Con Bud Spencer se ne va un altro pezzo della nostra infanzia

Gli idoli di quando eravamo piccoli non dovrebbero morire mai

bud-spencer soraweb.it

 

Mentre eravamo ancora sbronzi di felicità per aver battuto la Spagna agli ottavi dell’Europeo, le bacheche dei social cambiavano del tutto umore. Erano all’incirca le 22.30 quando si è diffusa la notizia della morte di Bud Spencer, il gigante buono dei film più visti quando eravamo piccoli.

Schermata 2016-06-28 alle 11.49.36

 

Se oggi fate un giro su Facebook, troverete le bacheche intasate di ricordi, in cui la parola chiave è infanzia. Anche tra quelli che di solito rompono le scatole quando qualcuno celebra la morte di un personaggio famoso. Nella memoria di tutti noi, infatti, i pugni di Bud Spencer  sono stati un appuntamento fisso che sapevamo non ci avrebbe mai deluso. Non esiste che qualcuno non abbia mai visto uno dei suoi film, di quelli in cui lui e Terence Hill mettevano a posto i cattivi a son di sberle  e di cazzottoni sulla testa, che facevano sempre lo stesso rumore, il caratteristico cha. Pensi a Bud Spencer e ti vengono in mente il Sud America, i caschi di banane, la Dune Buggy, la frittata che non si fa con due né con quattro uova, ma con dodici, i fagioli e il canto dei pompieri.

 

tumblr_lytuq84dFw1qixaveo1_500-1

 

Ti ricordi di quando faceva l’allenatore di football americano per una squadra di sfigati o di com’era contrariato quando arrivava Trinità in città, ma anche di quanto gli voleva bene. Pensi subito a quegli occhietti furbi e quasi chiusi, montati su un faccione da buono che quando s’incazza fa paura. A uno che non vuole mai essere disturbato mentre mangia, perché ama mangiare.

 

bud-spencer-ebedel

 

Bud incarnava il buono che non ha lati oscuri e che come i bambini risolve tutto a pizze in faccia, ma solo con chi se lo merita. Chiaro che poi ognuno di noi abbia il suo ricordo personale, era come il parente che tutti sognano da piccoli, lo zio orso che ti protegge e su cui puoi contare. I suoi film con Terence Hill sono stati l’update definitivo di quelli di Stanlio e Ollio, facevano ridere tutte le generazioni e quando li danno in replica, li riguardiamo sempre volentieri, anche se ormai li conosciamo a memoria, sicuri che ci strapperanno una risata.

È stato amato da tutti indistintamente, anche dopo la delusione della candidatura  in Forza Italia. Ti dici “Ok, gli voglio troppo bene per prendermela per robe politiche” proprio come faresti con un parente simpatico di centrodestra e continui imperterrito a guardarlo in azione, meglio se accompagnato dalle note degli Oliver Onions, che rendono le sue gesta ancora più iconiche.

 

 

Non c’è da stupirsi quindi se oggi politici, musicisti, intellettuali, complottisti, tronisti, gentisti e tutto il resto di persone normali si mettono a condividere il suo ricordo, né c’è da fare troppo i cinici se qualcuno si lascia andare al melodramma. Capita quando c’è di mezzo l’innocenza dell’infanzia, che vive di idoli immortali, di eroi da tappezzarci di poster la camera, di gente che pensi essere immortale fino a prova contraria e che, nonostante abbia vissuto una vita lunga e felice, quando se ne va non ti sembra vero.

Bud Spencer è sicuramente uno dei grandi personaggi che hanno fatto parte della nostra crescita, di quelli che ci hanno insegnato a porgere l’altra guancia sì, ma nemmeno troppo, per non passare da buoni a coglioni. Robe come questa, te le porti dietro per tutta la vita e valgono più di un anno a catechismo.

 

 

Si dia inizio quindi alle celebrazioni, guardiamo tutti insieme Altrimenti ci arrabbiamo o Lo chiamavano Trinità insieme a una birra gelata e a una padella piena di fagioli. Niente lacrime, solo risate. Poi, se prende la malinconia potete farvi un giro sul suo sito ufficiale, in cui trovate il suo ultimo album intitolato Futtetenne e in cui potrete saperne di più sulla sua vita, attraverso la web series in cui impartisce anche notevoli lezioni di vita.

Per quanto mi riguarda, uno che ha girato una scena come questa, non morirà mai.

 

Bud_Spencer_gesto_dell'ombrello

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >