Con Bud Spencer se ne va un altro pezzo della nostra infanzia

Gli idoli di quando eravamo piccoli non dovrebbero morire mai

bud-spencer soraweb.it

 

Mentre eravamo ancora sbronzi di felicità per aver battuto la Spagna agli ottavi dell’Europeo, le bacheche dei social cambiavano del tutto umore. Erano all’incirca le 22.30 quando si è diffusa la notizia della morte di Bud Spencer, il gigante buono dei film più visti quando eravamo piccoli.

Schermata 2016-06-28 alle 11.49.36

 

Se oggi fate un giro su Facebook, troverete le bacheche intasate di ricordi, in cui la parola chiave è infanzia. Anche tra quelli che di solito rompono le scatole quando qualcuno celebra la morte di un personaggio famoso. Nella memoria di tutti noi, infatti, i pugni di Bud Spencer  sono stati un appuntamento fisso che sapevamo non ci avrebbe mai deluso. Non esiste che qualcuno non abbia mai visto uno dei suoi film, di quelli in cui lui e Terence Hill mettevano a posto i cattivi a son di sberle  e di cazzottoni sulla testa, che facevano sempre lo stesso rumore, il caratteristico cha. Pensi a Bud Spencer e ti vengono in mente il Sud America, i caschi di banane, la Dune Buggy, la frittata che non si fa con due né con quattro uova, ma con dodici, i fagioli e il canto dei pompieri.

 

tumblr_lytuq84dFw1qixaveo1_500-1

 

Ti ricordi di quando faceva l’allenatore di football americano per una squadra di sfigati o di com’era contrariato quando arrivava Trinità in città, ma anche di quanto gli voleva bene. Pensi subito a quegli occhietti furbi e quasi chiusi, montati su un faccione da buono che quando s’incazza fa paura. A uno che non vuole mai essere disturbato mentre mangia, perché ama mangiare.

 

bud-spencer-ebedel

 

Bud incarnava il buono che non ha lati oscuri e che come i bambini risolve tutto a pizze in faccia, ma solo con chi se lo merita. Chiaro che poi ognuno di noi abbia il suo ricordo personale, era come il parente che tutti sognano da piccoli, lo zio orso che ti protegge e su cui puoi contare. I suoi film con Terence Hill sono stati l’update definitivo di quelli di Stanlio e Ollio, facevano ridere tutte le generazioni e quando li danno in replica, li riguardiamo sempre volentieri, anche se ormai li conosciamo a memoria, sicuri che ci strapperanno una risata.

È stato amato da tutti indistintamente, anche dopo la delusione della candidatura  in Forza Italia. Ti dici “Ok, gli voglio troppo bene per prendermela per robe politiche” proprio come faresti con un parente simpatico di centrodestra e continui imperterrito a guardarlo in azione, meglio se accompagnato dalle note degli Oliver Onions, che rendono le sue gesta ancora più iconiche.

 

 

Non c’è da stupirsi quindi se oggi politici, musicisti, intellettuali, complottisti, tronisti, gentisti e tutto il resto di persone normali si mettono a condividere il suo ricordo, né c’è da fare troppo i cinici se qualcuno si lascia andare al melodramma. Capita quando c’è di mezzo l’innocenza dell’infanzia, che vive di idoli immortali, di eroi da tappezzarci di poster la camera, di gente che pensi essere immortale fino a prova contraria e che, nonostante abbia vissuto una vita lunga e felice, quando se ne va non ti sembra vero.

Bud Spencer è sicuramente uno dei grandi personaggi che hanno fatto parte della nostra crescita, di quelli che ci hanno insegnato a porgere l’altra guancia sì, ma nemmeno troppo, per non passare da buoni a coglioni. Robe come questa, te le porti dietro per tutta la vita e valgono più di un anno a catechismo.

 

 

Si dia inizio quindi alle celebrazioni, guardiamo tutti insieme Altrimenti ci arrabbiamo o Lo chiamavano Trinità insieme a una birra gelata e a una padella piena di fagioli. Niente lacrime, solo risate. Poi, se prende la malinconia potete farvi un giro sul suo sito ufficiale, in cui trovate il suo ultimo album intitolato Futtetenne e in cui potrete saperne di più sulla sua vita, attraverso la web series in cui impartisce anche notevoli lezioni di vita.

Per quanto mi riguarda, uno che ha girato una scena come questa, non morirà mai.

 

Bud_Spencer_gesto_dell'ombrello

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >