Society
di Raffaele Portofino 20 Settembre 2018

Veneto e bestemmie: un Comune in provincia di Treviso lancia una campagna per smettere

I ragazzi di un Comune in provincia di Treviso hanno creato dei poster per far smettere di bestemmiare gli adulti

Le tre regioni italiane con la bestemmia facile sono la Toscana, il Friuli e il Veneto. Da queste parti, gli abitanti usano il porco questo e quest’altro come intercalare, neanche ci fanno più caso. Sono cose ataviche, imparate dai genitori e dai nonni, che a loro volta le hanno imparate dai loro parenti e così via fino ad arrivare al tempo di Cristo, e non è detto che tra i soldati romani che lo torturarono, non ci fossero proprio un veneto, un friulano e un toscano. Si scherza.

Parliamo del Veneto: la bestemmia in questa regione è così radicata che ne parla addirittura Wikipedia: “Nella forma dialettale can è il tipico intercalare veneto. Sempre in Veneto sono molto usati “mas-ciò”, “lazaròn” e “luamàro” (rispettivamente maiale, lazzarone e letamaio).” 

Nel giugno di quest’anno, alcuni dipendenti di un’azienda di Conegliano sono andati al sindacato per far smettere di bestemmiare il titolare, che lo faceva da mattina a sera, 8 ore al giorno, tutti i giorni. È andata a finire che non esiste una giurisprudenza che disciplini la bestemmia sul luogo di lavoro, in più, nel caso le offese fossero rivolte alla Madonna, non sono sanzionabili.

A questo proposito, il comune di Casale sul Sile ha lanciato una campagna per smettere di bestemmiare, vista la frequenza con cui i suoi cittadini lo fanno. Un poster con una scritta: “Per dialogare non serve bestemmiare” e un sottotesto: “Questo paese è anche tuo. Vivilo, rispettalo.”

Come spiega il sindaco di Casale sul Sile a Treviso Today, “I ragazzi hanno capito che spesso nel territorio esageriamo nelle nostre interlocuzioni, quindi hanno voluto manifestare a noi adulti che spesso non rispettiamo il codice di senso civico. La bestemmia è un messaggio che noi non vogliamo”.

In questo caso i ragazzi hanno preso in contropiede gli adulti e si sono dimostrati più responsabili. Basterà questo per far smettere di bestemmiare i veneti?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >