30 anni di Top Gun, 10 cose che non sai sul film più macho degli anni ’80

Perché non vogliamo nemmeno pensare al sequel in arrivo

top-gun visionair.fm - Tom Cruise ha dato l’OK

 

Nel maggio del 1986, l’America fu scossa nel profondo da un film fortemente conservatore e inneggiante alla chiamata alle armi. Era Top Gun, la pellicola che ha lanciato Tom Cruise nell’Olimpo dei belli e impossibili hollywoodiani. Con la sua faccia da bravo ragazzo e i suoi modi ribelli (uniti a una voce molto fastidiosa, che chi l’ha mai sentito recitare in lingua originale conosce benissimo). Una storia d’amore, d’amicizia e di guerra fredda, alla quale doversi preparare con tutte le armi possibili. Bene, quel tripudio di machismo e centrodestra, con una colonna sonora da brividi oggi compie 30 anni e, tanto per ricordarvelo, se lo avete visto al cinema, oggi avete anche voi 30 anni in più. Pazzesco, vero?

Beh, di sicuro meno del fatto che Tom Cruise sarà il protagonista anche del sequel, che verrà girato a breve. Ma non è un po’ vecchio a 53 anni per fare tutte le evoluzioni in aereo come da pischello? Probabilmente sì, ma verrò di sicuro aiutato da tonnellate di computer grafica, quindi niente paura, non rischierà la vita come la prima volta.

Qui sotto, 10 cose che potreste non sapere di uno dei film di culto degli anni ’80:

 

10) Tom Cruise non sapeva andare in moto quando ha girato il film

tumblr_mvmmxky23H1rlwl7yo2_400 tumblr

Si dice che gli abbiano dovuto fare un corso intensivo nel parcheggio del concessionario che gli ha fornito la moto. Eppure sembrava così sicuro nel film, salutava pure gli aerei in volo.

 

9) Tra Tom Cruise e Val Kilmer non correva buon sangue nemmeno fuori dal set

volley2-1421418132 mtv.com

Avete presente le schermaglie tra Maverick e Ice Man, no? Bene, non erano che il fac-simile di quelle che avvenivano fuori dal set, tra i due che volevano essere trattati da primadonna. Si dice che una volta, Val Kilmer ha spento con un pugno Tom Cruise. Si ritroveranno insieme nel sequel, andranno d’accordo stavolta?

 

8) La bella Kelly McGillis due anni fa ha fatto coming out della propria omosessualità

castingdirectorone backstage.com

In una recente intervista, la McGillis, sex symbol degli anni ’80, ha dichiarato di essere felicemente omosessuale ed in cerca dell’anima gemella. Non sappiamo ancora se farà parte o meno del sequel, dal momento che non recita dal 2001.

 

7) La scena d’amore tra Tom Cruise e Kelly McGillis venne girata in post produzione, dopo la fine delle riprese

MrZw2K makeagif.com

La torbida e sensuale scena in penombra tra la professoressa e il cadetto è stata girata così per un motivo: i produttori volevano più scene intime, quindi Tom Cruise e Kelly McGillis si sono trovato a girarla quando il film era già finito. La McGillis ne stava già girando un altro e aveva una pettinatura diversa. Ecco spiegato il motivo di tanto iconico mistero.

 

6) Kenny Loggins non è stata la prima scelta per registrare Danger Zone. Prima di lui erano stati sentiti i Toto e i REO Speedwagon

Alla fine però la scelta si è rivelata vincente perché il pezzo spacca anche oggi, insieme a tutta la colonna sonora.

 

5) Tra i molti attori a cui era stata offerta la parte di Maverick: Sean Penn, Patrick Swayze, John Cusack e Nicolas Cage

rs_500x213-150106140223-tumblr_lvuyue9fdH1r4etbjo1_500 online.com

Ve lo immaginate Nicolas Cage a interpretare il giovane cadetto di Marina che si innamora della sua professoressa? A pilotare un aereo e fare le evoluzioni in aria? Noi non molto, eppure pagheremmo oro per poter vedere una scena del film col faccione tutto matto di Nicolas.

 

4) Anthony Edwards che interpretava Goose, si dice sia stato l’unico attore a non vomitare durante le scene aeree

anthony-edwards-meg-ryan-top-gun sliptalk.com

Avete capito che stronzi i produttori? Goose era l’unico che reggeva il mal d0’aria e nonostante tutto l’hanno fatto morire, quindi non prenderà parte al sequel. A pensarci bene, forse per lui questa scelta si è rivelata una fortuna.

 

3) Nel film appare anche una giovanissima Meg Ryan, prima di diventare famosa

meg-ryan-top-gun-take-me-to-bed-or-lose-me-forever truffleshuffle.co.uk

Non ci stancheremo mai di dire quanti fosse carina la giovane Meg Ryan, prima che si deturpasse il viso con botox e plastiche criminali. Questo è stato il suo primo film veramente grosso, che l’ha lanciata come fidanzata d’America e ragazza della porta accanto, in film super dolci come Harry ti presento Sally o C’è posta per te.

 

2) Dopo l’uscita nelle sale di Top Gun, l’arruolamento dei giovani piloti in Marina salì del 50%

92021-good-luck-gentlemen-gif-Top-Gu-ur2Z pandanale.com

Ecco, poi magari i giovani americani degli anni ’80 si sono accorti che nella guerra vera non c’era tutta quella gloria e quel glamour, e alcuni di loro potrebbero aver maledetto la fascinazione per quel film e (già che c’erano) per Tom Cruise in generale.

 

1) Non esiste il trofeo Top Gun nella vita vera. O passi il corso, o arrivederci e grazie

zgpK3 popkey.com

Dispiace rompere i sogni nel cassetto a tutti quelli che ancora oggi sognano di vincere il trofeo Top Gun, come migliore Marò pilota d’aereo: quel premio non esiste, quindi state sereni. All’accademia militare, o sei dentro o sei fuori e se sei fuori non vieni più ripescato.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >