vestiti sacchi farina
Society
di Ornella Cigno 18 Aprile 2016

I vestiti di questa foto sono stati realizzati riciclando dei coloratissimi sacchi di farina

Negli anni della Grande Depressione, le donne usavano il tessuto dei sacchi per cucire gli abiti dei loro bambini

Famiglia-vestiti-sacchi-farina  Questa famiglia americana indossa abiti fatti con i tessuti dei sacchi di farina

 

L’arte del riciclo sta diventando sempre più popolare, spesso ci troviamo in casa oggetti che a prima vista non sembrano più avere una funzione, ma che con un po’ di creatività possono rinascere e tornare utili. Se oggi si tende a riciclare non tanto per esigenze economiche, ma per stimolare la fantasia, in passato non è stato così e questa storia lo dimostra.

 

 

Negli anni della Grande Depressione, successivi alla crisi del ’29, le donne americane hanno realizzato cose meravigliose partendo da un prodotto molto banale e comune: la stoffa dei sacchi di farina.

Inizialmente i prodotti agricoli e alimentari venivano trasportati in barili, poi con l’invenzione della macchina da cucire nel 1846 vennero trasferiti in sacchi di canvas pesante. Il tessuto dei sacchi era completamente bianco, fatta eccezione per il logo del marchio produttore stampato sopra. Tra il 1914 e il 1929 il prezzo del cotone crolla drasticamente e la maggior parte delle industrie comincia a usarlo per produrre i sacchi per alimenti.

 

Sacchi farina kindnessblog

 

Nel giro di pochissimo le aziende si accorgono che il tessuto dei sacchi di cotone viene usato dalle donne pre realizzare abiti, grembiuli, camicie e vestiti per bambini. Attorno al 1925 la aziende decidono di agevolare questo utilizzo alternativo dei sacchi e iniziano a stamparli a coloricon il logo del marchio facilmente rimovibili.

 

Istruzioni stoffa kindnessblog

 

Verso la fine degli anni ’30 si crea una sorta di competizione per produrre le stampe più attraenti e desiderabili. Vengono addirittura chiamati degli artisti a progettare i bellissimi tessuti e le donne iniziano ad acquistare i prodotti in base al gradimento del packaging: una manovra di marketing davvero geniale.

Con gli anni ’40 la ripresa economica inizia a vedersi e il potere d’acquisto aumenta, ma l’abitudine di usare i sacchi alimentari per creare meravigliosi prodotti sartoriali è ormai un simbolo di patriottismo e le donne adorano trovare nuove stampe. Nel 1942, secondo una stima, ben 3 milioni di donne e bambini americani, indipendentemente dalla fascia di reddito portassero indumenti realizzati con i tessuti riciclati.

Una bella storia che potrebbe insegnare molto al marketing di oggi. Su Etsy potete ancora trovare questi coloratissimi e originali abiti vintage, i prezzi variano molto in base al modello e vanno da un minimo di 30 un massimo di circa 100 euro.

FONTE |  kindnessblog

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >