Society
di Simone Stefanini 24 Settembre 2019

Uno svizzero fatto di LSD è sparito nel lago di Disneyland e poi riapparso nudo a km di distanza, senza ricordare niente

Se visitate Disneyland, non prendete LSD. Fidatevi.

Questa è una di quelle notizie che ti scoppiano dentro come una bomba in testa: Le Parisien riporta l’avventura allucinante e allucinata di un 32enne svizzero che, con la sua compagna, ha avuto la brillante idea di visitare Disneyland strafatto di LSD. Per chi fosse poco pratico di droghe, l’LSD è un acido che fa fare dei trip belli pesanti, che possono essere di due tipi: quello normale, in cui le percezioni si distorcono e il mondo sembra un luogo fatato, oppure il bad trip in cui si vedono mostri, ragnatele, cose paurose e sembra non passi più. L’LSD è molto pericoloso proprio per il suo potenziale lisergico e per il fatto che finché non svanisce l’effetto, non c’è antidoto che tenga.

Torniamo al nostro eroe: dopo aver preso l’acido è caduto nel lago di Adventureland, una delle attrazioni del parco Disney, e non è più riemerso. La sua ragazza, anch’essa sotto allucinogeni, ha chiamato i soccorsi e sono iniziate le ricerche, così come il bad trip dei due ragazzi. 10 sommozzatori, 80 impiegati del parco, 12 poliziotti, cani e un elicottero dotato di telecamera termica, tutto per cercare il ragazzo caduto in acqua in trip, di notte. Un’esperienza che non auguriamo neanche al nostro peggior nemico.

Verso mezzanotte e mezzo, il geniale visitatore è stato ritrovato nudo, sano e salvo. La sua memoria è andata in tilt e non ricordava niente dell’accaduto, né il trip, né la caduta in acqua. Non è stato neanche portato all’ospedale, solo alla centrale di polizia di Chessy, dove è stato fermato per uso di droga. Questo il resoconto dei soccorritori: “Stava camminando nel mezzo della strada, non indossava neanche un indumento e aveva i piedi nudi. Percorreva una strada a pochi km dal parco.” Il ragazzo è stato vestito e ricondotto a Disneyland, dove tutti pensavano fosse annegato nel lago di Peter Pan e Capitan Uncino. Lui si è stirato braccia e gambe e ha ammesso candidamente di non ricordare alcunché.

Ora lo sapete: se volete visitare Disneyland, non prendete acidi, potrebbe essere pericoloso.

 

© Disney

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >