Society
di Simone Stefanini 14 Settembre 2016

Il suicidio di Tiziana Cantone rivela l’anima profondamente maschilista della società italiana

Una tragedia in cui la mentalità bigotta e retrograda degli italiani si mostra per quello che è

cantone albarsport - Tiziana Cantone

 

Prima i fatti: Tiziana Cantone si è suicidata ieri, impiccandosi con un foulard nella casa in cui viveva con la madre, a Casalnuovo di Napoli. La sua vita era diventata un inferno dopo la pubblicazione di una serie di video in cui la ragazza faceva sesso col suo amante, tutto con nome e cognome in bella evidenza. Uno dei video è circolato su ogni tipo di piattaforma, partendo da WhatsApp per approdare ai siti porno e una delle frasi che Tiziana dice “Stai facendo un video? Bravoh!” è diventata il vero tormentone dell’estate 2015.

Sono stati aperti gruppi Facebook solo per parodiarla o insultarla, sono state fatte magliette da vendere su Ebay, sono stati condivisi mash up con Gomorra ed è stata pure oggetto di battute tra calciatori, finite su YouTube. Alcuni quotidiani ne hanno parlato come dell’ultima stella del web e hanno ipotizzato una sua ascesa nel mondo dei film per adulti.

 

tiziana-cantone5 trs98

 

La verità è un’altra. Tiziana è finita in depressione, ha sviluppato gravi problemi emotivi dopo l’accaduto e ha iniziato l’iter per cambiare identità. Ha anche citato in giudizio Facebook Ireland, Yahoo Italia, Google, Youtube e tutte le persone coinvolte, ma non è servito a niente. La vergogna è stata un fardello troppo peso da portarsi dietro e ieri ha deciso di togliersi la vita.

Una vicenda davvero meschina e triste che ha lo stesso retrogusto amaro di altri terribili fatti di cronaca accaduti nei giorni scorsi: la 16enne violentata dal branco a Melito di Porto Salvo, col paese che le volta le spalle, dicendo a chiare lettere che se l’è andata a cercare, o il nuovo caso della ragazza 17enne filmata dalle amiche mentre viene stuprata in bagno a Rimini mentre era ubriaca.

Il fil rouge che accomuna queste vicende è l’enorme problema che ha la società italiana col sesso, che inizia da quando la chiesa cattolica ha posto la prima pietra sul nostro suolo. La mancanza di educazione sessuale nelle scuole, la vergogna quando ci si appresta a comprare i preservativi in un supermercato, l’assurda convinzione, radicata nell’anima nera degli italiani, che l’uomo possa godere mentre la donna no. Partendo da questo presupposto maschilista, viene fuori la dominazione, la sottomissione. Nasce il dileggio, l’offesa.

 

tiziana-cantone-1 controcopertina

 

Una donna attiva sessualmente diventa una troia, un uomo attivo sessualmente un figo. Il sesso viene vissuto come merce di scambio o di ricatto, sempre più spesso ripreso o fotografato dagli smartphone e in un click mandato a fare il giro del mondo. Sarebbe semplice incolpare internet per una vicenda come quella, tragica, di Tiziana Cantone, ma dietro i siti, i link, gli account ci sono le persone, e se internet non esistesse, la brutalità sarebbe comunque la stessa, su minore scala. Ricordo perfettamente quando nel paese di provincia da cui provengo si sparse la voce che una concittadina avesse girato un film porno. Era l’epoca pre internet, pre “Forza Chiara” (il primo video amatoriale virale di una ragazza mentre faceva sesso col suo partner), ma la violenza delle parole era la medesima.

Una persona come Tiziana non provoca empatia nell’opinione pubblica, basta leggere i commenti alla tragedia. Di nuovo battute, di nuovo se l’è andata a cercare. Tutto perché ha fatto sesso, e immagino sul telefono di ognuno di voi ci sia passato anche solo per un momento un video a luci rosse, una foto spinta, magari scattata al o dal vostro partner. Ecco il dramma nel dramma, lo schifo nello schifo: nella società radicalmente maschilista, bigotta, moralista e retrograda in cui viviamo, l’importante non è cosa fai, ma se ti sei fatto beccare. Da quel punto in poi, te lo meriti.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >