TV e Cinema
di Mattia Nesto 25 Luglio 2018

Breve storia di Godzilla

Sta per uscire il nuovo film di Godzilla. Ripercorriamo la sua bellissima storia

 

Certamente i più avvezzi alla legacy di Godzilla o alla cultura giapponese in genere non si sono troppo sorpresi del twist finale di Godzilla 2 – Minaccia sulla città, anime messo in onda su Netflix da qualche giorno e nuova puntata dell’eterna serie con protagonista il colossale lucertolone atomico. Ma, al di là di questo, la ricomparsa sugli schermi del titanico rettile ci ha fatto venire voglia di approfondire la storia dell stesso Godzilla (a proposito avete già visto il trailer di King of the Monsters ?)

 

Partiamo da un presupposto: se uno dice Godzilla, immediatamente pensa anche a King Kong. Questa sorta di derby fra i mostri non soltanto è uno dei “match” più classici della storia del cinema, come dell’immaginario pop in genere, ma è anche un vero e proprio progetto industriale dato che il cosiddetto Monstevers, ovvero quel progetto di stretta collaborazione Warner Bros. e Legendary Pictures, sta portando via via al cinema nuovi capitoli di film con King Kong e Godizlla sino al già annunciato, e forse conclusivo, Godzilla vs. Kong, previsto per il 2020.

 

Ora, al di là del fatto che storicamente c’è già stato un derby King Kong contro Godzilla nel lontano 1962 (e per l’occasione è stato realizzato un doppio finale, uno per il mercato americano ed europeo, con la vittoria dello scimmione, ed uno per quello asiatico, con il successo del lucertolone), le due creature possono, in maniera abbastanza netta e chiara, sublimare due modi di pensare, il mondo e la vita, tipicamente, da un lato, occidentale e, dall’altro, orientale. King Kong è infatti, da 85 anni tondi tondi,  la creatura selvaggia che, grazie all’intraprendenza, a metà strada tra il coraggio e una sete di ricchezze senza fine, viene portata in mezzo alla civiltà, rappresentata dal centro di New York City e mostrata come simbolo della “vittoria dell’uomo bianco su tutte le altre creature di Madre Natura”. Lasciamo perdere che poi lo scimmione faccia casino e sbertucci un po’ questa fiducia: alla fine, quasi sempre, Kong viene impallinato sulla punta dell’Empire State Building, con tanti saluti al WWF.

 

Ben più profonda, in un certo senso, è invece la filosofia che muove le fila di Godzilla (ben spiegata da Yotobi in questo video), specie nelle sue ultime incarnazioni. Infatti Godzilla nasce intorno alla prima metà degli anni Cinquanta, da un’idea di Teizô Toshimitsu. Il periodo storico non deve trarre in inganno: siamo a meno di dieci anni dal bombardamento atomico di Hiroshima e Nagasaki, e da altri incidenti a reattori nucleari in Giappone e quindi il ricordo di quelle immani tragedie è ancora vivido. Ecco quindi che, sin dalle prime apparizioni cinematografiche (sicuramente molto ingenue), Godzilla si configura come una sorta di “purga” per i peccati degli esseri umani, rei di aver sconvolto il naturale ordine delle cose con gli esperimenti e le esplosioni nucleari: Godzilla è quindi il kaijū, il “mostro misterioso”, atomico per antonomasia.

 

 

Questa concezione di incarnazione dei peccati umani da parte di Godzilla viene via via acuita nel corso dei vari film, se ne contano una trentina ormai, in cui il dinosauro nucleare se la vedrà via via con tutto un campionario di mostri e nemici che prendono a piene mani l’ispirazione dal folklore giapponese. Mostri volanti, insettoni dalle dimensioni di una balenottera azzurra, robottoni che rispondono al, delizioso, nome di Mecha-Godizlla: chi più ne ha più ne metta con anche, incredibile a dirsi, il figlio di Godzilla, il mostruoso (nel vero senso della parola) Minilla (Minira in giapponese).

 

 

Anche se le ultime trasposizioni si allontanano da quest’idea, in molti film Godzilla diventa un vero e proprio difensore del nostro Pianeta, contro qualche non meglio precisata ma terribile minaccia alinea (che prende di solito le sembianze di Ghidorah, il classico drago a tre teste che, ancora oggi, affolla misteriosamente le bancarelle dei giocattoli al mercato): gli uomini insomma, ormai consci dei loro sbagli, fanno pace con l’orrida creatura frutto della loro avventatezza, puntato tutto su una tecnologia ecosostenibile ed ad impatto zero e rendono, in fin dei conti, la Terra migliore di com’era prima.

 

Sì lo sappiamo questo è Minilla: l’orrido figlio di Godzilla, nato negli anni Sessanta  Sì lo sappiamo questo è Minilla: l’orrido figlio di Godzilla, nato negli anni Sessanta

Per questo motivo le nostre simpatie non possono che andare a Godzilla e non perché, banalmente, è più forte (sì lo sappiamo che nel King Kong di Peter Jackson il gorillone apre letteralmente in due un branco di T-Rex), può sparare dalla bocca un raggio atomico incredibile e resistere fuori dall’atmosfera: Godzilla, al contrario di King Kong, è diventato negli anni un simbolo ambientalista, la rappresentazione “vivente” dei nostri sbagli, che però possono ancora essere corretti. Perché, come si dice proprio in Godzilla 2: “Al crepuscolo delle civiltà vengono fuori i mostri: spetta a noi non mettere la parola fine alla nostra”. Ah, a proposito, speriamo che i prossimi film siano dannatamente meglio delle precedenti boiate degli ultimi anni. 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >