Society
di Simone Stefanini 12 Ottobre 2018

Wikihow ti insegna come essere indie

Essere indie è facile, basta attenersi ai consigli di Wikihow, che però sono un po’ confusi.

Che i termine indie sia stato sdoganato in modo capillare è ormai cosa nota. Per descrivere le nuove popstar che vengono dal basso (Calcutta, Thegiornalisti, Lo Stato Sociale, giusto per fare tre esempi) viene sempre citato questo termine, che un tempo indicava l’attitudine indipendente nella musica e nella cultura. Logico passaggio successivo, l’utilizzo a sproposito della parola e le immancabili guide su come diventare indie senza fatica.

Insomma, il termine indie è arrivato anche su Wikihow, che grazie ai suoi disegnetti stile Torre di Guardia e ai suoi tutorial basic, ci offre tre modi per essere dei veri fighi indipendenti attraverso l’attitudine, la cultura e la moda.

Il primo passaggio è quello che riguarda l’attitudine, che va creata su misura per lo stile che si vuole adottare. Per essere veri indie, Wikihow ci suggerisce di non dare peso a quello che pensano gli altri: “Perché mai dovresti? Hai solo una vita da vivere, dunque fallo e trascorri la tua esistenza amando apertamente le cose che ami. Sono solo invidiosi del fatto che non riescono a godere così tanto della loro vita.” Questa cosa che se uno non ama gli indie sia automaticamente invidioso andrebbe rivista, a volte è semplicemente questione di gusti.

Wikihow ci intima di apprezzare le cose nuove o dimenticate, poiché, cito: “Questo è quello su cui si fonda effettivamente l’essere indie. Si basa sul farsi piacere e sull’apprezzare cose che vengono trascurate o che si meritano più attenzioni di quelle che ottengono”. Ma non si era detto che uno deve fare un po’ come gli pare? Inoltre: “Fai le cose che ti rendono felice e non aver paura di deviare dalla norma. Tingi i capelli di colori stravaganti solo perché ti va di farlo. Porta vestiti scoordinati tra di loro perché ti piace come le geometrie si scontrano. ” Ancora? questo è un codice, dov’è finita la libertà tanto declamata al punto uno?

Eccoci di nuovo coi consigli ad cazzum: “Non sentire nemmeno l’esigenza di avere una relazione normale se non vuoi. Puoi restare totalmente single, uscire con chi ti pare (a discapito di quello che penserebbe la società), frequentare più di una persona alla volta (ammesso che le altre persone che vedi siano d’accordo) e accertarti di mantenere la tua indipendenza in qualsiasi rapporto tu abbia.” Insomma, per essere indie bisogna andare contro il sistema. Wow, che super filosofia da prima occupazione in terza media. L’unica nota interessante sembra provenire dal consiglio “Se non ti piace qualcosa che succede nel tuo Paese, protesta e lavora per portare i tuoi problemi alle urne elettorali”, una pratica che si è totalmente persa durante questi anni dello storytelling personale e del  disimpegno sociale.

Nella sezione Accedere alla cultura del tutorial si parla delle differenze tra mainstream (“le persone tendono a farsi piacere delle cose solo perché piacciono a tutti gli altri, non perché siano davvero buone”) e indie (“la gente prende sul serio la qualità, e anche tu dovrai farlo”). Non so voi, ma per me questi diktat fanno tanto mainstream. “Dovresti cercare cose, sia passate sia presenti, che abbiano una qualità eterna. È per questo che la musica indie tende ad assorbire tanta influenza dalla musica folk e la moda solitamente trae ispirazione dagli anni Quaranta-Settanta.” e qui vi invito a trovare band indie italiane che si ispirino agli anni ’40.

Wikihow sa come conquistare il mio cuore e mi consiglia di prendere lezioni di uncinetto, cucina, giardinaggio, volontariato, di patrocinare il mio negozio di dischi preferito per poi aggiungere: “Non preoccuparti riguardo alla popolarità dei tuoi gusti né chiederti se sono “abbastanza indie”. Ascolta quello che ami. Non esiste una “playlist indie ufficiale” che ci dice quali canzoni sono cool e quali non lo sono.” Ok, però nelle note precedenti sembrava che vi fossero dei canoni ben precisi per aderire al movimento indie. Sono confuso.

Mi appresto con timore all’ultima fase del tutorial: vestirti indie: “Trova dei vestiti vintage che ti piacciano. I tagli e le stoffe vintage spesso si perdono nel tempo e vale completamente la pena riportare in voga alcuni di essi! Non aver paura di indossare qualcosa che tu possa considerare un po’ folle. Essere indie gira intorno all’essere te stesso! Se pensi che un vestito ti starà bene, dagli un’opportunità.” Ma che matti questi indie! Ecco un altro diktat che mina la mia libertà: “Tieniti alla larga dalle grandi marche e negozi. visita il negozio di seconda mano della tua città”. Facile a dirsi, peccato che nelle catene mainstream spenda la metà della metà del negozio di seconda mano che compra stracci putridi al chilo e li rivende come fossero oro.

Chiosa interessantissima: “Sii solo te stesso, assicurati che tutto quello che dici suoni indie, ma dì quello che vuoi”. Io ho avuto un mancamento, non sono più in grado di continuare con l’analisi. Alla prossima.

Tutte le citazioni e l’immagine contenuta nell’articolo via Wikihow.it

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >