Society
di Simone Stefanini 14 Settembre 2016

Il suicidio di Tiziana Cantone rivela l’anima profondamente maschilista della società italiana

Una tragedia in cui la mentalità bigotta e retrograda degli italiani si mostra per quello che è

cantone albarsport - Tiziana Cantone

 

Prima i fatti: Tiziana Cantone si è suicidata ieri, impiccandosi con un foulard nella casa in cui viveva con la madre, a Casalnuovo di Napoli. La sua vita era diventata un inferno dopo la pubblicazione di una serie di video in cui la ragazza faceva sesso col suo amante, tutto con nome e cognome in bella evidenza. Uno dei video è circolato su ogni tipo di piattaforma, partendo da WhatsApp per approdare ai siti porno e una delle frasi che Tiziana dice “Stai facendo un video? Bravoh!” è diventata il vero tormentone dell’estate 2015.

Sono stati aperti gruppi Facebook solo per parodiarla o insultarla, sono state fatte magliette da vendere su Ebay, sono stati condivisi mash up con Gomorra ed è stata pure oggetto di battute tra calciatori, finite su YouTube. Alcuni quotidiani ne hanno parlato come dell’ultima stella del web e hanno ipotizzato una sua ascesa nel mondo dei film per adulti.

 

tiziana-cantone5 trs98

 

La verità è un’altra. Tiziana è finita in depressione, ha sviluppato gravi problemi emotivi dopo l’accaduto e ha iniziato l’iter per cambiare identità. Ha anche citato in giudizio Facebook Ireland, Yahoo Italia, Google, Youtube e tutte le persone coinvolte, ma non è servito a niente. La vergogna è stata un fardello troppo peso da portarsi dietro e ieri ha deciso di togliersi la vita.

Una vicenda davvero meschina e triste che ha lo stesso retrogusto amaro di altri terribili fatti di cronaca accaduti nei giorni scorsi: la 16enne violentata dal branco a Melito di Porto Salvo, col paese che le volta le spalle, dicendo a chiare lettere che se l’è andata a cercare, o il nuovo caso della ragazza 17enne filmata dalle amiche mentre viene stuprata in bagno a Rimini mentre era ubriaca.

Il fil rouge che accomuna queste vicende è l’enorme problema che ha la società italiana col sesso, che inizia da quando la chiesa cattolica ha posto la prima pietra sul nostro suolo. La mancanza di educazione sessuale nelle scuole, la vergogna quando ci si appresta a comprare i preservativi in un supermercato, l’assurda convinzione, radicata nell’anima nera degli italiani, che l’uomo possa godere mentre la donna no. Partendo da questo presupposto maschilista, viene fuori la dominazione, la sottomissione. Nasce il dileggio, l’offesa.

 

tiziana-cantone-1 controcopertina

 

Una donna attiva sessualmente diventa una troia, un uomo attivo sessualmente un figo. Il sesso viene vissuto come merce di scambio o di ricatto, sempre più spesso ripreso o fotografato dagli smartphone e in un click mandato a fare il giro del mondo. Sarebbe semplice incolpare internet per una vicenda come quella, tragica, di Tiziana Cantone, ma dietro i siti, i link, gli account ci sono le persone, e se internet non esistesse, la brutalità sarebbe comunque la stessa, su minore scala. Ricordo perfettamente quando nel paese di provincia da cui provengo si sparse la voce che una concittadina avesse girato un film porno. Era l’epoca pre internet, pre “Forza Chiara” (il primo video amatoriale virale di una ragazza mentre faceva sesso col suo partner), ma la violenza delle parole era la medesima.

Una persona come Tiziana non provoca empatia nell’opinione pubblica, basta leggere i commenti alla tragedia. Di nuovo battute, di nuovo se l’è andata a cercare. Tutto perché ha fatto sesso, e immagino sul telefono di ognuno di voi ci sia passato anche solo per un momento un video a luci rosse, una foto spinta, magari scattata al o dal vostro partner. Ecco il dramma nel dramma, lo schifo nello schifo: nella società radicalmente maschilista, bigotta, moralista e retrograda in cui viviamo, l’importante non è cosa fai, ma se ti sei fatto beccare. Da quel punto in poi, te lo meriti.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >