TV e Cinema
di Mattia Nesto 19 Dicembre 2019

10 motivi per cui Watchmen è la serie tv dell’anno

Già dalle prime puntate avevamo gridate al miracolo. Ora che è finita la serie HBO è entrata nel nostro cuore. Per non uscirne più

Sulle note di I’m the Walrus dei Beatles nella versione degli Spooky Tooth si è conclusa la nona e ultima puntata della serie Watchmen, certamente uno dei grandi fenomeni legati al mondo dell’intrattenimento e della cultura pop in generale di quest’anno. Magari ne avrete sentito parlare già in altre istanze ma in questo pezzo vogliamo darvi almeno dieci buone ragioni per cui, senza se e senza ma, questa serie appena terminata è già, oltre che una delle serie migliori del 2019, anche una delle serie-cult di questo decennio, vero e proprio architrave dello spirito dei tempi. E tranquilli: non faremo alcun tipo di riferimento ad avvenimenti della trama che potrebbero essere definibili come anticipazioni o spoiler.

 

La gestione della narrativa e della sceneggiatura

Damon Lindelof è un fottuto genio. Quante volte ci siamo ritrovati a pensare se non proprio a esplicitare a parola questo concetto. Già perché il modo in cui la narrativa è presentata in Watchmen è davvero molto particolare, quasi un esempio unico per le serie televisive, con, forse, l’esclusione di Lost. Infatti la serie si prende tutto il tempo di questo mondo per ingranare e anzi, fino, grosso modo, alla terza se non quarta puntata (su un totale di nove complessive!) in molti siti e riviste specializzate veniva tacciata di eccessiva lentezza. E invece questo scoppio ritardato era tutto voluto e previsto dallo stesso Lindelof che, come una specie di direttore d’orchestra e grande demiurgo che tutto scruta dall’alto, voleva fare di Watchmen un enorme imbuto: largo e lento al centro, dove si raccoglievano tutti gli elementi della trama, stretto e ripido in fondo, quanto tutti i nodi arrivavano al pettine. Tranne uno, tranne l’ultimo, perché che The End sarebbe senza la possibilità di un The End con il punto interrogativo alla fine?

 

Attori giusti al posto giusto al momento giusto

Ne citiamo giusto un quartetto ma anche i comprimari recitano in maniera sublime. Le prestazioni attoriali Regina King aka Angela Abar, di Don Johnson/ Judd Crawford, di Yahya Abdul/ Mateen II e di Louis Gossett Jr. aka Will Reeves senza dimenticare Laurie Blake interpretata da Jean Smart sono praticamente perfette. Non soltanto dal punto di vista dei tempi delle battute e del modo in cui vengono espresse ma anche partendo dalla loro fisicità e volti. Molto più che nella trasposizione cinematografica di Zack Snyder gli attori sembrano essere e incarnare perfettamente i personaggi del fumetto o comunque sono coerenti con l’estetica originale dell’opera scritta dall’autore britannico Alan Moore e illustrata dal suo connazionale Dave Gibbons.

 

Tradire con arte l’opera originale significa rispettarla al massimo grado

E a proposito del rapporto con l’originale Watchmen a fumetti anche qui la serie si supera. Già perché le nove puntate di HBO non solo traducono nel linguaggio trans-mediale attuale l’opera di Moore e Gibbons ma, senza alcun tipo di paura, la tradiscono volutamente senza però tradire di un millimetro il senso del graphic-novel. Nonostante il tradimento operato, ovvero quello di riscrivere un certo determinato personaggio, sicuramente non centrale nel racconto a fumetti ma fondativo per tutta una serie di motivi, Lindelof sono riusciti ad essere coerenti con il messaggio degli autori Moore e Gibbon andando addirittura oltre, ovvero parlando di storia, politica e rapporti sociali in una serie di massa. Per riassumere: ma ci fu tradimento più rispettoso dell’originale come questo.

 

Geo-politica e tempi moderni

Senza fare spoiler ma parlando dei primi tre minuti della prima puntata della serie, Watchmen fin da subito fa i conti con la storia americana, proprio come il fumetto. Infatti in questi primi, fondamentali minuti, si fa riferimento al famigerato massacro di Tulsa, ovvero uno degli episodi più violenti e sanguinosi della lunga storia del razzismo made in Usa. Nel 1921 nella cittadina di Tulsa si era sviluppata una fiorente società afromericana che aveva fatto fortunata, tanto da essere soprannominata “Black Wall Street”. Ecco proprio nel 1921 questa comunità viene attaccata selvaggiamente dal locale gruppo del Ku Klux Klan che capeggiato dai più importanti rappresentati delle famiglie e dei politici locali, opera un vero e proprio massacro. Ecco iniziando così, con un episodio storico veramente accaduto ma raccontato come se fossimo davanti all’episodio primigenio di una serie a fumetti (cosa che anche è) Watchmen di HBO non si è voluta nascondere neppure un secondo: questa serie non parla di una Terra alternativa e di una linea temporale diversa dalla nostra. No, non solo: parla anche e soprattutto di noi e della nostra società.

 

La colonna sonora

Tutti quanti ci ricordiamo l’intro di Watchemen il film giusto con The Times They Are a-Changin’ di Bob Dylan in sottofondo no? Ecco, bellissimo vero? Sì certo ma, come abbiamo detto, quel pezzo di Dylan era in sottofondo. In Watchmen nessuna musica è solo e semplicemente sottofondo ma è sempre uno strumento diegetico alla narrativa. Infatti, ad un certo punto, quando le lancette dell’orologio della narrativa scatteranno in avanti e andranno più velocemente, ecco che ci saranno pezzi dedicati solo ed esclusivamente al colore blu e, proprio come ricordato all’inizio del pezzo, la frase “I’m the eggman” della canzone dei Beatles non sarà usata a caso. Insomma siamo davanti ad un vero e proprio pezzo di alta orologeria narrativa, anche a livello di commento sonoro.

 

I rapporti umani

 

Quante volte ci accorgiamo praticamente subito di assistere a qualcosa di finto su schermo. Cinema, serie tv o videogiochi non conta: nella stragrande maggioranza dei casi è proprio sui rapporti e sulle reazioni umane che si consuma il tradimento con lo spettatore che, in un lampo, vede spezzarsi la propria sospensione dell’incredulità per accettare il fatto di stare assistere a qualcosa di non vero. Ecco in Watchmen, nonostante si tratti di un racconto di supereroi in fondo, questo non avviene mai perché le relazioni, i rapporti e le reazioni umane sono sempre scritte in punta di penna, verosimili e condivisibili. Non abbiamo di fronte a dei pupazzi che si muovono come vuole il regista, noncuranti di tutti e di tutto: no, vediamo delle persone, con pregi e, soprattutto, enormi difetti e problemi.

 

I plot-twist

Non bisogna mai dimenticarsi che Watchmen è un prodotto realizzato per intrattenere e che non abbiamo davanti un trattato di critica letteraria. Ecco perché è importantissimo che la serie sia costellata da improvvisi plot-twist, ovvero snodi cruciali della trama che sorprendono e ci tengono con il fiato sospeso. Watchmen, come poche serie, riesce per davvero a stupire il lettore e per le trovate e per la riproposizione, in ben determinati momenti di personaggi che, volutamente, erano stati lasciati in secondo piano. Del resto il fattore tempo è fondamentale in questa serie: se la trama fosse raccontata in modo cronologico sarebbe piatta e invece, proprio per quel tempo misto che è un po’ la cifra del nostro tempo perennemente connessi in cui tutto è presente, è assolutamente sublime.

 

Viaggiano l’alto il basso senza abbelimenti

 

Ci sono le scazzottate e le spiegazioni dei ragionamenti, ci sono le sparatorie e i momenti di puro affetto, ci sono le scene sanguinolente e violente ma anche quelle didascaliche quasi da slap-stick comedy. Ecco in Watchmen coesistono l’alto e il basso ed è per questo che come serie non è pesante. Non è una serie, per citarne una che con gli sbalzi del tempo cronologico ci gioca un sacco, come Dark, no, nient’affatto. Watchmen è per tutta una serie di motivi una serie pop ma non scontata. Non vuole presentare su schermo ciò che il pubblico vorrebbe e si aspetterebbe ma vuole stupire. Ha un coraggio dell’accidente in certe scelte ma non un coraggio fine a se stesso: un’arditezza che è sempre e comunque funzionale alla propria narrativa e alla propria coerenza interna.

 

Spettacolare senza strafare

 

Un altro problema che ha avuto il film è stato la critica per gli effetti speciali e i personaggi in cgi, giudicati realizzati in malo modo. Ecco la serie Watchmen, proprio per il fatto del medium di appartenenza, ovvero la serie tv, non ha il budget di un film hollywoodiano in fatto di fx design però, volutamente, gioca in un altro campionato. Infatti riesce a mantenere una buona cifra di spettacolarità quando serve ma mai sfrutta un effetto speciale o un dato potere solo per riempire un po’ la trama, no mai. Anzi, in tutta la serie, quando vengono evocati o utilizzati determinati super-poteri è come se Watchmen quasi si scusasse con lo spettatore. Uno spettacolo assoluto senza strafare, di grandissimo gusto insomma.

 

Il miglior sunto possibile sulla Storia d’America e sulla nostra società

In chiusura un ultimo e per noi fondamentale ragionamento. Watchmen è una serie uscita nell’anno domini 2019 e non potrebbe essere letta senza l’accompagnamento di questo dettaglio cronologico. Già perché Lindelof ci ha tenuto in modo particolare a portare su schermo tutta una serie di temi che, mai come in questi anni, sono diventati capitali per la società americana in particolare ma anche a livello globale: ovvero l’integrazione, il razzismo e, ultimo e non ultimo, la presenza/ruolo della tecnologia nelle nostre vite. Ecco di tutti questi capitali argomenti si parla e si discute in Watchmen mai però in termini filosofici ma sempre presentandoli come strumenti narrativi coerenti con lo sviluppo degli stessi personaggi. Ecco perché Watchmen non è la serie dei supereroi al tempo di This is America di Childish Gambino e della Presidenza Trump ma anche questo. Ed è per questo motivo, anzi per queste plurime ragioni che, almeno per noi, non solo è la Serie con la lettera maiuscola di quest’anno ma anche una delle espressioni intellettuali e creative più importanti di questo decennio.

 

Justice? Justice is coming to all of us. No matter what the hell we do.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >