Castle Rock prodotta da Stephen King e J.J. Abrams è la serie più dark dell’estate

Castle Rock è la città kinghiana in cui si scontrano il bene e il male. Una serie molto bella che vi farà rabbrividire anche sotto l’ombrellone

 

Alla fine di questo luglio afoso è arrivata anche Castle Rock, la serie ideata da Sam Shaw e Dustin Thomason basata sulle storie di Stephen King e prodotta da J.J. Abrams insieme al Re dell’orrore, che promette e mantiene tutti i brividi che immaginate. Abbiamo visto i primi tre episodi e sebbene l’hype qui da noi fosse potente, si sono dimostrati  all’altezza della situazione.

Il protagonista è Henry Deaver, interpretato da André Holland (The Knick), un avvocato con un mistero alle spalle che torna nella città natale di Castle Rock dopo aver ricevuto una chiamata misteriosa da una guardia della prigione di Shawshank. Lì c’è un ragazzo tenuto in una gabbia, che non risulta in nessuno schedario ma che sembra portare una maledizione. Lo interpreta perfettamente Bill Skarsgard, il Pennywise di IT.

 

 

Non vogliamo spoilerare niente ma nel cast appaiono anche Sissi Spacek (la Carrie del film di De Palma), Terry O’Quinn (John Locke di Lost), Melanie Lynskey (I Don’t Feel at Home in This World Anymore), Allison Tolman (Fargo) e Scott Glenn (The Leftovers). Un cast di tutto rispetto per una serie girata magistralmente, che mette ansia ad ogni inquadratura e trasuda il Male da tutti i pori, proprio come la città fittizia di Castle Rock, utilizzata da King per ambientarci un sacco di storie, da Cose Preziose a Il corpo (Stand By Me), fino a La Zona Morta.

 

Ricordate quando sembrava potesse essere una sorta di Stranger Things fatto da King? Niente di più falso. Castle Rock ha una fotografia oscura e desaturata, è un prodotto misterioso, torbido e molto cinematografico che poco concede al pop dei ragazzini di Hawkins. Se proprio vogliamo paragonarla a una città, la Castle Rock kinghiana somiglia più a Twin Peaks.

I fan di King ameranno la trama della serie ma anche tutti gli Easter Egg disseminati al suo interno, facenti parte dell’universo di Stephen King e dei suoi libri più famosi:  It, Dolores Claiborne, Cose preziose, Le notti di Salem, Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank, L’acchiappasogni, A volte ritornano, Il miglio verde, Misery, Cuori in Atlantide, Shining, Quattro dopo mezzanotte, Stagioni diverse, Incubi & deliri e La metà oscura.

Hulu per il suo lancio ha fatto le cose in grande e ha prodotto anche un finto documentario sulla “vera” Castle Rock, che vi mostriamo qui sotto.

 

 

Provincia americana, misteri e segreti inconfessabili, forze oscure e orrori intimi, l’eterna lotta tra il bene e il male e tutto il campionario delle migliori storie di Stephen King. In pratica, una delle serie tv dell’anno. 

Per ora è disponibile solo negli Stati Uniti, attendiamo con trepidazione che si faccia avanti qualche network italiano pronto a ospitarla nel proprio catalogo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >