura.

Al team, viste le previsioni di crescita da 0 a 6 anni, è stato chiesto di progettare un seggiolino che si adatti a tutte le età. E’ stata dunque rielaborata la sedia stokke ed è nata quella chiamata “cresci con me” sempre in materiale revet. Il seggiolone, spostando la base a seconda dell’altezza del bambino, va bene per tutte le età, e, spostando i due ripiani, si trasforma in una seduta più larga dove poter appoggiare i piedi.

Le donne stesse non hanno idea di cosa voglia dire essere bambini: l’obiettivo è quello di far prima conoscere alle mamme il significato per poi far sì che si lancino nel gioco assieme ai loro figli. E’ stato progettato dal team uno sgabellino sempre in revet; sollevando la seduta vi sono le lettere per imparare a leggere e scrivere, e disegni in modo che si riesca a ristimolare la fantasia di entrambi.

Durante la Milano Design Week del 2018 il team ha riproposto fedelmente la disposizione di una cella di Opera manifestando le proposte di un design sospeso a disposizione di chi ne necessita. Il 12 ottobre verrà presentata a San Vittore una cella del tutto riprogettata con gli arredi stabiliti.

Per avere altre rivelazioni seguite il progetto Stanze Sospese sul Sito Ufficiale e su Instagram.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >