Society
di Marcello Farno 31 Marzo 2016

“Yes, we fuck!” racconta il sesso tra persone disabili come non lo avete mai visto prima

Linguaggio diretto e pochi sentimentalismi: un documentario importante e senza compromessi

 Yes we Fuck!

 

Nonostante le diverse forme e i più diversi costumi della sessualità appaiano ormai sdoganati, almeno nel mondo occidentale, ci sono ancora alcune esperienze sessuali che per uno strano pudore vengono taciute. Parliamo dei rapporti intimi con e tra persone affette da disabilità.

Antonio Centeno è un attivista per i diritti delle persone disabili, e anche un regista. Yes, We Fuck! è il suo ultimo lavoro, un documentario che racconta in maniera quasi “feroce”, senza compromessi, una sfera sessuale che molto spesso non viene presa nemmeno in considerazione. Centeno invece ci mostra l’intimità dei disabili in tutte le sue forme, aprendo le porte delle camere da letto di sei persone e svelando come i piaceri, così come anche i problemi, della loro vita sessuale non siano poi così dissimili da quelli del resto della popolazione.

 

 

I protagonisti del film raccontano il modo in cui sono riusciti a combattere e a lasciarsi alle spalle le discriminazioni, raggiungendo un’indipendenza sessuale che oggi riesce a regalargli del puro e legittimo piacere. Yes, We Fuck! girato da Centeno grazie anche all’aiuto del reporter Raul De La Morena, è stato presentato in diversi festival europei e lo scorso gennaio ha vinto anche il premio come miglior lungometraggio al festival del cinema erotico Fish & Chips di Torino.

Realizzato grazie a un’operazione di crowdfunding, che ha permesso di sostenere i costi di produzione e distribuzione della pellicola, il progetto continua a essere attivo anche dopo l’uscita del film, e sul sito ufficiale trovate numerosi reportage di presentazioni e incontri con sessuologi, esperti, assistenti sociali e persone disabili che hanno semplicemente voglia di raccontare la loro storia.

Intervistato da Dazed Digital, Centeno racconta di come il film nasca con un chiaro intento politico, atto a mostrare come le persone con diversità funzionali siano degli esseri umani sessuali, persone che desiderano e sono desiderate: “Veniamo relegati in dei ghetti, viviamo in delle residenze speciali, frequentiamo delle scuole speciali, lavoriamo in dei centri speciali. In pratica abitiamo in un mondo parallelo, segregati dagli altri. “Yes, We Fuck!” mostra, attraverso la sessualità, che le persone con diversità funzionali vogliono vivere proprio come gli altri, in maniera indipendente, senza bisogno di delegare le loro decisioni a familiari o professionisti“.

La gente pensa che il sesso non ci appartenga – continua Centeno – così abbiamo voluto inserire delle immagini molte dirette, che avessero la capacità di entrare nelle teste degli spettatori, immagini incompatibili con i pregiudizi che avevano. Attraverso il film speriamo di aver suscitato delle reazioni, aver creato anche del sensazionalismo se vuoi, è importante che questioni come questa non restino più invisibili“.

 

 

Il tema della sessualità tra persone con diversità funzionali è al centro anche di altre pellicole uscite negli ultimi anni. Alcune capaci di affrontare il problema attraverso lo stesso tipo di linguaggio diretto e senza sentimentalismi, come The Tribe del regista ucraino Myroslav Slaboshpytskkiy, che racconta la storia d’amore problematica tra due giovani ragazzi sordomuti. Altre utilizzando risvolti più melodrammatici, come The Sessions, diretto da Ben Lewin e con protagonisti Helen Hunt e John Hawkes, premiato al Sundance Festival e nominato anche agli Oscar, che si concentra sul rapporto tra un poeta paralizzato e un’assistente del sesso.

Anche l’Italia ha prodotto un film sulla questione, è The Special Need, del regista Carlo Zoratti, in cui Enea, un ragazzo autistico, sente il bisogno di rispondere ai suoi impulsi sessuali, e si imbarca così in un viaggio, accompagnato da due amici, alla scoperta della sua sessualità.

FONTE | DAZED DIGITAL

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >