King Kong compie 83 anni, le 10 cose che non sai sul primo colossal dell’orrore

Oggi è il compleanno del più indimenticabile gorilla della storia del cinema

chincing via

 

Il 2 marzo del 1933, negli Stati Uniti si tenne la prima assoluta di King Kong. La storia la sapete tutti, anche perché del film originale sono stati fatti un mare di sequel, prequel, spin-off, remake eccetera eccetera. L’ultimo rifacimento, in ordine temporale è quello digitale di Peter Jackson del 2005.

La trama in tre parole: una troupe cinematografica si avventura nell’Isola del Teschio (nome poco rassicurante), dove gli indigeni del posto rapiscono la protagonista, Anna, per sacrificarla al loro dio Kong, un enorme gorilla. Tra combattimenti e dinosauri, il bestione viene catturato e portato a New York come fenomeno da baraccone, ma quello non ci sta e sale sul grattacielo più alto della città con l’amata Anna, ma poi finisce abbattuto dall’aviazione.

Paura e lacrime per gli spettatori del tempo, che all’inizio sono terrorizzati dal gigantesco gorilla, ma alla fine fanno tutti il tifo per lui.

 

tumblr_ngaoc3unjj1qaqx8xo1_500 via

 

Ora che vi abbiamo fatto venire la voglia di riguardarlo in versione originale, vi diamo anche un lista di cose che probabilmente non sapete ancora del film.

 

1) Era l’autobiografia del suo creatore, Merian C. Cooper

merian-cooper-king-kong via

In che senso? vi chiederete. Presto detto. Merian C. Cooper è stato il produttore e creatore dello scimmione, che si dice gli sia apparso in sogno mentre distruggeva New York. Una volta, per farsi riconoscere,  ha urlato a un regista britannico: “Io sono King Kong!”  In effetti, più che King Kong, il suo creatore avrebbe potuto essere Carl Denham, il regista che si avventura nell’Isola del Teschio. Infatti Merian era un temerario viaggiatore e avventuriero, che verosimilmente avrebbe potuto imbattersi in un vero Kong, se ne fosse esistito uno.

 

2) Gli scimmioni andavano forti negli anni ’30

Ingagi-movieposter-1930-330x600 via

C’è stato un film del 1930, Ingagi, che ha fatto un po’ da precursore di King Kong. Anche in quella pellicola si offrono giovani donne in sacrificio a un gorilla, ma stavolta le signorine sono nude e il film è vietatissimo ai minori. Gli ultimi 10 minuti sono stati censurati del tutto negli Stati Uniti. Oltre a essere un’idea per il futuro King Kong, Ingagi è stato sicuramente un proto mondo movie, come venivano mostrati i finti documentari sexploitation degli anni ’60.

 

3) Esiste una leggendaria scena mancante

C’è una scena mitica che purtroppo è stata tagliata dal film originale: si tratta del momento più horror, in cui la povera troupe cade in un pozzo e viene assalita a un ragno enorme. Peter Jackson, nel suo remake, l’ha mostrata in tutta la sua gloria.

 

4) Viene citato nella sigla del Rocky Horror Picture Show

Essendo uno dei tanti film gettonatissimi nei doppi spettacoli a tarda notte, viene citato anche nella canzone d’apertura del Rocky Horror Picture Show, in mezzo a tanti altri titoli horror e fantascientifici dell’epoca. Then something went wrong, with Fay Wray and King Kong, they got cought in a celluloid jam” dice il testo.

 

5) Fay Wray è stata la prima scream queen

fay-wray-king-kong-1933 via

La protagonista femminile Fay Wray, di cui s’innamora Kong,  è stata insignita dell’appellativo di Scream Queen, regina dell’urlo, per la sua performance nel film. È un titolo che in seguito è stato dato a tutte le protagoniste di un horror, da Jamie Lee Curtis per Halloween a Asia Argento per aver recitato nei film del padre.

 

6) Quando è sull’Empire State Building, le sue proporzioni sono decisamente sballate

king kong_12 via

King Kong dovrebbe essere alto all’incirca 15 metri, ma nel film cambia spesso proporzioni. Quando è nell’isola a combattere i dinosauri è gigante, quando scala l’Empire State Building è più piccolo. Eh, ai tempi il rendering si faceva a mano con le miniature e le sequenze girate in stop motion, quindi qualcosa poteva andare storto. Apprezzate il romanticismo naif.

 

7) Era uno dei film preferiti di Hitler

adolf-hitler-cinema-600x300 via

Il Führer si dice che abbia visto quel film tantissime volte, insieme a Biancaneve e i Sette Nani. Ma Hitler era piuttosto strano, come avrete poi notato sui libri di storia.

 

8) King Kong era un ermafrodita?

192250-giant-monster-movies-the-son-of-kong-poster-404x600 via

Il seguito di King Kong non tardò ad arrivare e alla fine del 1933 uscì il film “Il figlio di Kong”. La scimmia questa volta è più piccola e meno aggressiva, così come il seguito meno spettacolare. Il punto però è un altro. Sull’Isola del teschio non c’era nessuna signora Kong, tantomeno a New York. Di grazia, con chi l’ha fatto questo figlio, il signor King Kong?

 

9) Tra i suoi featuring, ha fatto anche a botte con Godzilla

tumblr_mnb87rsKgB1s5or7ko1_500 via

Che volete, è un attaccabrighe. (Godzilla vs. King Kong, 1962). Ma leggete sotto…

 

10) C’è un nuovo King Kong in arrivo

skull via

Sembra proprio che King Kong non debba morire mai. Kong: Skull Island uscirà nel 2017 e vedrà la partecipazione di Samuel L. Jackson, John Goodman, Brie Larson e Tom Hiddleston. Non sarà la storia già vista in King Kong,  bensì un film che farò da antipasto al remake di King Kong vs. Godzilla, in programma nel 2020. Eh no, i mostri fighi non muoiono mai.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >