5 film d’animazione da guardare assolutamente

5 film d’animazione da guardare assolutamente

L’animazione è uno dei generi cinematografici più sottovalutati da sempre. Un po’ per colpa di Disney che ne ha sempre esercitato il monopolio, un po’ perché lo si accosta esclusivamente ai cartoni della mattina, questo genere è sempre stato associato al mondo dei bambini. Hayao Miyazaki, Sylvain Chomet, Wes Anderson sono solo alcuni dei registi che hanno saputo sfruttare al massimo le possibilità dell’animazione, realizzando meravigliosi capolavori attraverso un linguaggio unico e uno stile estremamente personale. La lista è infinita e se non sapete da dove iniziare ho selezionato per voi i 5 film d’animazione da guardare assolutamente.

Piccola premessa: all’interno di questa lista non troverete Biancaneve, Bambi o Il re leone (insomma, sono già abbastanza conosciuti e non hanno bisogno di presentazioni), ma film un po’ meno “famosi”. 5 capolavori di 5 diversi registi che hanno saputo creare mondi immaginari e dare vita a magnifici personaggi, creando storie avvincenti e d’impatto persino per un pubblico adulto. Ebbene si, avete letto bene, un PUBBLICO ADULTO, perché i film contenuti in questa lista non sono esclusivamente per bambini.

 

Nausicaä della valle del vento

In una lista dedicata ai 5 film d’animazione da guardare assolutamente non si può non inserire Hayao Miyazaki, un regista e animatore giapponese, famoso per grandi capolavori come “La città incantata” e “Il castello errante di Howl”. Tra tutta la sua filmografia penso che Nausicaä nella valle del vento sia uno dei suoi film migliori. Realizzato nel 1984, si ispira al manga omonimo pubblicato nel 1982. All’interno di questo film sono presenti tutti gli argomenti più amati dal regista: il vento, gli aeroplani e tutto ciò che permette all’uomo di alzarsi in volo, l’azione distruttiva dell’uomo sulla natura e la presenza di una eroina adolescente che grazie al suo enorme coraggio cercherà di salvare il mondo.

Un film profondo, poetico e dei disegni splendidi, che non a caso fin dalla sua uscita ha suscitato subito un grande successo.

 

Trama:

La storia è ambientata in un futuro post-apocalittico nel quale i regni degli umani sono stati invasi da insetti giganti, chiamati Ohm, che hanno contaminato lo spazio e l’aria con spore inquinanti. Solo alcuni luoghi sono rimasti vivibili, tra cui la Valle del tempo, dove vive la principessa Nausicaä. La giovane principessa possiede un dono speciale che le permette di entrare in contatto con gli animali, compresi gli inquietanti insetti giganti che minacciano la vita degli uomini sulla terra.

La vita nella bellissima e rigogliosa Valle del tempo è però minacciata. Nausicaä dovrà impegnarsi per salvare gli abitanti del suo regno, ma anche i grandi insetti.

Perchè gli Ohm nonostante siano pericolosi devono restare in vita? Riuscirà Nausicaä a salvare la sua valle?

Puoi guardare il film completo su Netflix.

 

Appuntamento a Belleville

Passiamo dal Giappone alla Francia, per scoprire il lavoro straordinario di un altro regista, Sylvain Chomet. Il suo stile è molto particolare (uno di quei casi in cui può essere riassunto con la classica frase “o ti piace o non ti piace”), e se volete conoscere meglio il suo lavoro, il mio consiglio è di iniziare con il suo film più famoso, “Appuntamento a Belleville”, ovvero il primo lungometraggio realizzato dal regista.

Il film è stato ampiamente acclamato dalla critica e ha contribuito a rivoluzionare il genere cinematografico d’animazione. Ciò che lo rende fenomenale non sono solo i personaggi grotteschi (oserei dire anche un po’ inquietanti), ma anche una ricchezza di scene bizzarre, spassose e surreali, spesso ispirate alla comicità di Jacques Tati. È un film che dimostra come l’animazione sia in realtà un genere molto più complesso di quello che si crede, con grandi possibilità di sperimentazione e per di più non rivolto esclusivamente ai bambini. Anzi, nel caso di questo film penso che il piccolo pubblico non sia compreso tra gli spettatori di riferimento. Non solo farebbero molta fatica ad apprezzare la storia, ma specialmente i suoi personaggi, resi volontariamente brutti e grotteschi a differenza di ciò a cui la Disney ci ha sempre abituato.

 

Trama:

Madame Souza ha accolto il nipotino Champion, orfano dei genitori, e si dispera perchè il bambino non ha nessun interesse. Un giorno scopre che il nipote nasconde delle foto del Tour de France e di alcuni dei principali campioni di ciclismo. Decide quindi di regalargli una bicicletta e di allenarlo per farlo diventare un giorno il vincitore del Tour.

Gli anni passano e Champion sta partecipando al Tour quando due misteriosi individui vestiti di nero lo rapiscono. Madame Souza e il suo fedele cane Bruno si mettono sulle loro tracce. La loro ricerca li porta a Belleville dove incontrano delle eccentriche cantanti di music-hall degli anni ‘30. Riusciranno a trovare Champion?

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

Partendo da un racconto del 1945 di Dino Buzzati, Lorenzo Mattotti, uno dei più grandi illustratori del panorama italiano, ha realizzato il suo primo lungometraggio uscito nelle sale cinematografiche nel 2019.
Questo film è paragonabile a una fiaba magica raccontata con grande delicatezza, che ci porta a riscoprire la bellezza dell’ascoltare un racconto
Una storia costruita attraverso il confronto tra uomo e natura, la bellezza della scoperta di un “nuovo mondo” e le conseguenze dannose del potere.

A rendere imperdibile questo film sono i disegni realizzati da Mattotti,  ispirati dalle illustrazioni originali del romanzo di Buzzati, e la colonna sonora di René Aubry.

Trama

Leonzio, il Grande re degli orsi, nel tentativo di ritrovare il figlio da tempo perduto e di sfuggire da un terribile inverno, decide di condurre il suo popolo dalle montagne fino alla pianura, dove vivono gli uomini. Grazie al suo esercito e all’aiuto di un mago, riuscirà a sconfiggere il malvagio Granduca e a trovare finalmente il figlio Tonio.
Ben presto, però, Re Leonzio si renderà conto che gli orsi non sono fatti per vivere nella terra degli uomini…

 

Big Fish e Begonia

Se avete amato la città incantata di Miyazaki allora dovete assolutamente guardare questo film. È davvero pazzesco e merita di essere visto anche solo per il titolo.

La trama è molto originale e non semplicissima da riassumere. Si ispira allo “Zhuangzi”, un classico della letteratura cinese taoista, e per la realizzazione completa del film ci sono voluti ben 12 anni.

I temi principali del racconto sono la metamorfosi, la reincarnazione, la vita e la morte. Vengono affrontati secondo un punto di vista taoista, quindi completamente diverso da quello occidentale. In alcuni casi però scoprirete che le differenze non sono sempre così significative.

 

Trama

La giovane Chun è una creatura spirituale che vive in un mondo non umano dove sono custoditi il mondo umano e le leggi della natura. Al compimento del sedicesimo anno, Chun si trasforma in delfino e visita il mondo umano durante un rito di passaggio, purtroppo però rimane intrappolata in una rete da pesca.

Salvata da un giovane pescatore che perde la vita per lei, Chun lo resuscita violando il sacro confine che divide vita e morte.

L’anima del pescatore trasmigra quindi in un piccolo pesce, Kun, che Chun difende insieme all’amico Qiu fino a quando il pesce potrà riprendere una forma umana e tornare alla vita.

Potete guardare questo film su Amazon Prime.

 

Azur e Asmar

Avete mai sentito parlare del regista Michel Ocelot? Probabilmente non conoscerete lui ma Kirikou, il protagonista di uno dei suoi film più famosi.

Azur e Asmar è il suo secondo più famoso lungometraggio (l’ultimo dei 5 film d’animazione da guardare assolutamente). Una fiaba avvincente e di profonda amicizia, che vuole celebrare la ricchezza di culture differenti e nella quale il confronto e la collaborazione con l’altro diventano fondamentali per il raggiungimento dei propri sogni. Ma anche un film contro le superstizioni e i pregiudizi, dei quali tutti siamo un po’ vittime.

Meravigliose le illustrazioni. Stilizzate ma allo stesso tempo minuziosamente accurate nei minimi dettagli, restituiscono tutta la bellezza dei luoghi ai quali Ocelot si è ispirato, specialmente per quanto riguarda i palazzi arabi e le loro decorazioni. Ci si immerge in un mondo fatato che ricorda “Mille e una notte” e i disegni di un libro di fiabe.

Il film è un bellissimo incontro tra cultura occidentale e orientale, e proprio per sottolineare questa unione, il regista ha scelto di non tradurre (nemmeno con i sottotitoli) le parti in arabo.

 

Trama:

Azur e Asmar sono due bambini diversi nei tratti somatici e nella cultura di origine(uno è francese e l’altro arabo). Allevati come fratelli dalla stessa donna (madre di Asmar), vengono separati brutalmente mentre sono ancora piccoli.

Azur, segnato dalle favole che gli ha raccontato la sua nutrice, continua a credere fermamente nella leggenda della fata dei Jinns e, una volta adulto, si imbarcherà in direzione dell’Oriente per ritrovare i suoi cari e liberare la fata.

Anche Asmar avrà la stessa idea ed entrambi i fratelli si ritroveranno in una terra magica piena di pericoli e meraviglie, entrambi con un solo obiettivo: essere il primo a trovare la fata dei Jinns.

https://www.youtube.com/watch?v=qB-p3iX9_Kg

 

Come potete vedere non esistono solo i film della Walt Disney. Per quanto essi siano famosi, divertenti e abbiano segnato l’infanzia di molti con le loro storie e le loro canzoni, non esistono solo loro. Ciò che voglio dire, un po’ polemicamente, è che esistono infinità di capolavori che non hanno canzoni divertenti, ma sono in grado di regalare profonde emozioni e meritano comunque di essere guardati.

Oltre a questi 5 film d’animazione da guardare assolutamente ce ne sono moltissimi altri che non ho inserito nella lista, ma questo è il mio consiglio: guardate questi film che vi ho consigliato, scoprite quali sono le storie e lo stile che preferite, poi per ogni regista cercate quali sono gli altri film che ha realizzato (e se ci sono altri registi che hanno uno stile simile), fatevi una lista e pian piano cercate di guardare tutti i titoli che avete segnato.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >