Buon compleanno Chuck Norris, festeggiamolo con i 10 facts più divertenti

Abbiamo intervistato gli autori di welovechucknorris.it che ha compiuto 10 anni

insomak via

 

Oggi, 10 marzo 2016, Chuck Norris compie 76 anni ed entra a pieno titolo nell’anzianità. L’attore dell’Oklahoma è diventato famoso per i suoi film d’azione, a partire da L’urlo di Chen terrorizza anche l’occidente (1972) del grande Bruce Lee, fino ad arrivare alla sua comparsata epica in Expendables 2 (2012) in cui anche Sylvester Stallone si inchina al suo potere. Nel mezzo, una vita passata a spaccare la faccia ai cattivi nel telefilm Walker Texas Ranger (1993-2001).

 

 

Le ultime generazioni però lo hanno conosciuto più per i facts che per le sue vere e proprie azioni di lotta o per i suoi ruoli memorabili. Per spiegarlo in due parole, i facts sono le notizie inventate, inverosimili e iperboliche sulla sua fantomatica potenza totale, che si sono diffuse verso il 2005 nei canali IRC e in forum come Something Awful, per poi dilagare ed essere condivise un po’ da tutti. Non esiste una persona che durante i primi anni di Facebook in Italia non abbia condiviso le battute su Chuck Norris.

 

norris1 via

 

La colpa è soprattuto di Riccardo Bidoia (Mist) e Massimo Fiorio (Dietnam), responsabili del sito welovechucknorris.it, della pagina Facebook e dell’account Twitter che hanno riscontrato talmente tanto successo da essere trasposti in sei libri editi da TEA.

Alla vigilia dei 10 anni dall’inizio di questo esilarante progetto abbiamo chiesto proprio a loro, Riccardo e Massimo com’è gli è venuto in mente di aprire un sito di facts di Chuck Norris. 

Tutto è iniziato con una banalissima chat su Msn Messenger. Un link al sito americano con i Chuck Norris Fact“Uhm, però forse non fanno molto ridere”. Dopo mezz’ora eravamo piegati in due. Morti. “Ma qualcuno avrà pensato di tradurli in italiano?” Controllo veloce su Google: no. Mezz’ora dopo il sito era online, con una manciata di fact tradotti. Dal giorno dopo abbiamo iniziato a crearne di originali. Il passaparola è stato rapidissimo: 25mila visitatori unici al giorno in un periodo in cui non esistevano i social network erano cifre folli. 1200 mail in un solo giorno lo ricordiamo ancora come il record assoluto per quella che è stata un’avventura che ha appena raggiunto i 10 anni di vita. Sull’onda del nostro entusiasmo sono nati altri siti e per un po’ ci siamo sentiti pionieri delle cazzate. Con un sito del genere oggi probabilmente avremmo fatto dei gran soldi, e invece siamo stati dei cazzoni che si son limitati ad aggiornare un sito con le nostre creazioni (di Riccardo, principalmente) e i tantissimi contributi dei nostri lettori e poco altro. Quel “poco altro” per fortuna son stati 6 libri che hanno venduto più di 120mila copie, una cosa di cui ancora ci bulliamo con gli amici.

 

51fMbUVXF2L._SX331_BO1,204,203,200_ via

Il percorso è stato tutto in discesa?
No, abbiamo pure avuto degli scazzi non da poco: una casa editrice di Roma aveva pubblicato un libro contenente praticamente i primi sei mesi del sito, svariati mesi prima che pubblicassimo il primo libro ufficiale. Gli abbiamo scagliato contro gli avvocati e pure qualche bestemmia e tutto è rientrato; lo Zoo di 105 che ha iniziato a prendere le frasi e usarle senza citarci (anche lì abbiamo scagliato qualche bestemmia e, alla fine, hanno iniziato a citarci. Poi hanno smesso, poi hanno ricominciato, e così per anni. Sicuramente la pubblicità che è arrivata da loro è stata apprezzata, ma interagirci non è certo stata una delle cose più piacevoli di questi 10 anni).

 

2bn via - Mist & Dietnam

 

I momenti più emozionanti?
Lo scatolone contenente i primi libri; i rendiconto del primo anno; finire in homepage su Repubblica. Soprattutto i rendiconto, dai.

Ma i facts su Chuck Norris funzionano ancora oggi, a 10 anni di distanza?
Il sito è ancora vivo, lo aggiorniamo meno spesso e si parla di una nuova versione della raccolta di tutti i fact. E noi siamo i soliti pigri di sempre, con 10 anni in più. Ah: se qualcuno è interessato, abbiamo ancora alcune magliette “ufficiali”, risalenti a 10 anni fa: magari le metteremo in vendita nei prossimi giorni, settimane, mesi…

Ecco i 5 fact preferiti di Riccardo

1) Chuck Norris può vincere la lotteria per k.o.

giphy-66 via

La lotteria. Per k.o. Capite? È incredibile. E divertentissimo. Ahahah! Davvero, visualizzate la scena e ridete con me.

 

2) I fermenti lattici degli yogurt di Chuck Norris sono tutti morti

giphy-67 via

Per l’importanza “storica”, è il titolo del nostro primo libro.

 

3) Quando Chuck Norris fa le flessioni non alza se stesso, abbassa la terra

giphy-71 via

Perché è uno dei primi originali che ho letto e mi ha fatto capire il potenziale del fenomeno.

 

4) Il vero nome di Chuck Norris è Carlos Ray Norris. Ha scelto questo nome d’arte perché, fin da quando era piccolo, il suo idolo era Chuck Norris.

giphy-68 via

Perché adoro i fact con paradossi spazio-temporali.

 

5) La matematica è un’opinione di Chuck Norris

1jF9N via

Perché mi viene in mente subito. Da anni. Quindi vuol dire che è un bel fact

 

Ecco i 5 fact preferiti di Massimo

1) Chuck Norris, ancora teenager, ha messo incinta ogni singola suora di un convento nascosto sulle colline della Toscana. Nove mesi dopo le suore hanno dato alla luce i Miami Dolphins del 1972, l’unica squadra imbattuta nella storia del football professionistico.

giphy-69 via

Perché dai, è clamorosa. Punto.

 

2) Chuck Norris annega i pesci.

giphy-70 via

Perché è la prima che ho creato, e ancora mi sembra perfetta.

 

3) Chuck Norris ha contato fino a infinito. Due volte.

Chuck-norris-says via

Il classico dei classici.

 

4) Chuck Norris deve usare una controfigura nelle scene di pianto.

giphy-72 via

Mi piace molto perché è la verità.

 

5) I rubinetti in casa di Chuck Norris non perdono, vincono.

the-best-dodgeball-quotes-gifs-and-shops-632617 via

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >