Society
di Marco Villa 22 Giugno 2015

La brutta storia della pagina Facebook Informare Per Resistere

All’inizio era una pagina di sinistra, poi è diventata complottista e infine omofoba, portando con sé quasi 800mila fan

10612927_10153181384298912_9101937463706518954_n

Si chiama Informare Per Resistere ed è una pagina Facebook che ha come sottotitolo: “Lettere dalla Resistenza” ed è raro trovare così tante cazzate in così poche parole. Sì, perché di informazione non c’è traccia e tantomeno di resistenza.

Informare Per Resistere è una di quelle pagine che mette in fila ogni giorno decine di condivisioni di articoli che promettono di svelare le trame segrete che governano il mondo. Tutte quelle cose che rientrano nel novero delle “cose che loro non vogliono assolutamente che tu sappia”. Complotti e organizzazioni segrete che governano il mondo e fanno tutto e il contrario di tutto, ma che si fanno scoprire dai primi cretini che passano. Un grande classico, che non si limita certo a Informare Per Resistere, una pagina a cui va però dato atto di aver trovato un nome in grado di far scattare collegamenti inconsci con cose d’altri tempi come Indymedia.

informare1

Tutti i dubbi che si potevano avere su Informare Per Resistere, comunque, sono scomparsi questo weekend, quando la pagina è diventata una sorta di megafono per la manifestazione omofoba chiamata Family Day.

11535705_10153890424533912_6226222105902845835_n

Una lunga sequela di post con hashtag #difendiamoinostrifigli, con la ciliegina di una foto dedicata al premier ungherese Victor Orban (quello del muro anti-migranti e altre fascistate simili), tutte diffuse ai quasi 800mila fan. Fan che magari si erano avvicinati alla pagina anni fa, agli albori, quando i contenuti erano caratterizzati da immagini, vignette e informazioni che seguivano una linea politica di sinistra. Ovvero quando la parola “resistere” non era buttata lì in un mare di cazzate.

La sensazione, insomma, è che Informare Per Resistere abbia cambiato contenuti e posizione nel corso degli anni in modo graduale, per evitare fughe di massa da parte dei propri fan, fino alla svolta decisa di questo weekend, che evidentemente coincide con qualche interesse (ideologico o di altro tipo) degli amministratori della pagina.

Schermata 2015-06-22 alle 11.38.51

Un po’ lo stesso discorso del famoso principio della rana bollita, metafora di livello imbarazzante che fa sempre strage di like e condivisioni su pagine tipo Informare Per Resistere: se butti una rana in una pentola piena di acqua bollente, salterà fuori. Se invece la metti in acqua tiepida e piano piano aumenti la temperatura, non si lamenterà, né proverà a fuggire, ma finirà bollita. Ironico.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >