TV e Cinema
di Mattia Nesto 25 Luglio 2018

Breve storia di Godzilla

Sta per uscire il nuovo film di Godzilla. Ripercorriamo la sua bellissima storia

 

Certamente i più avvezzi alla legacy di Godzilla o alla cultura giapponese in genere non si sono troppo sorpresi del twist finale di Godzilla 2 – Minaccia sulla città, anime messo in onda su Netflix da qualche giorno e nuova puntata dell’eterna serie con protagonista il colossale lucertolone atomico. Ma, al di là di questo, la ricomparsa sugli schermi del titanico rettile ci ha fatto venire voglia di approfondire la storia dell stesso Godzilla (a proposito avete già visto il trailer di King of the Monsters ?)

 

Partiamo da un presupposto: se uno dice Godzilla, immediatamente pensa anche a King Kong. Questa sorta di derby fra i mostri non soltanto è uno dei “match” più classici della storia del cinema, come dell’immaginario pop in genere, ma è anche un vero e proprio progetto industriale dato che il cosiddetto Monstevers, ovvero quel progetto di stretta collaborazione Warner Bros. e Legendary Pictures, sta portando via via al cinema nuovi capitoli di film con King Kong e Godizlla sino al già annunciato, e forse conclusivo, Godzilla vs. Kong, previsto per il 2020.

 

Ora, al di là del fatto che storicamente c’è già stato un derby King Kong contro Godzilla nel lontano 1962 (e per l’occasione è stato realizzato un doppio finale, uno per il mercato americano ed europeo, con la vittoria dello scimmione, ed uno per quello asiatico, con il successo del lucertolone), le due creature possono, in maniera abbastanza netta e chiara, sublimare due modi di pensare, il mondo e la vita, tipicamente, da un lato, occidentale e, dall’altro, orientale. King Kong è infatti, da 85 anni tondi tondi,  la creatura selvaggia che, grazie all’intraprendenza, a metà strada tra il coraggio e una sete di ricchezze senza fine, viene portata in mezzo alla civiltà, rappresentata dal centro di New York City e mostrata come simbolo della “vittoria dell’uomo bianco su tutte le altre creature di Madre Natura”. Lasciamo perdere che poi lo scimmione faccia casino e sbertucci un po’ questa fiducia: alla fine, quasi sempre, Kong viene impallinato sulla punta dell’Empire State Building, con tanti saluti al WWF.

 

Ben più profonda, in un certo senso, è invece la filosofia che muove le fila di Godzilla (ben spiegata da Yotobi in questo video), specie nelle sue ultime incarnazioni. Infatti Godzilla nasce intorno alla prima metà degli anni Cinquanta, da un’idea di Teizô Toshimitsu. Il periodo storico non deve trarre in inganno: siamo a meno di dieci anni dal bombardamento atomico di Hiroshima e Nagasaki, e da altri incidenti a reattori nucleari in Giappone e quindi il ricordo di quelle immani tragedie è ancora vivido. Ecco quindi che, sin dalle prime apparizioni cinematografiche (sicuramente molto ingenue), Godzilla si configura come una sorta di “purga” per i peccati degli esseri umani, rei di aver sconvolto il naturale ordine delle cose con gli esperimenti e le esplosioni nucleari: Godzilla è quindi il kaijū, il “mostro misterioso”, atomico per antonomasia.

 

 

Questa concezione di incarnazione dei peccati umani da parte di Godzilla viene via via acuita nel corso dei vari film, se ne contano una trentina ormai, in cui il dinosauro nucleare se la vedrà via via con tutto un campionario di mostri e nemici che prendono a piene mani l’ispirazione dal folklore giapponese. Mostri volanti, insettoni dalle dimensioni di una balenottera azzurra, robottoni che rispondono al, delizioso, nome di Mecha-Godizlla: chi più ne ha più ne metta con anche, incredibile a dirsi, il figlio di Godzilla, il mostruoso (nel vero senso della parola) Minilla (Minira in giapponese).

 

 

Anche se le ultime trasposizioni si allontanano da quest’idea, in molti film Godzilla diventa un vero e proprio difensore del nostro Pianeta, contro qualche non meglio precisata ma terribile minaccia alinea (che prende di solito le sembianze di Ghidorah, il classico drago a tre teste che, ancora oggi, affolla misteriosamente le bancarelle dei giocattoli al mercato): gli uomini insomma, ormai consci dei loro sbagli, fanno pace con l’orrida creatura frutto della loro avventatezza, puntato tutto su una tecnologia ecosostenibile ed ad impatto zero e rendono, in fin dei conti, la Terra migliore di com’era prima.

 

Sì lo sappiamo questo è Minilla: l’orrido figlio di Godzilla, nato negli anni Sessanta  Sì lo sappiamo questo è Minilla: l’orrido figlio di Godzilla, nato negli anni Sessanta

Per questo motivo le nostre simpatie non possono che andare a Godzilla e non perché, banalmente, è più forte (sì lo sappiamo che nel King Kong di Peter Jackson il gorillone apre letteralmente in due un branco di T-Rex), può sparare dalla bocca un raggio atomico incredibile e resistere fuori dall’atmosfera: Godzilla, al contrario di King Kong, è diventato negli anni un simbolo ambientalista, la rappresentazione “vivente” dei nostri sbagli, che però possono ancora essere corretti. Perché, come si dice proprio in Godzilla 2: “Al crepuscolo delle civiltà vengono fuori i mostri: spetta a noi non mettere la parola fine alla nostra”. Ah, a proposito, speriamo che i prossimi film siano dannatamente meglio delle precedenti boiate degli ultimi anni. 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >